BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La scomunica del vescovo Mazza: La partita di calcio alle 12.30 è un’invasione di campo”

Il bergamasco monsignor Carlo Mazza, attuale vescovo di Fidenza, commenta con durezza l'anticipo della domenica alle 12:30, grande novità del prossimo campionato di serie A.

Più informazioni su

"E’ una invasione di campo". Il bergamasco monsignor Carlo Mazza, attuale vescovo di Fidenza, commenta con durezza l’anticipo della domenica alle 12:30, grande novità del prossimo campionato. "Mettersi davanti agli schermi alle 12:30, quando si va a pranzo o ci si prepara per andare a pranzo, a me pare un’invasione di campo – spiega a Radio Vaticana – . Questa sì che è un’invasione di campo e credo che bisognava pensarci bene ed anche un po’ prima rispetto alla decisione finale".
"Credo che quest’anticipo alle 12:30 sia veramente deleterio, in tutti i modi, sia per quanto riguarda i calciatori che scendono in campo – per i quali ci si potrebbe chiedere in che modo siano preparati e disposti, anche se questo è un problema di tipo atletico che può essere accantonato -, sia per la famiglia, che è il problema più grande". 
"La famiglia – prosegue mons. Mazza – è uno snodo importantissimo, non possiamo ‘svenderlo’ ad altri eventi". In particolare, secondo il religioso, le partite di calcio spalmate praticamente per tutto il fine settimana, alterano il senso delle festività. "Lo spostamento delle partite al sabato ed anche alla domenica, questo ‘spalmare’ il calcio sul tempo dell’uomo e sul tempo della domenica credo – ha ribadito – sia una forzatura. Direi, allora, che occorre, anche qui, riprendere in mano il senso profondo dei valori veri dell’uomo, della famiglia, del calcio e di tutto quello che è la nostra civiltà italiana.  Bisognerà ripensare a fondo, perché se tocchiamo la Domenica, che è il giorno più bello, più elevato, più ricco di significati ed anche più disponibile all’umano, dove vogliamo arrivare, poi, con la nostra società e – ha concluso – con il nostro modo di vivere insieme?".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesca

    a gigi n.15 : anche se mi sembri in perenne stato confusionale, mi spieghi come mai nel commentare un articolo del vescovo di Fidenza che è contrario alle partite a mezzogiorno (di qualsiasi squadra), tiri in ballo impropriamente una parte di tifosi della squadra che rappresenta la provincia dibergamo?

  2. Scritto da giordano bruno

    in tutte le chiese di citta’ e provincia si svolgono messe a tutte le ore: c’e’ l’anticipo del sabato (vespertina) , cinque sei messe nell’arco della giornata di domenica e una anche il lunedi’ (posticipo). Ora, Caro Vescovo Mazza anche in questo caso si rischia di disgregare la famiglia, non si potrebbero svolgere solo due messe la domenica, cosi’ da avere
    il tutto esaurito ed evitare i larghi spazi vuoti degli altri orari ?

  3. Scritto da caro gigi n.14

    si sono bigotto retrograde e anticlericale: Illuminami tu perche ho perso la retta via xche e davvero e educativo vedere don mazzi la domenica su canale 5 a buon domenica tra la barale e la corvaglia ed elonir casalegno atteggiarsi da “tronista/opinionista”…
    Preferisco essere un teppista o vergogna di Bergamo come deifinisci tu i frequentatori della Curva Nord. Apri gli occhi e togli le fette di salme che l’eco/clero ti propinano… poi siamo noi i retrogradi, ma fammmi il piacere…..

  4. Scritto da Giovanni

    Mons. Mazza, bergamasco, è uno dei massimi esperti nazionali in tema di sport. E’ stato per trent’anni direttore dell’Ufficio Pastorale dello Sport presso la CEI; docente universitario; cappellano della nazionale olimpica italiana (da Seul in poi); delegato italiano nei principali campionati mondiali di varie discipline negli ultimi vent’anni. E’ conosciuto e apprezzato da tutti gli atleti nazionali. Potrà bene dir la sua, al pari dei vari intelligentoni che lasciano messaggi su BgNews!

  5. Scritto da marilena

    per 20. potrà ben dire la sua ma non pretendere di essere ascoltato perchè vescovo.

  6. Scritto da polpopaul

    Per Giovanni il monsignore in oggetto non può essere contrariato su tale materia in quanto, nell’ordine:bergamasco (anche il bocia lo è…), massimo esperto nazionale di sport (e biscardi allora?), ex-direttore dell’ufficio pastorale dello sport alla cei, docente universitario (de che?), cappellano della nazionale olimpica, delegato italiano nei principali campionati mondiali (ce l’ha con il cricket a quanto pare) e apprezzato da tutti (diconsi tutti) gli atleti nazionali. Astenersi perditempo.

  7. Scritto da Geppo

    L’uscita del monsignor Mazza mi sembra eccessiva. Uno lo spazio per andare a messa lo può trovare comunque. Invece mi sembra vergognosa la decisione della Federcalcio presa per favorire Sky. La domenica è uno dei pochi momenti di unità della famiglia e ora ci mettono pure la partita. Vergognosi.

  8. Scritto da Geppo

    Concordo con il post di Angelo, perchè il monsignor Mazza e la chiesa in generale non scagliano i loro anatemi contro i centri commerciali, forse perchè i preti sono sempre dalla parte dei ricchi…….

  9. Scritto da B.d.B.

    Pure scampanare inutilmente di primo mattino è invasione di campo, ma tutti tacciono per non venire pubblicamente scomunicati e messi alla gogna in piazza Vittorio Veneto.
    Suggerirei umilmente al prelato di occuparsi dell’emoragia costante di fedeli dal cristianesimo e di chiedersi se dei sacerdoti ciarlieri non peggiorino ulteriormente le cose.

  10. Scritto da uaar

    l’eco di bergamo raccoglie puntualmente redditizie inserzioni di negozi e/o centri commerciali aperti la domenica e poi ci fanno la morale…

  11. Scritto da Camillo

    Che tristezza una chiesa ridotta ad occuparsi di Chievo-Catania alle 12,30…

  12. Scritto da aldo

    in una societa’ ormai secolarizzata queste uscite clericali fanno tenerezza

  13. Scritto da no vat

    l’uaar ha ragione, la concessionaria spm la domenica raccoglie pure le super redditizie necrologie, giusto per non far$i mancare nulla

  14. Scritto da terenzio

    non sara’ certo l’auspicata ( per la Chiesa) abolizione della partita domenicale che ci spingera’ ad andare alla Messa…

  15. Scritto da franco

    Mi sembra che la dichiarazione di Monsignor Mazza non sia stata letta correttamente o volutamente male interpretata . Non c’è riferimento alla Messa ,ma al momento di aggregazione famigliare rappresentato dal pranzo domenicale , momento che durante la settimana è sempre più raro o ,comunque, frettoloso.

  16. Scritto da wet

    Caro vescovo, non ha niente da dire contro il sempre aperto oriocenter del vostro amico percassi? A maggior ragione che la cassiera dell’iper è costretta a subire la privazione del pranzo domenicale con la famiglia. Una partita di calcio invece si sceglie di andarla a vedere.

  17. Scritto da claudio

    Certo che l’ingerenza di uno stato straniero qual’è il Vaticano è veramente pesante !!!

  18. Scritto da gigi

    X 3 in effetti meglio l’islam dove le donne vanno con il velo e vengono lapidate , e poi pensavo che la rovina dell’italia fossero gli evasori, i politi corrotti e corruttori, i narcotrafficanti, la mafia, camorra, ecc ecc …invece è la chiesa …fortuna che ci sei tu l ‘ illuminato

  19. Scritto da gigi

    scusate, ma scrivono e dicono cazz**** i teppisti della curva che sono la vergogna di bergamo e un prete non può esprimere il prorpio pensiero ???? ma siete voi che categorizzate le persone che siete retrogradi, bigotti, e anticlericali per riempirvi la bocca

  20. Scritto da eleonora meli

    Ognuno ha le sue oppinioni ma vorrei ricordare al Monsignore che nessuno obbliga a seguire la partita delle 12,30 dell domenica; può essere un elemento di aggregazione famigliare parlare di qualcosa di piacevole e non sempre dei probblemi che assillano il quotidino di ognno di noi

  21. Scritto da corti-novis

    Siamo tutti vaccinati noi adulti, i ragazzi minorenni almeno alla domenica riuniti a tavola con la televisione accesa non è educativo per un rapporto con i genitori…. ba sarà perchè per me è tradizione trovarsi alla domenica tutti insieme e parlare…. le cose cambiano e tutto diventa commerciale … anche le relazioni affettive e i tempi cambiano… si vuol vivere la 24 ore giornaliere riempiendole tutte e magari domandiamo a Dio di farle diventare 36 per un’altra partita di calcio

  22. Scritto da leone

    Ha completament eragione il vescovo!!!!

  23. Scritto da corra dalmen

    fuori i preti dalla vita sociale economica e sportiva tutti devono andare amessa alle 12 30?

  24. Scritto da angelo

    Due considerazioni sulle parole del monsignore:
    – Se ha paura che Parma-Brescia metta in crisi la famiglia, allora la famiglia dev’essere messa male di suo.
    – I centri commerciali aperti di domenica invece vanno bene?

  25. Scritto da Luca

    Via il Vaticano dall’Italia, rovina economica e sociale del Paese, blocca riforme che non sono altro

  26. Scritto da W L'ITALIA

    E’ logico che ognuno tira l’acqua al suo mulino.Dov’e’ il problema?Tanto poi come deciso gioacano alle 12,30.Al di la’ del fatto religioso anche a me non piace l’orario,possibile che neppure la domenica si possa mangiare in pace.Quanto rimpiango il calcio di una volta,le partite tutte di domenica pomeriggio,senza anticipi e posticipi.

  27. Scritto da B.d.B

    Ma basta, il buio e tragico medioevo è finito fortunatamente secoli fà,
    I discententi spirituali di coloro che avrebbero voluto sul rogo pure Galileo Galilei non meritano udienza per minimo 2500 anni.
    Ma se la FIGC donasse qualche obolo al malandato ed assetato IOR senz’altro alle partite delle ore 12.30 vi assisterebbero entusiasticamente tutti i prelati in buona salute, benedicendo goffamente pure la mitica e furiosa curva Nord.

  28. Scritto da a

    Beh, hanno ragione: è concorrenza sleale.

  29. Scritto da luki

    io anziche’ l’anticipo delle partite,spero che in anticipo finisca il vaticano.

  30. Scritto da andy baumwolle

    Basta un Brunch alle 11.00

  31. Scritto da Boh

    Più che altro rovina il pranzo con brasato e polenta…

  32. Scritto da Beppe

    Ma che palle….. è come se noi dicessimo loro di non fare la messa alle 10,30, nessuno si sognerebbe mai…….

  33. Scritto da Vescovo

    Ma il Vescovo non vede altri problemi nella società? Specie nella sua Chiesa?
    Povera Chiesa, i suoi generali hanno perso il senso della realtà.
    Tra preti pedofili, comunisti e gay, non ha altro a cui pensare che alle famiglie degli altri?

  34. Scritto da SuperPippo

    Basta andare allo stadio con le famiglie, come si va a messa.

  35. Scritto da Tuditanus

    Il vescovo Mazza ha ragione.
    Basta con l’integralismo del consumismo esasperato e di scarsa qualità che distrugge le persone e le trasforma in tossici eterodiretti.