BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al Colle Gallo si premiano gli “ultimi”

Si ripete l’iniziativa "Premiamo l’ultimo", all’interno della festa dell’Apparizione della Madonna della Neve, che premia l’ultimo arrivato al Giro e al Tour.

Più informazioni su

Dopo il successo della prima edizione, lanciata in occasione del passaggio al Colle Gallo del Giro d’Italia 2009, si ripete quest’anno l’iniziativa "Premiamo l’ultimo", la "festa del ciclismo", all’interno della festa dell’Apparizione della Madonna della Neve, che intende premiare l’ultimo arrivato al Giro d’Italia e al Tour de France. Lo scorso anno vennero premiati il faentino Riccardo Chiarini della LPR Farnese-vini (Giro d’Italia) e lo spagnolo Alan Perez Lezaun, della Euskaltel-Euskadi (Tour de France). Quest’anno, gli "ultimi" da premiare saranno il bergamasco Marco Corti della Footon-Servetto e il parmense Adriano Malori della Lampre Farnese-vini. I due ciclisti dell’Italbici saranno presenti in cima al Passo del Colle gallo in autunno, perché ora sono ancora impegnati in altre corse ciclistiche. Ma i loro nomi verranno annunciati mercoledì sera (4 agosto), alle 20.30, durante l’ormai ventennale incontro "Il Colle Gallo premia la Bergamo in bicicletta, condotto dal giornalista Renato Fossani.
Sul palco, allestito davanti al santuario mariano, verranno premiate quattro "lady-bike" bergamasche, che si sono distinte nel corso della stagione 2010:
Claudia Cretti, classe ’96, del Gsc Villongo, campionessa italiana esordienti donne; Silvia Persico, classe ’97, del Team Valcar, vice-campionessa italiana esordienti primo anno; Miriam Vece, del Team Valcar, classe ’97, terza al campionato italiano esordienti e campionessa regionale esordienti primo anno, Lisa Morzenti, della Gi-Effe Fulgor Seriate, vincitrice del Trofeo Rosa per la categoria giovanissime 6.

Con loro verrà premiato un grande campione del ciclismo bergamasco, che ha arricchito il suo palmares con tanti titoli e riconoscimenti tricolori: Claudio Corti, che ha vinto tutto nella sua carriera da dilettante; in particolare è stato campione del mondo Under-23 e del Giro d’Italia Dilettanti (1977); ma soprattutto, è stato vincitore di due campionati italiani professionisti e vice-campione del mondo nel 1984. Un grande personaggio del ciclismo, che ha portato in alto la anche come direttore sportivo, alla Chateau d’Ax, divenuta poi Gatorade e Polti, alla Saeco, alla Lampre-Caffita e al Team Barloworld. Sarà lui a ritirare l’ambito premio di , che gli organizzatori hanno assegnato a suo figlio Marco, perché questo è impegnato nel Giro di Polonia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.