BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, viaggio nell’hotel del ritiro tra lusso e dieta controllata fotogallery

La Val Seriana ha accolto con entusiasmo il ritiro dell???Atalanta. A partire dall???hotel Milano di Bratto. Il direttore Iannotta racconta alcuni retroscena della spedizione nerazzurra.

Più informazioni su

Bratto e Rovetta da ormai due settimane hanno riaccolto nel modo migliore, a due anni di distanza dall’ultima apparizione, il ritiro estivo dell’Atalanta.
A partire dall’hotel Milano, il quartier generale scelto nuovamente dallo staff nerazzurro per questo ritorno in Val Seriana, che ha messo a disposizione una trentina di stanze, in pratica un’intera palazzina delle sue tre, oltre ad una taverna con sala da pranzo riservata, un bar, la piscina e il centro benessere con docce verticali, orizzontali e trasversali di difficile interpretazione. Idratati, massaggiati e coccolati, i nerazzurri si rilassano tra queste mura di pietra antica prima e dopo le pesanti sedute della faticosa preparazione di Colantuono. Alloggeranno qui fino al 31 luglio, per poi tornare a Bergamo e iniziare a pensare sempre più concretamente al prossimo campionato cadetto, con in testa l’ormai celebre diktat imposto dal presidente Percassi: “An gà dè turnà so sòbet!”. Si augurano in molti tra Bratto e Rovetta che la squadra nerazzurra ce la possa fare, e tra di loro c’è anche Fabio Iannotta, il direttore dell’hotel Milano: “Non ero un grande appassionato di calcio – racconta Iannotta – ma da quando abbiamo l’Atalanta con noi ho iniziato ad interessarmi di più a questo sport e ai colori nerazzurri. Ci auguriamo di portare fortuna alla squadra per la prossima stagione”. L’Atalanta paga circa centocinquanta euro al giorno per ognuna delle sue camere di questa vacanza lavorativa sui monti seriani: “Abbiamo venticinque stanze prenotate dall’undici al trentuno luglio –continua il direttore dell’hotel- per quaranta persone tra giocatori e staff. Lo abbiamo saputo solo a fine maggio che sarebbero venuti qua, ma fortunatamente siamo riusciti a trovare lo spazio necessario. Per i giocatori, che sono in camera in coppia, abbiamo riservato un’intera palazzina dell’hotel che si trova di fronte all’ingresso, mentre per lo staff un’altra parte di quella qui a fianco. Nelle camere ci è stato richiesto che ci fossero obbligatoriamente i canali di Sky e la connessione internet. Poi, per garantire la tranquillità necessaria, abbiamo dedicato alla squadra una sala da pranzo nel piano interrato. Infine la piscina, che rimane a loro disposizione quando ne hanno bisogno”. Particolare importante l’alimentazione, l’unica cosa dove i giocatori atalantini non possono godersi in pieno le qualità di questo lussuoso hotel: “Devono seguire una dieta ferrea –spiega Iannotta- che in pratica sarebbe quella di uno sportivo. E’ fatta di carboidrati e proteine, bilanciati al punto giusto, senza la minima percentuale di grassi. Banditi del tutto anche gli alcolici. I nostri cuochi stanno seguendo alla perfezione le direttive che ci sono state dettate dallo staff atalantino. I giocatori sono molto diligenti nel rispettare le regole alimentari. Sono anche molto disponibili con i tifosi, visto che molte volte si attardano anche di un quarto d’ora prima di venire a tavola per firmare autografi e scattare foto con i loro sostenitori che li aspettano qua fuori”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Luke

    Invece di fare i comunisti nazional socialisti, non pensate che l’Atalanta bratto invece di Brentonico, porti un po’ di turismo e soldi nella nostra provincia?
    Che poi il calcio sia una fiction fuori dalla realtà è risaputo. Pubblicità? Paloschi non ha fatto uno spot all’abergo, ma ha chiesto al direttore come gestiscono una squadra di calcio, di servizi non ne ha nemmeno accennato… mha…

  2. Scritto da Berghem

    Non lamentatevi ….tanto paga il Presidente…

  3. Scritto da te

    @me… nn tocca ad una società darli a chi ne ha bisogno capisci???
    quando vai tu in ferie qualkuno ti dice di dare quei soldi li a qualkuno che ne ha bisogno?? nn credo…

  4. Scritto da Pierangelo

    siete tutti succubi del calcio….!

  5. Scritto da me

    @ te
    pota belo, me vu mia an ferie…. nada dineri….
    a parte chel, volevo solo sottolineare il fatto che prendono tanti soldi ..
    w lo sport

  6. Scritto da ron

    I suoi soldi Percassi li spende come vuole !

  7. Scritto da Steo 69

    Hotel 4 stelle in provincia di BG. Grande Percassi. I soldi vanno spesi nelle nostre valli !!!!!!!!!!!!!!

  8. Scritto da Piero

    questa è pubblicità non un articolo.

  9. Scritto da me

    c’è gente senza lavoro !!!!!!!!!!!!

  10. Scritto da Silvio

    VERGOGNATEVI

  11. Scritto da Il Naggio

    Ma come si fa? Nella foto della camera mi sarei aspettato almeno un TV a Led 42″
    mica quel baracchino col tubo catodico ahahaah :D

  12. Scritto da luca

    di cosa si devono vergognare??? è un ritiro in val seriana… x me si devono vergognare le squadre che vanno in ritiro a dubai o in america in hotel a 5 stelle se nn di + (se esistono)…
    poi nn usano i nostri soldi per pagare l’hotel Milano di bratto…bratto non cortina d’ampezzo o chissa quale altra località di montagna costosa)….

  13. Scritto da uaua

    cioè dove dovevano andare in ritiro?? in una fattoria????

    c’è gente senza lavora ma nn credo che tutti quello che hanno scritto rinuncino alle ferie perchè c’è gente che nn lavora!!!!!
    vergognatevi voi!!!!!!

  14. Scritto da te

    poi + un hotel da 150 euro a camera,quindi 75 a testa!!!!!! nn sarà mica tanto….invidiosi del….!

  15. Scritto da me

    @ te 150 euro al giorno dàghèi a chi ga nà bisògn… mia a chi potrebbe pagarseli e la ciàpa i milioni… uè nano ghè szet che la crèpa dè fam

  16. Scritto da ric

    si però ha ragione il n. 4, cambiate sta TV!

  17. Scritto da paulineroblu

    Quantomeno soldi + indotto che restano sul territorio bergamasco e Dea vicina ai suoi tifosi. Cosa si vuole di piu’?