BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Indesit e aree industriali: “Dalla Lega solo fumo”

I consiglieri del Pd Sergio Gandi e Alberto Vergalli: "Alla Lega piace definirsi paladina del territorio ma poi commette errori marchiani".

Più informazioni su

I consiglieri del Partito democratico Sergio Gandi (in Comune a Bergamo) e Alberto Vergalli (in Provincia) sottolineano come gli interventi dei lumbard sulla Indesit non producono alcun effetto se non negativo. 

Si conferma il fatto che sulla questione Indesit la Lega Nord fa solo fumo.
Come già avevamo rilevato, l’area all’interno del Comune di Brembate Sopra in cui è collocato lo stabilimento della Indesit deve rimanere a vocazione produttiva e industriale e non subire alcuna modifica o suddivisione in assenza di un progetto chiaro e inequivoco che la riguardi unitariamente nel suo complesso.
La decisione del Comune di Brembate Sopra di adottare una variante urbanistica che consentisse un impiego alternativo dell’area ed un suo eventuale frazionamento si è confermata prematura: oltre a sconfessare la lotta dei lavoratori, dando per scontato un epilogo negativo per la prosecuzione dell’attività dello stabilimento di Brembate Sopra, mostra i suoi limiti – a causa dell’inutile fretta con cui è stata votata – rivelando, a detta degli esperti contattati dai sindacati, diversi elementi di illegittimità.
Nessun risultato, quindi, nonostante le roboanti dichiarazioni dell’Amministrazione leghista di Brembate Sopra per i lavoratori Indesit.
Altrettanto grave la questione relativa alla manovra finanziaria (il d.l. n. 78 del 31 luglio 2010) e, più in particolare, all’art. 40, che prevede una fiscalità agevolata – vale a dire la possibilità di azzerare l’Irap – per le imprese che decidano di investire nel Mezzogiorno.
Abbiamo chiesto, infatti, che tale agevolazione potesse applicarsi soltanto a chi avviasse nuove attività produttive e creasse nuova occupazione e non anche a chi, forse in modo cinico, si limitasse a trasferire attività già esistenti all’unico scopo di godere delle agevolazioni, innescando una inutile competizione tra lavoratori delle Regioni settentrionali e lavoratori delle Regioni meridionali. Abbiamo chiesto, quindi, che i partiti di maggioranza e la Lega Nord in particolare cambiassero la norma in Parlamento, in sede di conversione.
Nessuna traccia, invece, di questa modifica nel maxi-emendamento e nel testo della manovra economica approvato in Senato con i voti della Lega Nord e attualmente in discussione alla Camera.
Si dimostra, in entrambi i casi, che alla Lega piace definirsi paladina del territorio ma poi commette errori marchiani e alle dichiarazioni alla stampa non fa seguire comportamenti coerenti, a Roma come anche qui, nei Comuni che amministra.

Sergio Gandi – Consigliere Pd Comune di Bergamo e Responsabile lavoro Pd
Alberto Vergalli – Consigliere Provinciale Pd

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lavoratrice Indesit

    Ma il ministro CALDEROLI è in ferie?

  2. Scritto da P.G

    Condivido pienamente qunto dice il n11 parole sacrosante.però non si può negare la sfaccitaggine e la presunzione di onnipotenza della sinistra italiana!

  3. Scritto da UNIONE SINDACALE di BASE (USB) di BERGAMO

    Ormai è chiara la tenaglia che sta per strangolare i LAVORATORI INDESIT,prima farli rinunciare alla lotta a fronte di vaghe promesse,poi con la “variante urbanistica” gli viene tolto letteralmente il terreno da sotto i piedi! Servirebbe una vera unità tra LAVORATORI e CITTADINI a difesa del sito produttivo e contro le varianti del comune!
    Meglio smetterla di rincorrere LEGA e PD e fare una unità dal basso!
    Che siano i lavoratori a convocare un assemblea a BREMBATE e decidere assieme il da farsi

  4. Scritto da RETE CONTRO LA CRISI BERGAMO

    Tutto ormai scritto? La parola fine per la INDESIT DI BREMBATE è senza possibilità di essere cancellata?……NOOOOO….se i lavoratori,invece di rincorrere i politici di ogni colore,illudendosi di avere da loro soluzione ai problemi,DECIDANO di rafforzare il PRESIDIO e contemporaneamente DECIDANO di coivolgere in modo attivo la popolazione di BREMBATE nel respingere la VARIANTE URBANISTICA….non c’è altra strada!

  5. Scritto da Marisa

    vi lavoratori della INDESI: ANdate ancora da Calderoli o al RADUNO DI PONTIDA a frvi prendere per il naso dai leghisti. Appena inizia il campionato di calcio perchè non andate anche in CURVA NORD da Belotti? Svegliatevi..

  6. Scritto da roberto fugazzi

    Forse è duro capire che noi lavoratori dobbiamo imparare a contare SOLO SU NOI STESSI!..certo è più facile sperare di avere “santi in paradiso” è duro prendere atto che invece i vari politici pensano ai loro affari e LAVORANO CONTRO DI NOI!
    Riusciremo a prendere il nostro destino sulle nostre spalle ed abbandonare le illusioni?

  7. Scritto da Senza lavoro, tutti perdenti

    Con la variante urbanistica, i lavoratori indesit perderanno anche fisicamente il luogo di lavoro. Saranno messi fuori dalla fabbrica per l’apertura del cantiere. Il Comune di Brembate riceverà i soldi degli oneri di urbanizzazione, gli immobiliaristi faranno gli affari loro e gli operai, così come i partecipanti di questo blog, si divideranno per dar ragione agli uni piuttosto che agli altri, ma quando si perde il lavoro, perdiamo tutti. Avanti così saremo presto ridotti in brache di tela.

  8. Scritto da TEX

    Visto che il PD di Bergamo è così forte e ha la bacchetta magica di individuare i risultati per continuare la produzione all’ INDESIT, si facciano garanti con tutti i lavoratori e dimostrino che loro non parlano soltanto, ma che il loro partito non fa solo FILOSOFIA.

  9. Scritto da bla

    bla, bla, bla…….

  10. Scritto da stiamo ai fatti

    ehehehe caro PG, facile cambiare discorso.
    rimaniamo invece sul punto: la lega oggi governa comune di brembate, provincia, regione e stato: e cos’ha fatto di concreto per la indesit? un bel niente.
    anzi, qualcosa l’ha fatto: il sindaco leghista di brembate ha cambiato destinazione all’area, favorendo l’epilogo negativo della vicenda.
    e il governo leghista ha stanziato contributi per chi chiude le industrie al nord e le sposta al sud.
    questi sono i fatti.
    e le elezioni si avvicinano

  11. Scritto da passante

    Al raduno di Pontida, mese scorso, Bossi assicurava sostegno ai lavoratori Indesit ,ma come sempre sono solo parole che vengono smentite automaticamente.Ormai sono diventati i migliori affabulatori in questo teatrino politico.Vanna Marchi ha tracciato la strada.

  12. Scritto da gc

    come solevasi dimostrare la lega parolaia comincia a perdere colpi e con i proclami non si può governare che i bergamaschi aprano gli occhi e comincino a mettere impegno per i loro probelmi senza delegare alcuni

  13. Scritto da MaVi

    Ennesima dimostrazione dell’incapacità totale di gestire le problematiche: economiche,del lavoro,dell’assistenza ai pensionati come alle coppie giovani,politiche decenti per la scuola ecc ecc. Solo proclami poi subito smentiti dal compagno di partito (vedi ultime notizie su irpef e iva ai comuni) o da qualche alleato.Il federalismo sbandierato come panacea di tutti i mali ma poi disatteso nei fatti e nell’opera legislativa……Insomma una gran massa di incapaci da fermare il prima possibile!!!

  14. Scritto da P.G

    Ennesima dimostrazione di supponenza nelle proclamazioni per il resto zero!In tanti anni che i vari compagni hanno governato non sono riusciti nemmeno a pulire Napoli adesso farebbero miracoli,ma chi vi crede ancora?

  15. Scritto da variante urbanistica

    Sono rimasta basita assistendo al Consiglio Comunale di Brembate Sopra del luglio u.s. quando alla presenza degli operai Indesit l’attuale assessore (ex sindaco Rota Giacomo) ha presentato la variante urbanistica, quale soluzione per i cassaintegrati. Una variante che il Pirellone prenderà a modello, ha detto, per il risvolto “sociale” dell’intervento urbanistico. Giuro che guardando i cassaintegrati presenti mi è venuto un magone.

  16. Scritto da Variante urbanistica

    La variante urbanistica è stata concessa per edificare capannoni e residenziale. La convenzione che l’ex sindaco Rota ha promesso di stipulare con i nuovi operatori che si insedieranno nei capannoni, dovrebbe prevedere il reimpiego dei cassaintegrati Indesit. Dov’è l’inganno? Nel fatto che l’amministrazione comunale non può sapere ora quali tipologie di attività si insedieranno e quindi se i cassaintegrati saranno collocabili. Se si insedieranno società che hanno già dei loro operai?

  17. Scritto da La Lega prende in giro il nord

    Bravi gli esponenti del PD bergamaschi, la loro proposta degli aiuti solo a nuove imprenditorialità avrebbe fatto da deterrente a spostamenti di attività verso aree depresse. La proposta leghista dei salari differenziati, unita agli incentivi per il meridione, in finanziaria, farà sì che gli imprenditori trasferiranno le loro attività là dove il lavoro costerà meno (maggiori utili). Ci sarà un’emigrazione al contrario dal nord al sud d’Italia. L’ignoranza al potere è peggio della dittatura.