BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Pdl: farmacie vendute, arroganza della Giunta

Dopo la presa di posizione di Treviglio Libera è la volta del Pdl trevigliese che interviene sulla vendita delle farmacie comunali decisa dalla Giunta Borghi.

Più informazioni su

Dopo la presa di posizione di Treviglio Libera è la volta del Pdl trevigliese che interviene sulla vendita delle farmacie comunali decisa dalla Giunta guidata da Ariella Borghi.

Questa maggioranza proprio non desiste dalla scelta insensata della vendita delle farmacie comunali: non ascolta i suoi cittadini, non ascolta i precedenti amministratori, non ascolta i rappresentanti dell’opposizione, non ascolta i dipendenti di Ygea, non ascolta il mondo dell’associazionismo ma soprattutto non ascolta il popolo.
Un’Amministrazione che non sa ascoltare i suoi cittadini e si pone sempre in posizione autoreferenziale è un’Amministrazione che rivela arroganza nelle decisioni e strapotere nelle scelte. Questo è ciò che pensa la gran parte dei trevigliesi e forse anche qualche consigliere di maggioranza che vede, per l’ennesima volta, lo snaturamento del ruolo consiliare frutto di determinazioni adottate nelle stanze del Palazzo.
E’ ormai dall’autunno scorso che la giunta Borghi ha deciso di vendere le tre farmacie comunali per la costruzione dell’Armadillo, ovvero la riqualificazione dell’ex Upim (e altre opere pubbliche): edificio acquistato sedici anni fa dall’ex sindaco Minuti che da allora ha ingessato la città di Treviglio paralizzando qualsiasi intervento di rivitalizzazione del centro storico. Nonostante siano stati indetti numerosi concorsi di idee (costati ai cittadini oltre 400.000 euro) le varie Amministrazioni non hanno mai reperito le risorse necessarie per dar corso al progetto.
Il PDL di Treviglio ritiene che per non tagliare le opere pubbliche previste in bilancio e prevedere nuove entrate ci sia la necessità, o meglio l’urgenza, di alienare tutto o in parte il palazzo dell’Upim perché solo con la partecipazione del privato si potranno affrontare i costi della ristrutturazione e la destinazione commerciale come unica soluzione per la rivitalizzazione del centro storico. Un edificio ristrutturato e gestito totalmente dal Comune procurerebbe una profonda voragine nel già fragile bilancio comunale. Il PDL è certo favorevole alle politiche di sussidiarietà e liberismo imprenditoriale, ma nel caso concreto l’alienazione è finalizzata ad obiettivi non condivisibili perché la gestione delle farmacie, nei tre anni precedenti l’attuale, ha permesso al Comune di introitare a vario titolo un milione e quattrocentomila euro dalla società Ygea Spa, cioè circa un quarto del realizzo della prevista vendita al netto delle imposte. Già, perché gli otto milioni di euro che il Comune percepirebbe con l’alienazione delle farmacie diventeranno al netto poco più di cinque milioni di euro per cui nemmeno sufficienti per la realizzazione del “mostro” Armadillo e successive integrazioni e modificazioni dello stesso.
Ci siamo soffermati su dati economici ma il dato più sconcertante è quello sociale: il venir meno di un servizio alla città come quello dello sportello farmaceutico notturno e l’apertura domenicale e di tutte le feste comandate nega a Treviglio e circondario una opportunità di coesione e attenzione sociale di rilevanza territoriale, inoltre in carico alla società Ygea vi è la gestione del Centro Diurno per gli anziani, per i malati di Alzheimer, per la idrokinesiterapia, per i corsi di ginnastica dolce , l’importante servizio di assistenti educatori sull’ handicap scolastico e per gli scuola bus; insomma l’Ygea va a ripianare le passività di tutti quei servizi sociali, indispensabili, che diversamente graverebbero sul bilancio comunale o ancor peggio sugli utenti. Il PDL di Treviglio, sconcertato per le strategie politico-amministrative adottate da questo esecutivo, auspica un ripensamento da parte della giunta che tenga conto della volontà popolare.
Il Popolo della Libertà – Treviglio
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dino

    PDL a Treviglio ? CHI ? DOVE? QUANDO? MA CI SONO SOLO CON UN PENOSO GAZEBO PER LE VIE OGNI TANTO ED IN TRE GATTI .
    Speriamo non si offendano i gatti quelli veri.

  2. Scritto da Filippo Palmieri

    Non esistono finiani a treviglio.

  3. Scritto da Michelangelo Merisi detto il Caravaggio

    Le posizioni politiche della classe dirigente trevigliese sono patetiche: in primo luogo perché prese sull’onda dell’interesse elettorale; in secondo luogo perché espresse con un italiano stentato ed indecente. Ancora più osceno il fatto che politicanti disoccupati, di varia estrazione politica, passino la giornata ad inserire commenti sui blog, per rafforzare la loro posizione.

  4. Scritto da Luca Minichetti

    Ed ora che faranno….
    si aprono le scommesse… chi degli esponenti del PdL trevigliese andrà con Fini?

  5. Scritto da Alessio Botticelli

    mamma mia che tristezza questo PdL!
    A Treviglio esiste soltanto Nuova Italia (con Mangano e Camizzi) e Treviglio Libera (con Pignatelli e Maggioni).
    Per il resto il nulla assoluto: il PdL ha copiato il comunicato di Treviglio Libera!

  6. Scritto da c'ècelticoeceltico

    6 – Rispondo al celtico trevigliese : io tra un meridionale intelligente e un trevigliese fesso , se devo dargli la mia preferenza per farmi amministrare,preferisco il meridonale intelligente, specie se poi vive a Treviglio da 40 anni.

  7. Scritto da NUOVA ITALIA

    Il Circolo di NUOVA ITALIA – Treviglio, già da mesi che porta avanti la battaglia per impedire la vendita delle farmacie. Basti vedere i manifesti sparsi per Treviglio, i gazebo fatti, i comunicati stampa, le raccolte di firme (più di 1000 raccolte) e non ultimo la proposta di referendum, bocciata perchè espressione del volere popolare e quindi di troppa democrazia.

  8. Scritto da Valerio

    condivido in pieno.

  9. Scritto da Brava Nuova Italia

    Non dimentichiamoci che la Prandina, coordinatrice del PDL , ha stigmatizzato l’iniziativa del cricolo NUOVA ITALIA dando financo del sinistrorso a Basilio Mangano.
    Da questi episodi si capisce quanto il PDL manchi di una classe dirigente Ora piangono, quando i buoi sono usciti dalla stalla, prima hanno sconfessato Mangano, per non parlare di “Treviglio Libera” con la sua ambigua posizione .

  10. Scritto da forza celti

    sarà, ma Mangano dice di non voler vendere a prescindere perché viene da una cultura statalista e meridionalista che non vuole smantellare i carrozzoni. Qui siamo a Treviglio. Almeno la Prandina è di Treviglio e alla fine non è contraria alla vendere se per una buona ragione

  11. Scritto da treviglies

    Quoto .Ora tutti i pidiellini si stracciano le vesti per la vendita delle farmacie. Ora però. Prima se ne stavano coperti e allineati. Solo Mangano ci ha messo la faccia.

  12. Scritto da un trevigliese

    Questa lettera sottolinea un problema scottante: si buttano via una serie di risorse, finanziarie e non, per intestardirsi in un’opera mangia soldi priva di senso.
    Qualcuno mi sa spiegare perchè è stato comprato l’upim? E soprattutto perchè lo si continua a tenere??
    Non ho paraocchi ideologici. Non mi interessa se la proposta venga da destra o da sinistra. Quello che chiede questa lettera è solo qualcosa di buon senso

  13. Scritto da Adela

    Non so se avete notato:
    1) Nuova Italia ha la sua posizione contraria
    2) Treviglio Libera ha la sua posizione (condivisibile)
    3) Il PdL ha copiato il comunicato di Treviglio Libera.
    Ergo:
    il PdL non esiste, esiste soltanto Nuova Italie e Treviglio Libera.

  14. Scritto da Il PDLnon ESISTE

    – Adela hai colto nel segno. Il PDL non esiste.