BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dal Creberg prestiti a tasso zero per studenti

Il Credito Bergamasco ha ideato due nuovi prestiti dedicati ai giovani e alle loro famiglie: “Credito Scuola” e “Credito Università”.

Il Credito Bergamasco ha ideato due nuovi prestiti dedicati ai giovani e alle loro famiglie: “Credito Scuola” e “Credito Università”. Entrambi i prodotti rappresentano due nuove soluzioni di microcredito agevolato a disposizione degli studenti per affrontare serenamente le spese di istruzione e formazione scolastica e universitaria, liberi da spese e senza interessi.
“Credito Scuola Let’s Bank”, riservato a tutte le famiglie con figli iscritti alla Scuola Secondaria di Primo e Secondo grado, offre un finanziamento di 500 € a tasso zero, completamente senza spese per tutta la durata e comodamente rimborsabile in 8 mesi, per l’acquisto di libri e materiale di studio o per il pagamento di tasse e contributi scolastici.
“Credito Università Let’s Bank” mira invece a sostenere ed incentivare la formazione universitaria mettendo a disposizione degli iscritti a tutte le facoltà universitarie sino a 3.000 €, sempre igorosamente a tasso zero e senza spese, rimborsabili comodamente in 8 mesi.
La nuova offerta è ancora più ricca grazie alla possibilità di sottoscrivere una polizza che rappresenta un’assoluta novità in termini di soluzioni assicurative contro gli infortuni. Grazie a questa polizza i genitori hanno la tranquillità di garantire ai propri figli, in caso di infortunio, un reddito annuo per un periodo predeterminato di 10 o 20 anni ovvero la disponibilità immediata di un capitale pari a 10.000 €.
In aggiunta, è previsto un bonus di ulteriori 10.000 € agli studenti/universitari più meritevoli che riusciranno a completare il ciclo di studi nei tempi stabiliti. L’offerta assicurativa è semplice e resa ancora più conveniente grazie alla possibilità di pagare il premio anche mensilmente, senza alcun interesse. «In questo momento di particolare difficoltà economica, il Creberg, da sempre promotore di iniziative a favore dei giovani e della famiglia, mette a disposizione due vantaggiose ed innovative soluzioni per garantire la necessaria ed adeguata istruzione e formazione universitaria a tutti i giovani studenti che rappresentano il futuro del nostro Paese» ha spiegato Giorgio Papa, Direttore Generale del Credito Bergamasco.
Per conoscere meglio la gamma Let’s Bank è disponibile il sito: www.letsbank.it.
Continua inoltre l’offerta “Diamogli Credito” per giovani studenti dai 18 ai 35 anni ovvero un finanziamento a tasso agevolato di massimo 6.000 € rimborsabile in massimo 36 mesi, per sostenere le spese per Programma Erasmus, i costi per Master post-laurea, l’acquisto di un computer portatile con connessione wi-fi ed ancora per il deposito cauzionale per la locazione di immobile e spese di intermediazione immobiliare.
Il Creberg – come ulteriore segnale di vicinanza alle Famiglie – ha aderito anche alla convenzione ABI-Presidenza del Consiglio dei Ministri per la concessione a tutte le famiglie con nuovi nati/adottati nel 2009-2010-2011, di un finanziamento – noto come “Prestito Nuovi Nati” – di massimo 5.000 € (per bimbo) rimborsabile comodamente sino a 60 mesi, senza spese ed ad un tasso estremamente agevolato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da B.d.B.

    Encomiabile e commovente il Creberg, ma bisogna anche dire che tutte le banche mangiano anche quando dormono.
    Peccato però che l’accesso al credito risulti praticamente impossibile per buona parte degli aventi bisogno in qualunque istituto di rivolgano speranzosi, a meno che abbiano un reddito di minimo 150.000 euro, azioni, riserve di caccia ed immobili di prestigio.