BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nel 2009 in calo la produzione di automobili

Nel mondo si sono prodotte il 13 per cento in meno di auto rispetto al 2009. Il leader del settore rimane la Toyota con oltre 7 milioni di unità prodotte.

Più informazioni su

Organizzazione Internazionale dei Costruttori d’Auto – ha diramato i dati ufficiali relativi alla produzione mondiale delle automobili nel 2009. L’anno scorso sono state prodotte ben 61.714.689 vetture, vale a dire il 13,5% in meno rispetto al 2008. Il dato più sorprendente riguarda la Cina che, nel 2009, ha consolidato la propria leadership con 13.790.994 automobili prodotte, ovvero il 48,3% in più rispetto al 2008. Performance positive sono state registrate anche dalla Romania con il +20,9%, mentre la Russia ha registrato un calo di produzione del 59,2%.
Oltre alla Cina, sul podio salgono il Giappone al secondo posto con 7.934.516 auto, mentre in terza posizione si piazzano gli Stati Uniti con 5.708.852 vetture prodotte. La Top 10 è composta in sequenza da Germania, Corea del Sud, Brasile, India, Spagna, Francia e Messico. L’Italia, invece, è solo diciottesima con una produzione di 843.239 automobili.
Per quanto riguarda la produzione per Gruppi automobilistici, al primo posto c’è Toyota con 7.234.439 unità prodotte, poi General Motors con 6.459.053 vetture e Volkswagen con 6.067.208 automobili. Seguono Ford, Hyundai, PSA, Honda, Nissan, Fiat con 2.460.222 auto prodotte e Suzuki che chiude la Top 10.
Infine, per ciò che concerne le vetture, l’auto più venduta al mondo è la Toyota Corolla – venduta in Europa come Auris – con 908.661 esemplari immatricolati. Seguono le Ford Focus e Fiesta, mentre la Volkswagen Golf si piazza al quarto posto. Chiudono la Top 10 in sequenza la Honda Civic, la Toyota Camry, la Honda Accord, la Peugeot 207, la Volkswagen Polo e la Toyota Yaris.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.