BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La benzina fa impennare l’inflazione

A luglio l'inflazione in Italia è cresciuta dell'1,7% su base annua, accelerando e non poco rispetto al +1,3% registrato a giugno.

Più informazioni su

S’impenna il costo della vita. A luglio l’inflazione in Italia è cresciuta dell’1,7% su base annua, accelerando e non poco rispetto al +1,3% registrato a giugno. E’ il tasso più alto dal mese di dicembre del 2008, ed è un balzo in avanti dovuto in particolare ai prezzi dei beni energetici. Lo comunica l’Istat nella stima preliminare, precisando che su base mensile, rispetto a giugno, i prezzi sono aumentati dello 0,4%. Il dato è in linea con quello di Eurozona. Secondo queste stime, se si manterranno i livelli di luglio, il tasso di inflazione per il 2010 si attesta al +1,4%.
Gli aumenti più significativi dell’indice si sono verificati nei capitoli Trasporti (più 1,2%), casa, acqua, energia elettrica e combustibili (più 0,8 per cento) e Servizi ricettivi e di ristorazione (più 0,5 per cento). Gli incrementi tendenziali più elevati invece si sono registrati nei capitoli Trasporti (più 4,6 per cento), beni e servizi (più 3,4 per cento) e Istruzione (più 2,5 per cento).
Per quanto riguarda i carburanti, i prezzi della ‘verde’ sono saliti dello 0,8% su mese e dell’8,9% su anno. I prezzi del gasolio sono invece diminuiti dello 0,3% su mese mentre sono saliti del 13,2% rispetto a un anno fa. In generale, i prezzi sono aumentati dello 0,2% su mese e del 10,6% su anno. Nei servizi, invece, si segnalano aumenti significativi per il trasporto aereo, con un +15,2% rispetto a giugno e un +8,2% nel confronto annuo, e per le assicurazioni, con un +1% congiunturale e un +8% tendenziale.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.