BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Grave lo scempio del verde da parte di un educatore”

Una cittadina di Bergamo protesta: "Non si rispetta l'ambiente per risparmiare. Sarebbe stato sufficiente arretrare di 4-5 metri".

Più informazioni su

Una cittadina di Bergamo protesta per lo scempio del verde per costruire la palestra dell’Imiberg.

L’Istituto Educativo Imiberg (Fondazione Maddalena di Canossa) di Bergamo si appresta a costruire una palestra in fregio alla via Minzoni, in una delle aree verdi superstiti della città, ben visibile dalla Città Alta. A tale scopo ha abbattuto alcuni tigli e olmi frondosi di circa cinquanta anni di età; altri alberi stanno per subire la stessa sorte.
Si è trascurata la possibilità di dare alla palestra altra ubicazione nella vasta area a disposizione della scuola evitando l’abbattimento degli alberi e con risultati più rispettosi per l’ambiente e il paesaggio. Sarebbe stato sufficiente anche solo arretrare la prevista costruzione di 4-5 metri rispetto al progetto ora definito.
Alle rimostranze degli abitanti della zona, l’Istituto ha risposto che una soluzione alternativa avrebbe presentato difficoltà tecniche (e di conseguenza maggiori costi). La preminenza è stata data al denaro, nessuna attenzione al danno paesaggistico e ambientale che peserà sulle generazioni future.
Non risulta che l’Imiberg navighi in cattive acque e non sia in grado di affrontare una spesa un po’ più consistente.
Stupisce che un istituto che si definisce educativo non si preoccupi di rispettare il verde e peggiori l’aspetto e la vivibilità della città.
Stupisce e preoccupa che un istituto che dovrebbe educare i bambini al rispetto degli altri, alla tutela dell’ambiente, e quindi a diventare cittadini responsabili, scelga con arroganza di ignorare la comunità in cui vive e si faccia guidare esclusivamente da considerazioni di carattere economico.
Stupisce ancora di più la superficialità con cui le istituzioni preposte al controllo hanno permesso tale scempio.
Silvana Curioni

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mirko

    Bello quando un piccolo problema si trasforma in discussione generale sull’andamento del mondo intero per non parlare poi del problema specifico. Qua non c’entra nulla la politica di espansione delle città, si tratta solo di avere un po’ di buon senso e aiutare anche i ragazzi a ricordarsi come è fatto un albero prima che spariscano tutti…

  2. Scritto da frank

    tutti giudici e tutti ecologisti………………..con le cose altrui

  3. Scritto da julius

    moltissimi “ambientalisti” posseggono:
    3-5 telefonini (ma protestano per le antenne cancerogene)
    2 macchine diesel del 1986 euro sottozero (ma protestano per le marmitte catalitiche degli altri)
    abitazioni senza idonea isolazione (ma protestano per l’innalzamento della temperatura) e con tetto in amianto (ma protestano anche per questo)..

  4. Scritto da julius

    a parte questo, amano il prossimo (denunciano il postino se consegna con 1 giorno di ritardo il proprio estratto conto) e il verde (tagliare alberi è reato gravissimo, di grado civile, penale, incivile e penoso)…
    detesto gli estremisti del verde, come questa signora saccente molto brava nel sentenziare a vanvera, creando assiomi poco intelligenti

  5. Scritto da corti-novis

    Verdi ottusi te lo tieni per te, il clima lo dicono gli esperti perchè c’è anche troppa cementificazione, i permessi di ottusi politici che vogliono mettere la testa sotto la sabbia è pieno nelle istituzione…..

  6. Scritto da pandemonio

    Guarda corti-novis che dove abiti tu anni fa era tutto prato e verde poi per darti la casa da abitare hanno buttato all’aria tutto e i contadini hanno smesso di lavorare la terra.Non ti senti un po in colpa?Sono sempre gli altri che sbagliano?

  7. Scritto da marilena

    ‘non è un istituto religioso? I soldi prima di tutto, perchè stupirsi?

  8. Scritto da corti-novis

    Non so se hai visto come il quartiere popolare di Monterosso è stato costruito , grandi spazi verdi fra una casa e l’altra…

  9. Scritto da gigi

    se fossi un verde, sicuramente mi direi ottuso, ma fortunatamente non lo sono, poi, gli esperti a cui ti riferisci, sono di parte e più animati da voglia di dissentire dagli altri solo per motivi politici che per sensibilità ambientali.inoltre, voi partite dal fatto che o sei un verde o sei un cementificatore, non avete vie di mezzo ed è impossibile dialogare perciò se mi imponi di scegliere o uno o l’altro, scelgo l’altro

  10. Scritto da Alberto Da Giussano

    Gli alberi in citta vanno abbatuti a priori..basta un colpo di vento x fare disastri!

  11. Scritto da I verdi sguazzano

    Gli esperti….gli esperti….gli esperti.
    Pure loro tengono famiglia e qualcosa devono dire gli esperti… qualcosa di diverso da quello detto da un’altro esperto.
    Se si leggono i pareri degli esperti dul clima…abbiamo mille valutazioni a seconda degli ….esperti. Chi dice una cosa, e chi dice il contrario….e i verdi sguazzano.
    Prima c’erano le lotte proletarie per la sinistra, ora che non c’è più il proletariato si lotta per il verde.
    Sempre lotta continua è.

  12. Scritto da matteo

    ma di chi e’ l’area?? Se e’ casa loro faranno poi quello che gli pare?? Non credo che colei che ha scritto l’articolo si straccerebbe le vesti se in casa sua decidesse di riprodurre il pantheon in miniatura.

    Guardiamoci allo specchio prima di commentare i fatti altrui.

  13. Scritto da gigi

    sono molte le zone che prima erano verdi poi sono state cementificate, se il tutto viene fatto a norma, può dispiacere, ma se ne hanno la possibilità fanno bene, evitiamo di fare i verdi ottusi