BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Un progetto di legge davvero folle”

L'Associazione esprime ''la sua piu' netta contrarieta' e profondo sdegno al tentativo del Senatore Carrara di conferire un'ulteriore status di intoccabilita' alla lobby venatoria.

”L’annunciata presentazione del DdL da parte del Senatore del PDL Valerio Carrara che istituisce in Italia il reato di ostruzionismo alla caccia, costituisce un palese tentativo di intimidazione, anche se non il primo, nei confronti della maggioranza dei cittadini contrari all’attivita’ venatoria, sia per motivi etici che per i danni provocati da questa obsoleta e crudele pratica”. E’ quanto denuncia l’Associazione Vittime della Caccia, sottolinenado che ”di fatto si punta a imbavagliare, non solo il legittimo dissenso alla caccia, ma anche la voce di chi vivendo in campagna, e’ costretto a difendersi dalla furia impallinatrice dei cacciatori che ad ogni stagione si riversa contro gli animali e le persone”.
”Siamo di fronte ad una forzatura anti democratica e illiberale”, spiega Daniela Casprini presidente dell’Associazione e aggiunge: ”Il Senatore Carrara si ricordi che la sicurezza dei cittadini in rapporto all’esercizio dell’attivita’ venatoria e’ un diritto primario e non puo’ essere in alcun modo compresso!. Contrapporsi alla presenza di gente armata che pensa di vagare impunemente nelle immediate vicinanze di abitazioni o a ridosso di sedi stradali, e’ in primo luogo un sacrosanto atto di legittima difesa che nessuna legge puo’ imbrigliare”.
L’Associazione esprime ”la sua piu’ netta contrarieta’ e profondo sdegno al tentativo del Senatore Carrara di conferire un’ulteriore status di intoccabilita’ alla lobby venatoria, in barba anche al libero esercizio di critica e di pensiero, elementi questi, fondanti della nostra Costituzione, e ricorda infine che l’opinione pubblica si mobilitera’ in massa al fine di bloccare questo DDL e screditare quanti ancora insistono ad imporre la barbarie alla maggioranza degli italiani contrari”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da me

    @4 Sig. Franco si spara eccome, tutte le domeniche parto da cologno al serio a arrivo all’areoporto e di cacciatori se ne vedono e se ne sentono… a settembre se lemnderò le foto o qualche video … cacciatori in zona chimica tra Capannelle e Grassobio, a Cologno al serio sino al ponte, sull’altra sponda a Cassinone e al ponte di Ghisalba e più giù sino alle cascine prima di Martinegno…
    a settembre mando foto e video… non tutto il parco è vietato alla caccia .. SI INFORMI E NON DICA C.E

  2. Scritto da franco

    ME: non raccontare s… x carità vergognati che i cacciatori sono gente per bene,guardati allo specchio prima di parlare ciao.

  3. Scritto da me

    uè nano … per bene al bel negot, una persona che uccide per sport non può essere per bene; inoltre caro sig. franco l’unico che dovrebbe vergognarsi è lei ( o i suoi colleghi ) che prova soddisfazione nel cacciare passeri o merli, o peggio, ancora e questo l’ho visto di persona ( parco serio ) vicino a Malpaga sparare ad una poiana, solo per la soddisfazione di sparare …
    referendun contro la caccia subito

  4. Scritto da franco

    ME; da quando si spara nel parco serio? mai saputo che si spari nei parchi! informati prima di dire caz… bai bai

  5. Scritto da me

    ABOLIAMOLA SUBITO … ho rischiato più di una volta di essere vittima di qualche folle esasperato.
    come si può passeggiare nelle campagne o nei parchi ( serio ) con in giro dei pazzi, che forza devono sparare a qualsivoglia essere vivente.