BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’ultimo saluto a Ilario Testa “Guardava in faccia la realt??” fotogallery

Nella parrocchiale di Dalmine i funerali del presidente di Sacbo, gi?? alla guida della Dalmine. Una dipendente Sacbo: "Nel giorno dell'ultimo volo le diciamo ancora grazie, Presidente".

Erano volti pieni di tristezza, ma anche di serenità quelli dei familiari di Ilario Testa, durante i funerali celebrati a Dalmine questo pomeriggio (31 luglio). Serenità "perchè anche nel giorno dei suoi funerali un uomo così sa dare luce, sa dare forza" come ha ricordato l’ex parroco di Dalmine don Antonio Zucchelli durante l’omelia. Ma su quei volti sono scese ancora lacrime al termine della Messa, quando Elena Cortesi, capo turno di check-in all’aeroporto di Orio al Serio, ha letto il messaggio di saluto di tutta la Sacbo al Presidente, con la P maiuscola: "Grazie ancora Presidente, e ci scusi se nel giorno dell’ultimo volo le abbiamo rubato un minuto" (guarda il video).
Al funerale c’era tutta Dalmine, la città di Ilario Testa, ma c’era soprattutto tutta la Bergamo della vita pubblica, quella che guida le istituzioni, o quella imprenditoriale, che spesso vive in questa terra ma lavora nel mondo, proprio come Ilario Testa nella sua vita. E molti volti hanno annuito sulle parole ferme di quell’anziano sacerdote, don Antonio Zucchelli, che ha guidato la parrocchia di Dalmine per anni ed è voluto tornare nella chiesa di San Giuseppe per il saluto a "Ilario: un uomo che non riduceva la vita alla sua dimensione, ma amava guardare in faccia la realtà".Parole di un prete che ha così ricordato Ilario Testa durante la Messa celebrata dal vescovo di Timor Est monsignor Leopoldo Girelli, affiancato dal fratello Ilario, parroco di Dalmine, da tutti gli altri parroci dei quartieri dalminesi, da don Francesco Poli e monsignor Maurizio Gervasoni.
La Bergamo pubblica, a fianco di quella privata di Ilario Testa, con la moglie Eugenia stretta tra i figli Roberto e Mauro, rientrati in questi giorni dall’Argentina. C’erano il sindaco Franco Tentorio, il presidente del Consiglio comunale Guglielmo Redondi, il sindaco di Dalmine Claudia Terzi, il prefetto Camillo Andreana, il rettore Stefano Paleari, gli onorevoli Mirko Tremaglia e Giacomo Stucchi, l’assessore regionale all’Urbanistica Daniele Belotti, il consigliere regionale Carlo Saffioti, l’ex consigliere Pietro Macconi, gli ex assessori di Bergamo Elena Carnevali e Valter Grossi, il vice presidente della Provincia Giuliano Capetti. E tutte le "prime file" del mondo imprenditoriale bergamasco: il presidente di Confindustria Carlo Mazzoleni con il fratello Mario, Nicola e Miro Radici, il segretario generale di Tenaris Dalmine Stefano Muller, il presidente del gruppo Techint Gianfelice Rocca, il presidente della Sacbo Mario Ratti e l’amministratore delegato Renato Ravasio.
Lui, l’amministratore delegato dell’aeroporto, qualche lacrima se l’è fatta scappare quando Elena Cortesi ha letto il messaggio di saluto per il Presidente. E qualche lacrima è corsa anche sul viso di Gianfelice Rocca, all’uscita dalla chiesa, al momento dell’abbraccio con Eugenia Testa.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.