BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L’aeroporto produce ricchezza ma troppi contratti a termine”

Un lettore chiama in causa la societ?? di gestione dell'aeroporto non per il rumore dei decolli, ma sul tema del lavoro.

Un lettore trevigliese, Narno Pinotti, chiama in causa Sacbo (la società di gestione dell’aeroporto di Bergamo-Orio al Serio, a maggioranza pubblica), stavolta non per il rumore dei decolli, ma sul tema del lavoro.  

Gentile redazione,
vorrei tornare sullo sviluppo di Orio: non però dal punto di vista ambientale, ma per così dire politico.
Sacbo, che gestisce lo scalo fin dall’apertura ai voli civili, è una società per azioni la cui maggioranza è detenuta da enti pubblici, fra cui comune e provincia di Bergamo. Le amministrazioni elette dai cittadini mantengono (o persino aumentano) le loro quote, perché giudicano importante controllare la gestione dello scalo: tutto bene, fa parte della loro autonomia di mandato.
Tuttavia la politica può entrare nell’economia solo se tiene presente i propri peculiari fini, che non sono solo i profitti, bensì soprattutto la mediazione fra soggetti e la tutela di alcuni interessi generali. Il suo principale mezzo di azione è il denaro pubblico: non solo tasse, ma anche beni mobili e immobili, investimenti, mutui e appunto quote azionarie in società che forniscono servizi (fra cui il trasporto).
Ora, a quanto pare Sacbo SpA fa funzionare varie attività dell’aeroporto tramite contratti a termine: uno strumento previsto dalla legge, certo; senonché la sua reiterazione esasperata fa sì che parecchi giovani dipendenti lavorino per tre mesi, siano licenziati per pochi giorni e riassunti per il successivo trimestre. Questo per anni, mentre i contratti a tempo indeterminato sono concessi con il contagocce.
Non dubito che un aeroporto abbia da un lato spese fisse ingenti, dall’altro ricavi fortemente condizionati dai flussi di traffico e dalle scelte delle compagnie aeree: è perciò fisiologico che una parte del personale sia precaria. Ma qui sta il punto: dal 2002 Sacbo vanta bilanci in attivo sia per i passeggeri sia per le merci, spesso con margini di crescita a due cifre (solo nel 2008 il settore cargo ha subito una flessione, contenuta, in gran parte dovuta alla crisi), e scala posizioni nella classifica degli aeroporti italiani. Ora, a mio parere una società a maggioranza pubblica deve produrre non solo profitti, ma anche lavoro e sicurezza sociale. E Sacbo è in condizione di farlo, da anni.
Del resto le amministrazioni pubbliche (dalla Regione in giù) destinano fondi per costruire case a prezzo agevolato o per aiutare le giovani coppie a comprar casa o a pagare l’affitto. Ma creare posti di lavoro sicuri non è forse un altro modo per ottenere gli stessi risultati? Anzi non è forse un modo migliore, visto che la prospettiva di un reddito sicuro e dignitoso dà al lavoratore la libertà di decidere della propria vita, senza aver paura di ammalarsi, accendere un mutuo o avere un figlio?
In breve: siamo di fronte a un modello di sviluppo che produce ricchezza e non lavoro? Mi piacerebbe che Sacbo rispondesse, meglio ancora se per dimostrare che i miei timori sono infondati.
Grazie e cordiali saluti
Narno Pinotti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mauro

    D’accordo sui contenuti dell’intervento, anche se per fortuna di recentequalcosa è cambiato. Infatti un recente accordo sindacale ha previsto la stabilizzazione di tutti i lavoratori somministrati in Sacbo che per anni sono stati reiterati nel tempo (una sessantina). Negli ultimi anni infatti Sacbo ha perso delle cause di lavoro patrocinate dai sindacati. In seguito alle cause e alle successive trattative il sindacato è poi riuscito a raggiungere un accordo per stabilizzare tutti gli interinali.

  2. Scritto da gd

    Ripeto per l’ennesima volta.
    Il comitato di Colognola non è formato da rifondaioli comunisti è apolitico. Individualmente ognuno fa le sue scelte di voto, ma questo non deve influire sul lavoro del comitato il cui scopo è quello di chiedere che vengano tutelate la salute e la sicurezza dei cittadini ed il rispetto delle leggi in materia di aviazione civile.

  3. Scritto da Ciò

    E’ una redazione di sinistra. Parla di Orio al Serio solo per parlarne male. Sotto sotto loro sono dalla parte dei rifondaioli comunisti del comitato di Colognola.
    Basti pensare che loro puublicano nei trafiletti questo articolo, ma non quello dei nuovi voli (Gatwick e Brno) che cronologicamente sono più recenti e che quindi normalmente dovrebbero andare per primi sui trafiletti di sintesi…

  4. Scritto da desde fo

    Redazione. Svegliati. Che ci stanno a fare i discorsi di politica su un articolo che parla dei benefici di uno scalo???

  5. Scritto da corti-novis

    leggete,,, in Italia ci sono 800.000 giovani fra 19- 30 anni che non studia e non lavora…

  6. Scritto da gorlak

    X P.G. Stiamo parlando di rivoluzioni, non di svendite pubbliche.
    X Rivoluzione. Sei completamente disinformato, forse non sai quanta gente moriva di fame e sfruttamento con gli zar in Russia e con il dittatore filo-americano a Cuba.

  7. Scritto da LEX

    x 17……etc significa anche….malpensa, cuneo, venezia, torino, bologna,cuneo……spero tu abbia capito il messaggio ora…..

  8. Scritto da Maurizio da Arcene

    Condivido il contenuto/domanda che il sig. Narno Pinotti di Treviglio, rivolge alla soc. SABCO. Vorrei aggiungere che sarebbe interessante conoscere il parere delle Confederazioni sindacali locali sull’argomento, e quali sono le iniziative che queste hanno in corso perchè la SABCO produca ricchezza e lavoro, non solo precario.

  9. Scritto da P.G

    Le chiedo scusa sig.gorlak ma con tutto il rispetto credo sia lei che non vuol capire.Per me pari sono.

  10. Scritto da pandemonio

    Sig.Marilena i casi sono due,o vende tutto e si trasferisce a Cuba,o si attiene alla volontà della maggioranza degli italiani!Ah dimenticavo che quando non votano per la sinistra sono caproni e servi di qualcuno.Piano piano riuscirete anche a far fallire un aeroporto che funziona con la vostra demagogia din sapientoni.

  11. Scritto da P.G

    Per gorlak.Credo che lei sia fuori strada,anche nel 1935 in piena era fascista si viveva meglio che nel 1918.Allora salviamo il fascismo?

  12. Scritto da legalità

    el merendeiro se quello che riferisci è un piccolissimo passo proseguite speditamente verso un modo di sviluppo e vivere giusto ed equo (mi sembra che sei abbastanza introdotto )
    piu sicurezza dell posto di lavoro piu sviluppo x tutti

  13. Scritto da El Merendeiro

    In linea di massima sono d’accordo con il lettore, anche se, a onor del vero, nell’ultimo anno sono state regolarizzate 90 posizioni lavorative, di cui 60 a tempo indeterminato…una goccia? Probabilmente, ma è un inizio che fa ben sperare. Una struttura di questo tipo non può permettersi un organico totalmente a tempo indeterminato, non dimentichiamoci però anche chi lavora nell’indotto…lì sì che c’è lavoro per i sindacati!!

  14. Scritto da polpopaul

    Pienamente d’accordo con la lettera. Basta che, però, l’aeroporto non diventi l’ennesimo carrozzone pubblico dove parcheggiare amici e parenti dei politici.

  15. Scritto da corti-novis

    sono contenti quando gli utili superano i 12 milioni…. meno contenti chi è precario e di soldi non arriva alla fine del mese… la parte pubblica anche quà come sempre pensa al profitto non al benessere dei suoi cittadini, come per la questione ambientale non pensa alla salute…. quando cacceremo i capitalisti dalle istituzioneallora anche i proletari ne guadegneranno in salute e in soldi…..

  16. Scritto da Gli amici

    polpopaul
    perchè, gli amici e i paretnti dei politici non devono trovare lavoro?
    Solo gli amici dei sindacalisti? O di polpopaul?
    Uno per lavorare deve ripudiare un politico oppure, se è parente, disconoscerlo?

  17. Scritto da Proletariato

    corti-novis
    Si, come in Russia, in Cina, a Cuba, insomma dove ha vinto il proletariato.

  18. Scritto da neroblu

    Sacbo sfrutta per l’interesse di pochi, lo sappiam tutti benissimo…. Sarebbe bene che i contratti avessero una scadenza minima di 6 mesi con ferie e malattia riconosciute! Personalmente conosco ragazzi che ogni giorno anche con la febbre si alzano alle 5 per andare ad aprire l’aereoporto e i suoi negozi e attività. An sé mia in Cina!!

  19. Scritto da corti-novis

    La rivoluzione è sempre dietro all’angolo, la storia ci insegna…

  20. Scritto da polpopaul

    X Gli Amici. Il classico carrozzone statale prevedeva assunzioni non per meriti ma per parentele o conoscenze. La cosa non è poi cambiata molto, se è vero che un paio di ministre sono arrivate al ruolo per stretta amicizia con il premier. Quindi nè amici dei sindacalisti (sono d’accordo con lei) nè amici di polpopaul (tutti già ben saldi sulle loro gambe). Uno per lavorare non deve ripudiare o disconoscere un amico o parente politico, semplicemente non ne deve approfittare.

  21. Scritto da Rivoluzione

    @8 corti-novis
    si, ma speriamo che non sia quella rossa. Non vorrei finire come l’Unione Sovietica dopo la rivoluzione d’ottobre, o quella cubana dopo la rivoluzione di castro. Una vera presa per il c…lo del popolo.

  22. Scritto da marilena

    per 10. Io purtroppo sono già finita nella RIVOLUZIONE di berlusconi e bossi e non ne posso più! Peggio di così…

  23. Scritto da gorlak

    X 10. Mi piacerebbe che tu vivessi come vivevano i russi e i cubani prima delle rispettive rivoluzioni. Poi vediamo se ti passa la voglia di fare il galletto. Studia e poi parla.

  24. Scritto da LEX

    Spero che la Lega intervenga……..ma è mai possibile che solo a Bergamo un coordinatore di scalo prenda lo stesso stipendio di un ufficio informazioni? e si parla di stipendi di sopravvivenza qui a bg…… ma è mai possibile che gli azionisti se ne freghino di tutto quello che succede in aeroporto. dove è la contrattazione di 2 livello? andate a vedere gli stipendi di palermo, Napoli,etc.. e il coefficiente lavoratori-passeggeri……Vergogna per chi sa e non fa niente!!!!! Lega dove sei?

  25. Scritto da Cuma l'è ca l'è?

    Ai piedi del titolo di quest’articolo nella pagina precedente c’è l’accusa dei decolli.
    E primace n’erano 3 di di trafiletti, di cui …
    Giornale di parte?

  26. Scritto da Rivoluzione

    @11 Marilena
    Comunque sempre meglio di quelle comuniste: la rivoluzione d’ottobre in russia e quella di castro a cuba

  27. Scritto da Rivoluzione

    x 12
    Perchè tu c’eri, ho hai solo letto. A questo punto bisogna vedere che edizioni hai letto. E comunque è stato dimostrato che la toppa è stata peggio del buso, come si suol dire. Gli zar non avevano fatto i milioni di morti che ha fatto il comunismo. E batista, a Cuba, non è stato certo peggio di Fidel.
    Questa è storia per chi ha un minimo di onestà intellettuale.

  28. Scritto da Mantenuti

    Lex
    Ma Palermo e Napoli sono i mantenuti d’Italia. E’ il mezzogiorno, bellezza!
    Vuoi ridurre anche l’aeroporto di Bergamo al fallimento?