BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Feltri-Grignapoco e Belpietro-Nibbio: i nuovi “bravi” per i finiani

Chi sono i bravi? Ma "i cronisti sguinzagliati come segugi, armati di veleno e affamati di fango". E Grignapoco ?? uno di loro.

Più informazioni su

E’ solo un gioco. Un gioco che prende di mira i novelli bravi di manzoniana memoria. E’ il gioco che il periodico dell’associazione FareFuturo (quella vicinissima a Gianfranco Fini, cacciato dal Pdl e fondatore di un nuovo gruppo parlmentare) lancia attraverso un articolo di Alessandro Oriente. Chi sono i bravi? Ma "i cronisti sguinzagliati come segugi, armati di veleno e affamati di fango". Soprattutto dalle parti di quella stampa che per convenzione e tradizione si chiama "berlusconiana".
Ci vuol poco per individuarli, spiega Oriente. "Hanno il loro stile, i loro metodi, il loro codice. Basta uno sguardo. Basta una parola. Basta un articolo".
E chi è il primo dei bravi individuati da FareFuturo? Il "Grignapoco, temibile bergamasco dalla bocca sempre piegata all’ingiù, con il suo vice, il Biondino. Si divertono con l’invettiva (anche se non lo danno a vedere, ridono poco). Ma se c’è da tirare fuori qualche dossier raffazzonato, qualche pseudo-denunca compromettente, qualche scoop traballante, non si tirano certo indietro".
Avrete senz’altro capito chi è il Grignapoco: è quel Vittorio Feltri
che ha lanciato la campagna anti-finiana già da tempo e nei giorni scorsi l’ha rintuzzata con la vicenda sulla casa di Montecarlo.
Ma il "gioco" del cronista finiano "incorona" un’altra conoscenza bergamasca, è il Nibbio: "Ghigno feroce e sorriso beffardo, sempre pronto quando si impongono le imprese più rischiose e più inique. Fedele eppure Libero". E’ Maurizio Belpietro, bresciano d’origine ma che ha iniziato la sua carriera giornalistica proprio con Feltri a Bergamo Oggi.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da milagroso

    X @ 43 – Che ragionamenti sereni si possono pretendere da uno che si firma pandemonio cioè: baccano, chiasso, baraonda, caciara, macello, casino.
    Direi di lasciarlo cuocere nel suo brodo leghista.

  2. Scritto da fulvio pellegrini

    Proprio 2 esempi di giornalismo prono al potere ed al soldo del prepotente di turno: il contrario del giornalista a caccia di verità.

  3. Scritto da milagroso

    X 30 – Cambiare idea è legittimo, ma continuare a fare l’avanti e indietro dx-sx con il risultato di scrivere sempre per i padroni del vapore non senti un po’ di bruciato e di opportunismo?. Vai a vedere cosa prendono di ingaggio dal passaggio di qua e di la e degli stipendi che prendono, alla fin fine per parlare quasi sempre male dei lavoratori e delle loro organizzazioni, poi fatti un esame. Se poi a te va bene compera(all’edicola) sia Libero che Il Giornale. Noi però ci lasci criticarli?

  4. Scritto da lingueprofonde

    Beh, sono sullo stesso piano di Fede con l’unica differenza che i loro giornali prendono fior di sovvenzioni dallo stato (quindi di soldi nostri!) ed e’ questo che mi irrita ancor di piu’ dei loro peana pro Berlusca (li paga lui dopo tutto). Poi cerchiamo di capirli, ultimamente hanno dovuto recuperare terreno visto che Minzolini (altro pagato con soldi nostri!) li ha distanziati di parecchio nella corsa al servilismo. Ma i giornalisti sono come le donne.. piu’ li maltratti e piu ti amano…..

  5. Scritto da angelo

    Premio per la miglior battuta al n°22 andy baumwolle.

  6. Scritto da un razioanle

    leggo cose inesatte su Scalfari,é certamente il miglior editorialista attuale,non comunista, ma obiettivo come sempre.Invito a leggere i suoi editoriali sulla Repubblica della domenica. Si può non condividere, ma bisogna controbattere con argomentazione, poi giudicare.

  7. Scritto da eugenioforever

    paragonare Scalfari e Feltri e’ come nel calcio fare un paragone tra Pele’ e Pasciullo ( per chi se lo ricorda )

    Gli editoriali domenicali di Scalfari sono pezzi di puro giornalismo di razza scritti in modo chiaro mirabile e efficace.
    poi si possono anche non condividere, ma questo e’ un altro discorso.
    il sig.VF invece…lasciamo perdere.
    mi spiace solo che e’ un mio concittadino

  8. Scritto da milagroso

    Il problema è di far capire ai leghisti, (non pretendo ai Berlusconiani perchè quelli sono plagiati dalla Vanna Marchi della politica), che questi scribacchini sono messi li solo a fare l’nteresse del loro padrone. Quando uno dei BRAVI non riusciva piùm a soddisfare appieno il padrone è stato sistituito dal capo dei BRAVI il più malvagio. L’ngaggio pare sia stato uno dei più alti.
    Il degradato per acquistare punti agli occhi del padrone cerca di rifarsi
    con articoli a dir poco vergognosi.

  9. Scritto da yorker8

    E che dire del belpietro da palasol, quando era direttore responsabile del giornalino locale “Paese aperto” di estrema sinistra: e bravo il saltimbanco. Cosa di fa per campare…

  10. Scritto da R.S.

    @ milagroso
    Probabilmente mi sono spiegato male, ciò che volevo dire è che Feltri va dove vanno i soldi. Sul fatto che c’è la libertà di cambiare idea sono d’accordo, ma per un giornalista ci vuole un po’ più di coerenza. Anzi, adesso se la piglia anche con Fini che è nemico del suo datore di lavoro. La mia era anche una risposta a P.G. che se la pigliava con la stampa di sinistra nel solito modo qualunquista. E poi all’edicola non compero né Libero né il Giornale, preferisco una stampa libera.

  11. Scritto da Sergio-Svizzera

    Signor Curati, se lei fosse meno prevenuto e avesse letto con maggiore attenzione ciò che ho scritto (non era obbligato a farlo, ma visto che mi muove un rimprovero mi pare di poterlo esigere ) avrebbe capito che non giudico quello che non ho mai letto (ho la brutta abitudine di non leggere né ‘Libero’ né ‘Il Giornale’) ma soltanto quello che ho sentito dire dai due cacciaballe berlusconiani attraverso i dibattiti televisivi.

  12. Scritto da www.cafenero.ilcannocchiale.it

    Scusate, ma in soccorso a Feltri è venuto anche “Il fatto quotidiano”.
    E scusate se è poco.
    Un bilocale in città alta vale 300.000 euro, no ? è lecito supporre che a Montecarlo valga qualcosa di più ?
    E’ lecito domandarsi perchè un immobile donato a AN sia stato svenduto e chissà come e chissà perchè sia finito in mano al cognato di Fini ?
    Se il moralizzatore è corrotto è lecito che chicchesia , foss’anche un dipendente di SB , gli dia fuoco alla coda ? per me si .

  13. Scritto da pandemonio

    Anche io sig.R.S.preferisco una stampa libera specialmente dalle ideologie e perciò non compro mai giornali come repubblica o l’unità.Alla sx non interessa altroche la loro verità,ecco un esempio: Ricordate PANSA?giornalista di indubbia fama,antifascista e da sempre uomo di sx.Dopo aver scritto un paio di libri critici sulla resistenza ha subito contestazioni,brutali attacchi e messo alla berlina,dai campioni della libertà.O sei asservito alla sinistra o sei marciume!Si può continuare cosi?

  14. Scritto da R.S.

    @pandemonio.
    Ecco il solito ritornello: Pansa è stato CRITICATO, anche violentemente,ma CRITICATO. Quando mai “brutali attacchi”, “messo alla berlina”; e le parole “sei marciume” sono tipiche di chi ha le fette di salame sugli occhi ma soprattutto l’odio represso. Cmq l’antifascista e uomo di sx Pansa, adesso ha lo stesso padrone di Feltri e prende i soldi che sembra non abbiano colore politico e non puzzano…..

  15. Scritto da Operaio Tenaris

    Sergio-Svizzera ma cosa dici ogni persona è trnuta a tenera la decenza, e questi due mercenari prezzolati lo hanno scordato da un pezzo. Spero che prima o poi qualche anima pia li ricambi con la stessa moneta……

  16. Scritto da ciesso

    giornalisti con la schiena diritta
    ( come il gobbo di Notre Dame )
    Sergio Svizzera for president!
    troppo bella l’immagine della lanuggine sull’asse del cesso!

  17. Scritto da annalisa

    Ba! Solita storia: se sei di destra sei autorizzato ad essere villano, bugiardo e disgustoso. De gustibus!
    Ogn’uno ha i suoi, teneteveli siete in buona compagnia, in fin dei conti eravate voi di destra a battervi a fianco di quelle primule delle SS. Mica è cambiato poi molto e la gente se lo ricorda.

  18. Scritto da Erminio

    andy baumwolle ma dove vivi?????
    Leggi troppa PAdania rientra sulla terra che è meglio.Sei rifdicolo, anzi penoso.

  19. Scritto da R.S.

    @P.G.
    Quante palle! Prima di tutto bisognerebbe informarsi un po’ meglio: Feltri è stato di sinistra, con tessera Socialista e lombardiano, i bergamaschi lo sanno e lo ricordano; se adesso ha cambiato, è padrone di scrivere tutto quello che vuole, ANCHE IL CONTRARIO DI QUELLO CHE SCRIVEVA PRIMA, ma si può criticare perché difende solo chi lo paga e attacca i nemici del suo padrone, anche di destra come Fini. Poi la verità ognuno la cerca dove vuole, a destra e a sinistra, ma apriamo gli occhi!

  20. Scritto da W L'ITALIA

    E DonAbbondio sarebbe Fini?Ma fatemi il piacere.

  21. Scritto da facciam presente

    Vede che scherzi fa la memoria egregio sig. Oriente? Si sta dimenticando lo scudiero di Grignapoco? Le vengo in aiuto Alessandro Sallusti, colui che qualche tempo fa si è esibito a Ballarò, certo proprio lui. Questo si che in fatto di fanghiglia da spargere è un fenomeno, di fatto “grignamoltomeno” del suo “padrone”, ma in fatto di sparate, a volte e se necessario,lo supera.

  22. Scritto da milagrosos

    FELTRI 1992: sull’Indipendente: « Ammesso e non concesso che un magistrato abbia sbagliato, ecceduto, ciò non deve autorizzare i ladri e i tifosi dei ladri… gli avvoltoi del garantismo… a gettare anche la più piccola ombra sulla lodevole e mai sufficientemente applaudita attività dei Borrelli e dei Di Pietro.(BRAVO)

  23. Scritto da milagroso

    FELTRI ‘8 novembre 1997, dopo aver ricevuto 35 querele, smentisce quanto scritto fino ad allora dal Giornale contro Antonio Di Pietro, definendole notizie pubblicate a puro scopo elettorale.Nel dicembre 1997 Feltri si dimette dopo il clamoroso articolo a favore di Antonio Di Pietro per alleggerire le querele.Feltri spiega perché ha lasciato la direzione de “Il Giornale”: « Quando capii che la famiglia Berlusconi aveva bisogno del direttore di un quotidiano di partito, non potei più rimanere.Ale!

  24. Scritto da buffoniacorte

    Beh, due killer a penna armata al soldo di un unico padrone, entrambi vergogna assoluta di un giornalismo libero ed indipendente. Rinunciassero almeno ai contributi statali (tolti dalle nostre tasche) se volessero fare gli organi di partito!
    Comunque non c’e’ che dire sul lavoro che svolgono alla perfezione, falsi dossieraggi, disinformazione a senso unico, attacchi mirati… Nessuno si meravigli se l’Italia è al 72o posto nella liberta’ di informazione…ma restiam sempre meglio dello Zimbawe!

  25. Scritto da Beppe

    Giornalisti servi del potere o…..meglio ancora vanno dove tira il vento….
    Nel 1992 erano dalla parte di chi indagava i corrotti (il vento tirava a favore dei giudici allora)….ora sono dalla parte dei corrotti…….e difendono a spada tratta il lor Signore……

  26. Scritto da Guitti

    Feltri, perchè non scrivi contro Silvio. Saresti osannato da questi guitti, altro che Santoro

  27. Scritto da Incredibile

    Incredibile, tutti a parlare di Feltri e nessuno si occupa di Scalfari di Repubblica che a sparger immondizia nella sua carriera di direttore, non ha mai avuto eguali nella storia del giornalismo italiano. Ma lui si occupava prevalentemente di notizie hard.

  28. Scritto da kappero

    per 7: spiace da bergamasco doverlo dire, ma non c’è paragone tra feltri e scalfari. Uno è zotico, l’altro intellettuale. Uno ha servito qua e là in ginocchio i vari padroni, l’altro si è fatto un giornale che è diventato il secondo quotidiano (a volte primo) in Italia.

  29. Scritto da Mafalda

    x Guitti : Ma sei fuori ? Con tutte le schifezze che ha combinato berlusconi dovrebbe scrivere un tomo da 5000 pagine… potrebbe morire prima di ultimarlo, contando poi che il Berlusca continua a farne giorno dopo giorno diventa un compito proibitivo !

  30. Scritto da milagros

    Quello che fa più tenerezza però è Nosferatus(Sallustri) con quella faccia da vampiro aggressivo è un ingenuo. Ad una trasmissione su
    la 7 ha ffermato: “che c’entra Berlusconi con Dell’Utri?” I presenti non sapevano come trattenersi dal ridere . E’ incredibile questo Berluscon chi va ad ingaggiare per cercare di salvarsi. Io pensavo che giornalisti del genere non potessero far parte dell’ordine
    poi ho scoperto che Feltri era stato sospeso e allora mi son detto si dovrebbe sciogliere l’ordine

  31. Scritto da Riccardo

    @guitti
    L’ha già fatto e piuttosto bene quando era Bicedirettore (non è un errore di stampa: informarsi per piacere) dell’Europeo. Poi è passato alle sue dipendenze e ha cambiato idea, come Bossi, d’altronde, che prima lo chiamava “il mafioso di Arcore” e adesso è pappa e ciccia con lui.

  32. Scritto da milagroso

    L’INDIPENDENTE articolo di Feltri 30 Aprile 1993)
    “Hanno vinto i ladri”… Allegria!”….Un Parlamento impresentabile, pieno di concussori, corrotti, manutengoli, ha assolto Craxi e condannato Di Pietro “Allegria! siamo in un Paese, peggio che sudamericano, a questo punto”
    BRAVO!

  33. Scritto da parsifal

    diciamo che è una durissima gara, molto italiana?
    Come al grande fratello, pochi non vi vorrebbero partecipare…
    E i bergamaschi non sono da seconde file…
    magari non sono podio, ma ci starebbero volentieri.
    Ahinoi. Noi… “altri”? =(

  34. Scritto da Che orrore!

    Come sono contento di non essere suo parente !!

  35. Scritto da Pulitzer

    feltri, belpietro, minzolini, sallusti.
    Che mestiere avete detto che fanno ?

  36. Scritto da milagroso

    I NUOVI BRAVI: Feltri, Belpietro e(aggiungo io Sallustri e Minzolini).
    Mai definizione fu cos’i azzeccata.
    “I bravi sono il simbolo di un mondo violento e corrotto; essi hanno una parte importante nella vicenda e sono lo strumento con il quale i potenti riescono a realizzare i loro disegni di oppressione.
    Il nome “bravo” deriva dal latino”pravus” che significa malvagio”.Anonimo
    Perfetto!

  37. Scritto da verita'

    A tutti i sinistrorsi.Si sa a voi vanno bene Scalfari,Santoro,Travaglio,Bocca ecc.Questi sarebbero i veri giornalisti,e voi sareste obbiettivi nei giudizi.Ma guardatevi allo specchio

  38. Scritto da Sergio-Svizzera

    Feltri e Belpietro sono due giornalisti che scavano nel letame in doppiopetto e senza sporcarsi le mani.. Li senti parlare ( come scrivono non lo so perchè non li ho mai letti) e provi il fastidio che provoca la lanuggine dei pioppi in tempo di fioritura quando si posa sulla ciambella del cesso e si incolla sulle chiappe. Del resto per “el ghigno” Belpietro e il “signorina grandi firme” Feltri l’ unica linea che un giornalista è tenuto a rispettare è quella ferroviaria

  39. Scritto da ex elettore

    Un po di serietà con i problemi che ci sono…….e poi sono solo due servitori scribacchini

  40. Scritto da andy baumwolle

    Fini e i suoi sono un rimasuglio di spazzatura fascista e meridionalista deleterio per la società come lo furono comunisti e fascisti a suo tempo.
    Vogliono bloccare un paese che proprio ora sembra si stia affrancando da chiesa, stato, comunismo, sindacalismo e centralismo dopo secoli di umiliazioni ideologiche

  41. Scritto da Curati

    Sergio -Svizzera
    Giudichi ciò che non leggi?

  42. Scritto da Trava

    Mafalda
    Informati: il tomo su Berlusconi l’ha già scritto Travaglio

  43. Scritto da P.G

    Solita solfa,se non sei di sinistra non hai nessun diritto,ne di scrivere ne di parlare la verita sta solo da una parte,la loro.Gli altri tutti ignoranti indegni e servi di qualcuno.La stampa di sinistra aveva ragione anche quando difendeva i regimi comunisti assassini nei vari paesi del globo.Servi di una ideologia?