BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Per eliminare il cromo aumenter?? la bolletta dell’acqua”

I Sindaci dei comuni di Verdellino, Ciserano, Arcene Castelrozzone e Treviglio sono tornati delusi dall???incontro in Regione.

Più informazioni su

Pubblichiamo il comunicato inviato dall’amministrazione di Treviglio in merito all’emergenza cromo e sugli interventi che verranno messi in campo per contrastarla.

I Sindaci dei comuni di Verdellino, Ciserano, Arcene Castelrozzone e Treviglio sono tornati delusi dall’incontro in Regione del 26 luglio, convocato per la “programmazione di interventi in riferimento alla presenza di cromo in falda”. Si trattava di un intervento atteso perché, secondo quanto anticipato  dall’Assessore Raimondi in un’assemblea pubblica tenutasi a Verdellino lo scorso 22 luglio, avrebbe dovuto fare il punto della situazione, definendo la modalità per realizzare gli interventi alla luce delle competenze degli enti coinvolti.
La delusione è venuta dal constatare non solo l’assenza dell’Assessore Raimondi ma anche l’effettivo scopo dell’incontro, teso unicamente ad “acquisire il quadro conoscitivo” del servizio idrico a cui fanno capo i 5 comuni coinvolti dall’emergenza cromo. Informazioni che potevano benissimo essere chieste direttamente ai diversi gestori del servizio (Uniacque, Bas e Cogeide).
Non si è parlato di quando e di come verranno erogati i 5 milioni necessari per realizzare la barriera idraulica prevista nel comune di Ciserano ma si è solo assicurato che il provvedimento per la concessione di 600.000 €, necessario per predisporre il progetto esecutivo della barriera, è già stato firmato. Per quanto riguarda l’inquinamento rilevato a sud della prevista barriera di Ciserano, che ormai non può essere fermato da quest’ultima, il Comune di Treviglio ha fatto presente, ricordando di averlo più volte scritto all’Assessore Raimondi, che l’estensione della rete dell’acquedotto alle utenze che utilizzano pozzi privati inquinati era stato indicato dal funzionario regionale come alternativa più economica rispetto all’ipotesi di una seconda barriera idraulica. Proprio per questo, l’allacciamento all’acquedotto delle case con pozzi inquinati o a rischio doveva rientrare nei costi complessivi per contrastare l’emergenza cromo. La risposta regionale, secondo quanto affermato dalla dirigente che presiedeva l’incontro, è stata del tutto diversa: i soldi per questi interventi devono essere reperiti nei territori interessati, ci devono pensare i gestori dei servizi idrici, anche aumentando la tariffa dell’acqua potabile. Del resto, la Regione ha rilevato che una tariffa di 1,50 a mc è compatibile con il tenore medio delle famiglie, al massimo potranno essere fatte agevolazioni per le fasce più deboli.
Arpa e Asl, presenti all’incontro, hanno sottolineato l’impegno dimostrato dai comuni nel fronteggiare le diverse problematiche connesse all’emergenza cromo ed hanno ribadito la necessità di intervenire con urgenza, altrimenti sarà sempre più difficile contrastare la diffusione in falda del cromo esavalente.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gigantino

    Per acquedotto ciserano: penso che tu sia un ignorante della situazione dei condomini athena e anna e quindi non sparare cacchiate, l’acqua di ciserano è potabile altrimenti se così non fosse te ne saresti già accorto!

  2. Scritto da LDN

    premesso che il sistema acquedottistico (acqua potabile distribuita nelle case) nn è stato minimamente sfiorato dal problema cromo. se a treviglio esistono delle utenze (famiglie) che in questi anni hanno utilizzato i propri pozzi (invece che allacciarsi alla rete pubblica) ora inquinati. nn serve e nn è nemmeno giusto aumentare le tariffe, queste utenze (famiglie) si paghino l’allaccio all’acquedotto di treviglio come hanno fatto tutti gli altri.

  3. Scritto da lombardo

    Li abbiamo eletti e ora ce li teniamo………..

  4. Scritto da a

    Prime prove di federalismo…

  5. Scritto da acquedotto ciserano

    bene, allora faremo come hanno fatto ai palazzi atena finora, ovvero non pagare più l’acqua!!! che ce la tolgano pure e che vengano a murare le finestre anche di casa nostra…li aspettiamo con i kalascinov!!!