BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il sindaco: “Pgt revocato per scelta autonoma”

Umberto Bosc interviene per precisare alcuni aspetti relativi alla notizia del ritiro del Piano di Governo del Territorio.

Più informazioni su

In ordine alla notizia apparsa in data 03/08/2010 sul quotidiano L’Eco di Bergamo e sul quotidiano on line Bergamonews circa l’asserita costrizione al “ritiro del PGT del Comune di Palazzago” per problematiche ambientali, si precisa quanto segue:
In ordine generale alle due pubblicazioni:
– La revoca della adozione del PGT del Comune di Palazzago è motivata unicamente dalla necessità di riprendere la procedura sanando la irregolarità, allo stato presunta, della incompatibilità delle autorità procedente e competente per la Valutazione Ambientale Strategica all’interno del medesimo ente (il Comune appunto). Tale irregolarità, rilevata dal TAR per il Comune di Cermenate, coglie nella medesima situazione decine di Comuni Bergamaschi e Lombardi come ampiamente riportato dagli organi di informazione. Non è quindi una posizione del solo Comune di Palazzago.
– Il Comune di Palazzago ha scelto autonomamente, senza che si accampino meriti inesistenti associazioni varie, di non attendere la decisione di appello del Consiglio di Stato (che ha recentemente deciso di decidere a dicembre…) contro la sentenza di Cermenate e di revocare l’adozione. Ciò per rifare la procedura, eliminando questo possibile motivo di ricorso, e dotare il Comune in tempi rapidi di un indispensabile strumento di gestione del territorio, dimostrando di voler comunque procedere nella massima correttezza possibile.
– Non vi è alcuna relazione tra l’annullamento del TAR di Brescia della delibera di approvazione della variante mediante Sportello Unico per l’insediamento produttivo di San Sosimo ed il “ritiro” del PGT.
– La previsione dell’area produttiva di San Sosimo compariva nel PGT adottato e revocato e comparirà nel PGT che questa Amministrazione riproporrà per l’adozione: questa è l’unica collocazione possibile, e logica, all’interno del territorio di Palazzago: lontano dal centro abitato, vicina alle vie di comunicazione, accettabile dal punto di vista ambientale avendo questa Amministrazione scelto di non collocare zone produttive in aree collinari, boschive o comunque di pregio ambientale oggettivo.
– Il Comitato dell’Isola ed Italia Nostra svolgono il loro compito come credono ma non è accettabile, dopo che il territorio dell’Isola ha avuto un impressionante sviluppo industriale (con conclamate implicazioni ambientali) senza eclatanti successi in battaglie ambientali, si concentrino con cipiglio sul mantenimento del solo verde di Palazzago della piana di San Sosimo. Altrettanto impegno si è profuso sui Comuni limitrofi all’area di San Sosimo che hanno le medesime previsioni urbanistiche della nostra? Il PGT di Palazzago è stato adottato con 8 voti fvorevoli ed un astenuto nel Consiglio Comunale dove sono risultati assenti i consiglieri di quella parte di minoranza che asseritamente ha più a cuore la salvaguardia ambientale di Palazzago: evidentemente non avevano proprio niente da dire contro questo PGT.
– La Provincia di Bergamo, come indicato negli articoli, ha fatto le sue considerazioni in merito al PGT proposto. Si è omesso di dire che le autorità procedente e competente, in sede di espressione del prescritto parere prima della adozione del PGT, hanno parzialmente accolto, ove condivisibili, le osservazioni della Provincia eliminando dalla previsione di durata del piano tre ambiti residenziali tra i più consistenti ed un ambito produttivo. Accogliendo inoltre altre considerazioni di carattere particolare. Questo nonostante la coincidenza di controllato e controllore che tanto fa discutere… I riferimenti ai metri quadrati, ed ai campi da calcio corrispondenti, andrebbero rivisti…
In ordine particolare a quanto apparso su Bergamonews:
– La grande area produttiva di San Sosimo non è uno “sterminato campo coltivato in cui il Comune aveva deciso di far costruire ben trentasei ambiti di trasformazione” corrispondenti a trenta campi da calcio… L’area di San Sosimo è di circa 38000 mq (poco più di quattro campi da calcio…) ma si è voluto dire che tutte le previsioni proposte nell’intero PGT del Comune (con superficie di 14 Kmq! Lascio fare i conti su quanti sono i mq ed i campi da calcio equivalenti) sono concentrate nella frazione di San Sosimo.
– Il Tribunale non ha mandato all’aria il Piano di Governo del territorio e tantomeno nessuno, come evidenziato sopra, ha costretto a ritirare il piano già adottato.
Il Piano sarà ripresentato con una garanzia in più: quella che il controllo sarà effettuato da un Ente terzo esterno al Comune.
Ritengo che la notizia così come riportata abbia quantomeno difettato nella verifica dei dati esposti e delle circostanze relative: nessuno si è preso la briga di consultare i documenti anche per una doverosa verifica di quanto dichiarato dalle altre parti in causa.
Rimanendo sempre a disposizione per ogni approfondimento o chiarimento necessari, ringrazio per l’attenzione.

Il Sindaco
– Bosc Umberto –

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca r.

    sig.sindaco tutti i paesi limitrofi stanno ridendo per sta storia…cementificio palazzago

  2. Scritto da Anna

    ma ci piglia per cretini?

  3. Scritto da carmelo

    Non dimentichiamo le cave dell’Italcementi sopra Palazzago. Lì di pietra per il cemento se ne “scava” in quantità industriali. Basta guardar su dalla pianura: la cava si vede fino a Milano. E’ comunque mia opinione personale che Lega e Intelligenza sono poco compatibili: però in democrazia il popolo ( un tempo detto popolo-bue) è sovrano:li ha votati e probabilmente li rivoterà ancora per un pò….

  4. Scritto da Io

    Caro Carmelo in democrazia la libertà di opinione è sacra così come la libertà di voto…ciò che non è libera è l’offesa…rispetto degli altri ed educazione…ma questa è un’altra storia.

  5. Scritto da Vittimismo leghista

    X.4 Io
    Parlare di “rispetto x gli altri.. educazione.. rifiuto delle offese” andrebbe benissimo a tutti e saremmo d’accordo!
    ma detto dai Leghisti, suonerebbe come una barzelletta!
    delle “sparate” di Bossi, Calderoli, Borghezio, Salvini, ecc si potrebbe scrivere un’intera enciclopedia a riguardo di OFFESE, MALEDUCAZIONE, MANCATO RISPETTO X GLI ALTRI..
    siate coerenti.. evitate almeno di fare le vittime!!

  6. Scritto da lega...nograzie

    Il sindaco mi pare abbia risposto in modo preciso e circostanziato: mi piacerebbe che qualcuno contestasse le sue valutazioni e non così tanto per dire solo perchè è leghista (che certo non è un punto a favore)

  7. Scritto da carmelo

    1. La massima correttezza detta dal Sindaco per me è SOLO FRETTA: a Palazzago tra un anno si vota, è bene accontentare GLI IMMOBILIARISTI. 2.Quante aziende locali hanno necessità di insediarsi nei nuovi capannoni? La precedente area artigianale costruita nella stessa zona vede numerose aziende venute da fuori. 3. A proposito di salvaguardia dei boschi le ex cave GRES sempre a Palazzago che fine hanno fatto? 4. E a proposito di vigilanza che fà il Comune per le 16 ore di rumore della Erba Spa?

  8. Scritto da palazzaghese

    Il Sindaco leghista come ovvio tira acqua al suo mulino… sono sempre loro i più bravi e tutti quelli che non la pensano come loro sono asini o in malafede. Non è così. Il PGT ora ritirato è una ulteriore colata di cemento che investe ora anche le “sacre” colline, un peggioramento del PRG in vigore da anni che è ben lontano da essere realizzato. A nessuno di lor signori è venuto in mente che chi controlla non deve coincidere con il controllato. Qualche volta fare i furbi non paga.