BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cromo nell’acqua, “qualcuno tenta di nasconderlo”

Alte concentrazioni di sali nella falda acquifera. L'Arpa: chiaro intento di mascherare l'inquinamento da Cromo VI. Sotto osservazione la Cromoplastica International.

Più informazioni su

Spuntano grossi quantitativi di sali disciolti nella falda acquifera della Bassa Bergamasca (tra Verdellino e Treviglio) inquinata da Cromo VI, o esavalente. E non a caso spunta anche una certa concentrazione di Cromo III; che potrebbe essere il risultato di una reazione chimica tra il cromo esavalente e i sali disciolti in acqua. Ma perché? Secondo l’Arpa qualcuno potrebbe aver tentato di sciogliere sale in acqua per nascondere l’inquinamento da cromo esavalente. “Si è trattato di un’azione della quale non eravamo stati assolutamente informati – ha commentato il direttore dell’Arpa di Bergamo Maurizio Di Toro -. Lo scopo era quasi certamente quello di mascherare l’inquinamento di Cromo VI in corso.
I sospetti riguardano soprattutto l’azienda Cromoplastica International spa di Verdellino (zona industriale Zingonia). L’ultima campagna di analisi dell’Arpa, terminata a luglio e presentata negli ultimi giorni, dice infatti che “l’origine del plume inquinante”, è stata individuata all’interno della Cromoplastica. Da lì l’acqua inquinata sembra lasciare ampie tracce fino all’altezza di Arcene, ai cosiddetti pozzi Invernizzi di Arcene, nella zona Ovest del paese. Ma sono le stesse analisi a dire anche che all’interno dell’azienda, nel giro di un mese, è aumentato di molto il livello di sali disciolti.
L’Arpa incontrerà presto i responsabili dell’azienda.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da acqua chiara

    dal 2007 dai rubinetti domestici esce acqua con valori variabili tra 5 e 37 microgrammi litro di cromo esavalente. Come può affermare LDN che l’inquinamento riguarda la falda e non l’acquedotto?

  2. Scritto da c

    se l’Arpa ha ragione, i responsabili dell’azienda come minimo dovrebbero essere costretti al pagamento di tutte le opere necessarie alla bonifica

  3. Scritto da giobatta

    provate a cercare anche l’atrazina, magari si trova ancora nella falda…
    se qualcuno ne sa qualcosa, per favore ci informi

  4. Scritto da L.P.N.E.

    Questi sono i problemi da affrontare ovviamente da politici con cervello e p….e !! Ma purtroppo abbiamo la classe politica della “Nutella”e dei calciobalilla che gode per la pubblicità in dialetto!!! Questo è il livello!!! Caso mai esistesse ……povera padania!!

  5. Scritto da Steve

    Ma se si sà che la fonte di inquinamento è la cromoplastica cosa si aspetta a chiuderla.

  6. Scritto da LDN

    x giobatta. non esitono problemi di cromo per il sistema a rete dell’acqua potabile, occorre sottolinearlo, l’acqua del rubinetto dei comuni della bassa non è stata minimamente intaccata. sono pozzi di privati che risultano inquinati.

  7. Scritto da corti-novis

    ma è possibile che prima vengano i soldi e dopo la salute? basta con questo capitalismo asassino

  8. Scritto da acqua chiara

    per LDN

    Cogeide spa, l’azienda gestore della rete idrica della bassa, è in cerca di un addetto stampa, Se ti segnali a Minuti, ti assume subito.

  9. Scritto da Chromato

    @ 5 – C’è il piccolo problemino dell’irrigazione delle culture…….

  10. Scritto da LDN

    x acqua chiara. sto solo dicendo che se i media specificassero meglio che il problema del cromo (al momento, aggiungiamolo…) riguarda alcune falde acquifere ma non l’acquedotto, forse si farebbe un servizio alla gente. o no?

  11. Scritto da rodolfo

    ma a chi volete darla a bere?
    secondo voi(e mi riferisco all’arpa) dopo mesi che il problema e’ sollevato con riferimento all’azienda citata ,la stessa azienda incurante di tutto continua ad inquinare?
    e’ inverosimile!!! non e’ che le autorita’ competenti stanno prendendo un grosso granchio? magari da cucinare con acqua salata oltre che cromata viste le ultime analisi.
    aspettiamo il prosieguo della vicenda che rischia di trasformarsi in una farsa alla faccia dei cittadini.

  12. Scritto da parsifal

    Grazie x l’info Bgnews. E speriamo non sia il peggio.
    E’ da un po’ che state segnalando, e meno male.
    Senza fantasmi, nè fanatismi.

  13. Scritto da Giustizia

    L’azienda deve pagare i danni ingenti. Chiuso.