BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Arlecchino trasloca nei giardini del Donizetti Ti piace l’idea? fotogallery

Entro l'autunno, annuncia l'assessore Saltarelli, sar?? trasferita definitivamente nei giardini del centro citt?? tra il teatro e il propileo in cui si trova l'Atb point.

Più informazioni su

Arlecchino trasloca forse per l’ultima volta. La statua della discordia che dal 2003 non fa che spostarsi e dividere il mondo di Bergamo tra chi la vuole chi no e che da qualche anno è parcheggiata nei giardini del palazzo di Via Tasso, andrà collocata nei giardini del centro città posti tra il teatro Donizetti e il propileo in cui si trova l’Atb point. L’ha deciso l’amministrazione comunale di Bergamo, accogliendo le sollecitazioni del Ducato di Piazza Pontida che chiedeva di trovarle una sistemazione definitiva.
E stavolta pare sia una decisione condivisa, o almeno così la definsice l’assessore Alessio Saltarelli che annuncia il trasferimento entro l’autunno.
Sarà davvero questa la parola fine su un dibattito che ha registrato polemiche e cambi di rotta? Intanto va registrato che la scelta della giunta Tentorio è proprio quella bocciata dal predecessore Bruni che invece non voleva la statua di Arlecchino tropo vicina al monumento di Manzù.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ureidacan

    Veneziani, Tentorio e Belotti l’avevano collocata a Piazza Pontida (Largo Rezzara) e si sono beccati una causa dall’architetto della fontana che hanno transato in circa 100 mila Euro. Ora magari possono riprovarci, come suggerisce qualcuno (magari l’architetto si è distratto).

  2. Scritto da claudio ongaro

    Ma è proprio così difficile dire che è brutta, ma tanto brutta?

  3. Scritto da Rizzetta

    La statua è bellissima e le andrebbe conferito un posto d’onore. Peccato non sia capita….ma anche la Tour Effel ha avuto un esordio difficile…….meditate gente, meditate.

  4. Scritto da lisa

    dove vorrei la statua?
    a San giovanni bianco patria dell’arlechì
    o in alternativa n’del me giardì

  5. Scritto da Pippo

    Mettetela a casa di P.eu (2) o a san giovanni bianco. A piacere

  6. Scritto da Can marroig

    E’ orribile, da lontano sembra un crocifisso contorto, poi vedi cosa è e ti atterrisce la smorfia. Ovunque la si metta, può solo fare impressione. Lasciatela dove sta ora, non troppo visibile.

  7. Scritto da sanleonardo

    san leonardo nel ducato di piazza pontida
    stava proprio bene su quella fontana caciona in largo rezzara,
    solo un progettista egotico ed una giunta servile hanno potuto
    permettere che venisse tolto. arlecchino è il simbolo di bergamo
    e poteva essere una ottima icona per i turisti che frequentano
    sempre più numerosi questa parte della nostra città.
    rimettetelo dov’era tirate fuori gli attributi, lì lo vogliamo, al donizetti
    c’è già un mare di roba, ci si perde! se no mandatelo a oriocente

  8. Scritto da P.eu

    Innanzitutto è stato “liberato” dalla furia insopportabile di Bruni & friends, e questa è già un’ottima notizia.
    Concordo con il lettore di prima: nei giardinetti si perde e forse stona (il rischio è di buttarci dentro di tutto con il risutato di un parco delle rimembranze), vedremo…
    La cornice ideale è quella storica, uno studio d’impatto e fattibilità su largo Rezzara sarebbe interessante.

  9. Scritto da wka-isola

    era meglio sulla fontana in piazza pontida ma pure li non è male..w l arlechì

  10. Scritto da pippo

    Questa storia “comincia” un pochino a stancare.
    Ricordo che le scultura in questione ha partecipato al concorso che il Comune di San Giovanni Bianco aveva indetto anni fa per realizzare il monumento in onore di Arlecchino. Ebbene questa scultura opera di Gotti il concorso non lo ha vinto. La scultura vincente, opera di Verdi non venne mai ralizzata.

  11. Scritto da paco

    Dio ci scampi da una nuova collocazione: che rimanga lì dov’è dove non la vede nessuno, tanto non c’è nulla di bello da vedere.