BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Notte sotto le stelle” offre una serata in più

Il festival recupera il giorno perso con il maltempo e propone questa sera (lunedì) il concerto di Andy White e Mary Coughlan.

"Notte Sotto le stelle" di Spinone al Lago si allunga. L’organizzazione della manifestazione ha deciso di PROLUNGARE IL FESTIVAL ANCHE A LUNEDI 9.  La decisione è stata presa a causa del forte maltempo avuto nella prima serata di Giovedì. 
Anche lunedì, comunque, è atteso un grande programma di eventi, in particolare si è riusciti a mettere insieme un grande evento musicale con i RUSTIES in sestetto elettrico e gli ospiti ANDY WHITE E MARY COUGHLAN.
ECCO IL PROGRAMMA DI LUNEDI’
Dalle 18.00 alle 23.00 alla Chiesetta romanica di San Pietro in Vincoli MOSTRA DI SERGIO BATTAROLA
Alle 19.00 alla Spiaggetta degli Artisti TEATRO CAVERNA – OMAGGIO A PIERO CIAMPI
Alle 19.45, 20.30 e 22.30 alla Chiesetta PROGETTO BONSAI – E FU GIORNO E FU NOTTE
Alle 21.00 da Bar Miralago

PASSEGGIATA DEL TERRORE AL CHIARO DI LUNA
Alle 21.15 sul palco centrale
ANDY WHITE
Il cantautore irlandese ANDY WHITE gira sempre con la sua chitarra dodici corde sotto il braccio, circondato da un alone di particolare magia e fascino tipicamente Irish. Ogni suo concerto è un’esperienza speciale.

Alle 22.00 sul palco centrale
RUSTIES
ospiti MARY COUGHLAN e ANDY WHITE
I Rusties sono stati per una dozzina d’anni la più titolata, attiva e prolifica tribute band dedicata al repertorio di Neil Young. I Rusties hanno via via ottenuto eccezionali e inattesi riconoscimenti dalla critica, e sono stati ripetutamente invitati ad esibirsi in alcuni tra i più prestigiosi club e festival nazionali. Hanno pubblicato nell’estate2009 “Move Along”, primo album composto unicamente da brani originali. La “rossa d’Irlanda”, una sorta di Janis Joplin sia nella vita privata che in quella artistica, dotata di una voce incredibile è sempre in bilico tra le passioni cantautorali di Jacques Brel, i blues di Billie Holiday e le composizioni originali intrise di Irish humour. Sicuramente la “voce” più rappresentativa d’Irlanda.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.