BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cosa cambia con le modifiche al codice

Ecco le principali modifiche al codice della strada, entrate in vigore dal 13 agosto e approvate in parlamento il 30 luglio scorso.

Ecco le principali modifiche al codice della strada, entrate in vigore dal 13 agosto e approvate in parlamento il 30 luglio scorso.

Sobri al volante
Gli automobilisti patentati da meno di tre anni non potranno bere alcol prima di guidare. Obbligo esteso anche ad autisti, tassisti, camionisti, che rischiano il licenziamento per giusta causa qualora vengano sorpresi in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Si inaspriscono le sanzioni per chi verrà preso a guidare con una percentuale di alcol nel sangue (immutata a 0,5g/l) superiore rispetto a quanto stabilito, compresi i minorenni: le procedure per il conseguimento della patente B verranno posticipate in forma punitiva fino a 19 o – nei casi più gravi – 21 anni.

E sempre a proposito di alcol
Dalle tre di notte fino alle sei locali ed esercizi commerciali non potranno servire alcolici. Le uniche deroghe sono previste per le notti di Capodanno e Ferragosto (discutibile?). Il divieto riguarda anche gli Autogrill: dalle 22 per i superalcolici e dalle 2 del mattino per birra e vino. Tutti i locali che proseguono l’attività oltre mezzanotte dovranno mettere a disposizione dei clienti un etilometro.

Animali feriti 
L’articolo 31 (articolo 32 del testo approvato dal Senato) equipara alle autoambulanze per uso umano quelle adibite al soccorso di animali o ai servizi di vigilanza zoofila ed estende le esimenti conseguenti al trasporto in condizioni di necessità, a quello dovuto al trasporto di animali in gravi condizioni di salute.
È introdotto l’obbligo per l’utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, da cui derivi danno a uno o più animali d’affezione, da reddito o protetti, di fermarsi e di porre in atto ogni misura idonea ad assicurare un tempestivo intervento di soccorso agli animali che abbiano subìto il danno, prevedendo, in difetto, la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 389 a euro 1.559.

Neo patentati “lumachine”
Reso effettivo il limite di potenza massima per i neo patentati. L’anno successivo al conseguimento della patente un giovane autista non potrà guidare auto con potenza specifica superiore a 55 kW/t – e comunque non maggiore di 70 kW.

Patente sospesa: tre ore solo per andare a lavorare
L’automobilista con patente sospesa potrà chiedere al Prefetto un bonus di tre ore quotidiane per andare al lavoro o svolgere attività indispensabili. In compenso verrà allungata la durata della sospensione e negata la possibilità di avanzare ricorso. Dopo tre infrazioni gravi (con perdita per ciascuna di almeno 5 punti) commesse nel biennio si dovrà ripetere la procedura per conseguire la licenza di guida senza nemmeno poter guidare i ciclomotori. E’ inoltre prevista una visita medica biennale per gli automobilisti ultra 80enni, mentre i professionisti potranno guidare senza limiti d’anzianità purché si sottopongano ad un controllo annuale una volta compiuti 68 anni.

Multe a rate
In base all’ultima dichiarazione dei redditi chi ha un reddito imponibile non superiore a 10.628,16 euro può richiedere il pagamento dilazionato delle multe, purché queste (singole o cumulate) abbiano importo superiore a 200 euro. Il termine per la notifica delle contravvenzioni è ridotto da 150 a 90 giorni.

Autostrada e limiti di velocità: occhio al contachilometri
Le società autostradali potranno portare i limiti a 150 km/h nei tratti a tre corsie, a patto però che sia presente il tutor. Il nuovo Codice della Strada prevede sanzioni inferiori per chi viene pizzicato a superare i limiti di velocità di 10 km/h: tre punti invece di cinque e multa invariata a 155 euro. Le pene sono invece più severe – specie a livello economico – per chi supera i limiti nell’arco compreso fra 40 e 60 km/h, con una sanzione di 500 euro (+130), la sospensione della patente da uno a tre mesi e la decurtazione di dieci punti; rimosso il divieto di guida tra le ore 22 e le 7 per i tre mesi successivi alla restituzione della patente. Chi superasse il limite di oltre 60 km/h dovrà pagare 779 euro (+229), rinunciare a 10 punti ed alla patente per una durata compresa fra sei e dodici mesi.

Micro-car e motorini nel mirino
Le azienda produttrici di micro-car e motorini dalle prestazioni “truccate” (velocità superiore a 45 km/h) dovranno pagare 1.000 euro di multa, 779 euro le officine che compiono la manomissione e 389 i proprietari. I conducenti di micro vetture avranno l’obbligo di indossare sempre le cinture di sicurezza e tenere i fari accessi.

La targa è mia
Al momento di vendere o rottamare un’auto il proprietario dovrà smontare la targa e destinarla alla nuova vettura, senza la possibilità di abbinarla a più di un mezzo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.