BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Se la ripresa non arriva è colpa dei politici litigiosi” Siete d’accordo?

Secondo quanto emerge da un'indagine Censis-Confcommercio per il 34,4% degli italiani al momento è proprio questo il principale problema della nostra economia.

Più informazioni su

Se l’Italia non esce dalla crisi la colpa è soprattutto di una ‘classe politica litigiosa’. Secondo quanto emerge da un’indagine Censis-Confcommercio per il 34,4% degli italiani al momento è proprio questo il principale problema della nostra economia, quello che rischia di frenare la ripresa. Più di disoccupazione, indicata dal 29,6% del campione, e più della corruzione (26,2%).
Nella graduatoria dei problemi, secondo la percezione degli italiani, seguono l’eccessiva presenza di immigrati (17,7%), le scarse tutele per i giovani (17,4%), la presenza di troppi evasori fiscali (16,9%), le tasse troppo alte (16,8%), le forti disparità tra ricchi e poveri (12,2%), scuola e università mal funzionanti (7,1%). (Il totale non è uguale a 100 perché erano possibili più risposte).
Rispetto alla media nazionale, la disoccupazione è un problema preoccupante soprattutto al Sud (il dato sale al 35%) e tra le persone con redditi familiari bassi (37,7%). La corruzione risulta odiosa soprattutto ai giovani di 18-34 anni (31,1%). La presenza di immigrati è ritenuta eccessiva soprattutto dagli anziani di 65 anni e oltre (20,5%) e dai residenti del Nord-Est (19,5%). La eccessiva pressione fiscale è avvertita soprattutto tra le famiglie con livello economico più basso (il 19,5% a fronte del 13,7% di quelle con alti redditi).
Solo il 4% del campione sostiene che l’Italia del prossimo futuro potrà contare su una classe dirigente e politica affidabile. E chiara è anche la disillusione degli italiani nei confronti della classe dirigente, mediocre per il 38,4% del campione. Per il 34,6% sarà una Italia segnata dalla crisi sociale o comunque con troppe differenze sociali. Solo per il 16,9% l’Italia sarà un Paese in cui si vivrà ancora bene, nonostante le difficoltà attuali. Per il 12,9%, "nonostante tutto", saremo un Paese vitale e con grandi risorse. Per il 12,3% un Paese in cui la solidarietà tra le persone sarà ancora forte.
Sono gli abitanti delle grandi città (47,3%), le persone con livello economico familiare elevato (42,2%) e i giovani (41%) a giudicare le èlite del Paese in maniera più severa: per loro la classe dirigente continuerà a essere mediocre anche in futuro.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vileo

    anche io sono un sostenitore della cultura a 360° e quella mi ha fatto capire che non è un problema morale e cioè che bisogna cercare gli uomini di buona volontà! io non dico che sono tutti ladri ma che le cose non cambiano perchè esiste il primato dell’economia e non della politica. puoi votare chi vuoi tu ma le leggi dell’economia non le puoi cambiare! non è una questione di uomini ma di società!

  2. Scritto da cicillocacace

    E’ colpa del Governo Prodi

  3. Scritto da vileo

    del governo Prodi? e perchè solo di lui? è dagli inizi degli anni novanta che qui vanno su berlusconi poi prodi poi berlusconi poi prodi poi berlusconi..! e io pago!
    la crisi comunque viene dall’economia mondiale di cui sicuramente l’Italia fa parte e sostiene..,un sistema marcio che noi continuiamo a non voler vedere e preferiamo parlare e gridare tra di noi: colpa della destra, no della sinistra, no della lega, no dei massoni, ecc ecc intanto quelli fanno banchetti! e noi paghiamo!!

  4. Scritto da M.B.

    Sono un sostenitore della cultura a 360° la conoscenza è la base per potere sciegliere nella vita e per potere far bene ma la vita mi sta insegnando che forse al Parlamento ed al Senato è meglio che ci vadano non solo i laureati ma anche degli operai onesti IL PROBLEMA DELL’ ITALIA E’ CHE SERVONO AL GOVERNO DELLE PERSONE ONESTE CON IN TESTA IL BENE DEL PAESE MENTRE TUTTI ( DX – SX – CENTRO ) sono solo li per interessi personali e non capiscono che stanno distruggendo il paese con il loro egoismo

  5. Scritto da Beppe

    Sono di sinistra…..ma devo ammettere che la politica “fortunatamente” non influenza più di tanto la ripresa economica….a meno di provvedimenti scellerati.
    La politica invece può fare moltissimo sull’equità socilae e la redistribuzione della ricchezza…..ma qui il governo è assente!!!
    Sul lato fiscale poi, la pressione fiscale è in aumento, 2009: 43,2%, record assoluto (nel 1997. l’anno della eurotassa fu del 43,1%)!

    Quindi questo è il governo della pressione fiscale più alta: grazie destra

  6. Scritto da bla

    Politici italiani venite in fabbrica a lavorare che vi passa la voglia di litigare…. e poi un po di sobrietà da parte vostra non guasterebbe!!! Forse si farebbe politica per il bene del paese e non per altro.

  7. Scritto da P.G

    Sono di destra…..non credo che la litigiosita della politica influisca sulla ripresa economica.sono convinto però che stiamo pagando anni di politca assistenziale ultraesagerata propinata da governi di centrosinistra per mantenere sacche di potere.Ora abbiamo un debito colossale!GRAZIE SINISTRA

  8. Scritto da Leo

    Non sono in grado di giudicare se la nostra classe politica, con il suo comportamento, sia in grado di condizionare in modo evidente l’auspicata ripresa economica.
    Sicuramente. perdendo il tempo in polemiche e risse di sicuro non l’agevola. Vanno prese invece decisioni immediate.
    Purtroppo abbiamo una classe politica incompetente, incapace e rissosa (sia chiaro, dx o sx non fa differenza). Probabilmente, in Italia, le persone di valore non si dedicano alla politica.
    Forse ce lo meritiamo….

  9. Scritto da w gl'italiani

    Sono un cittadino contribuente destra e sinistra compongono la “casta” che non vuole mollare. I dati: 120 miliardi d’euro annui il fatturato delle mafie, 200 miliardi d’euro annui di evasione fiscale, 60 miliardi d’euro annui di corruzione, 9 miliardi d’euro annui sperperati di aiuti europei.
    Il tutto condito da centinaia di miliardi di opere pubbliche mai terminate e da un ceto politico, autoreferenziale più costoso del mondo. Dobbiamo “pensaga nuialter” mandarli a casa tutti a calci…..!

  10. Scritto da Beppe

    @3….

    Ti ricordo che la destra sta governando ormai da 8 anni e che il debito pubblico con la breve esperienza di sinistra era sceso al 104%, e il deficit /pil al 2%, ora siamo con un debito pubblico al 110% e un deficiit/Pil al 5,2% il tutto condito da una pressione fiscale record!.
    Questi dati negativi i TG schierati di Minzolini e di Mediaset non li daranno mai, leggi qualche giornale e li trovi (Il sole 24 ore)
    Quindi informarsi prima di scrivere e non parlare solo per luoghi comuni…

  11. Scritto da ex elettore

    Ma per loro non è mai crisi 20000 euro al mese…….dal 94 a oggi sono al governo la banda bassotti, il bello che dopo 16 anni di ladrocinio dicono che la colpa è dei sinistri………poveri noi. Ormai non c’è piu speranza di uscirne, i giovani sono tutti analfabeti e rincoglioniti, non hanno studiato e non studiano la storia, non si interessano del sociale, niente di niente…..una società marcia.

  12. Scritto da swap

    La riduzione della pressione fiscale è l’unico sistema per innescare la ripresa, ma è evidente che l’insaziabile voracità della classe politica lo impedisce, quindi… .

  13. Scritto da dino

    Berlusconi e la sua cricca di p3 devono dimettersi sono mele marce e di scandali ne hanno collezionato fin troppi FUORI DALLE P….E !!!!

  14. Scritto da a

    E’ colpa degli stipendi bassi dei metalmeccanici, vero motore dell’Italia

  15. Scritto da alternainsieme@yahoo.it

    Giusto. I politici non devono litigare ma ubbidire al capo. Anzi: si può fare a meno dei politici, basta ubbidire tutti al capo.
    O no?

  16. Scritto da vileo

    io sono d’accordo con bla..venissero a lavorare in fabbrica..vedi come gli passa la voglia di litighare e poi andare tutti a tarallucci e vino nei galà da migliaia di euro.. non è facile critica ma non siete stufi di andare a votare prenderla poi sempre li?? dx sx lega idc ecc ecc chi è con i lavoratori veramente..chi fa gli interessi dei lavoratori??fatemi esempi..se io vado in “crisi” la banca vuole i soldi o pignora! chi ha causato questa crisi?? e quindi dovremmo…

  17. Scritto da akaeda

    Vero!
    E tutta colpa di fini!