BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cinque milioni di italiani in agriturismo

Boom della vacanza verde, tra buon cibo e natura: l'estate 2010 segna l'affermazione di un turismo alternativo.

Più informazioni su

Raggiungeranno quota 5 milioni le presenze negli oltre 18mila agriturismi durante l’estate 2010, che fa segnare un aumento del 3 per cento degli italiani che scelgono la vacanza verde. E’ quanto emerge dalle previsioni della Coldiretti per l’estate 2010 sulla base dei dati dell’associazione agrituristica Terranostra. L’agriturismo, secondo la Coldiretti, si conferma una delle mete preferite dagli italiani per trascorrere le vacanze in tutta tranquillità, con un fatturato che supererà nel 2010 il valore di un miliardo raggiunto lo scorso anno. Le vacanze nel verde sono favorite – sottolinea la Coldiretti – dalla tendenza a diversificare il periodo delle ferie, dall’opportunità di scegliere vacanze ripetute, ma più brevi, dalla preferenza accordata ai soggiorni in Italia rispetto all’estero. Si confermano le mete tradizionali vicine alle località di mare e di montagna, e cresce soprattutto le regioni del Sud Italia circondate e lambite da mare cristallino e da una natura prorompente. A spingere i turisti nel verde c’è sicuramente la volontà di allontanarsi dal caos quotidiano delle città e di trascorrere il tempo libero all’aria aperta, ma anche la voglia di gustare i sapori del territorio negli agriturismi dove sono più radicate le tradizioni alimentari ed è ancora possibile gustare autentiche specialità regionali realizzate con ingredienti genuini e ricette uniche. Ma oltre alla buona tavola, una delle ragioni principali per scegliere l’agriturismo è anche la costante crescita dell’offerta di programmi ricreativi. Il numero di agriturismi lungo la penisola è raddoppiato negli ultimi dieci anni ed oggi sono presenti 18.480 aziende agrituristiche dove sempre piu’ spesso – continua la Coldiretti – sono offerte attività come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking mentre in quasi la metà non mancano le iniziative culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici. Le aziende autorizzate all’esercizio di altre attività agrituristiche (equitazione, escursionismo, osservazioni naturalistiche, trekking, mountain bike, corsi, sport e varie) sono 10.354, pari al 56 per cento degli agriturismi nazionali. L’escursionismo e l’impiego di mountain-bike sono praticati, rispettivamente, in 3.140 e 2.398 aziende mentre più limitata è, invece, l’offerta di osservazioni naturalistiche che interessa soltanto 607 agriturismi. Tra le altre attività agrituristiche rientrano anche il trekking, l’equitazione e i corsi che riguardano, rispettivamente, 1.657, 1.615 e 1.407 unità. A privilegiare le vacanze nel verde sono, oltre ai gruppi familiari, in misura sempre più crescente anche i giovani con la scelta del luogo che ultimamente avviene soprattutto attraverso internet grazie alla disponibilità di siti come www.campagnamica.it, con il passaparola informatico, con i social network, ma anche – continua la Coldiretti – grazie alle guide come “Agriturismo 2010 – mangiare e dormire in campagna” – realizzata da Terranostra in collaborazione del gruppo editoriale Istituto Geografico De Agostini, nella quale oltre a trovare indirizzi per soggiorni di qualità e buona tavola in aziende selezionate, da quest’anno è disponibile il CD interattivo Atlante Stradale con le aziende agrituristiche con tutte le informazioni necessarie per raggiungere la località di villeggiatura, dalla distanza che si deve affrontare per arrivare anche nelle mete piu’ nascoste, ai tempi di percorrenza, alle indicazioni di dove è ubicata l’azienda e i servizi che offre, compresa l’ospitalità per gli animali

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.