BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L’aeroporto mi ha rovinato la vita Colognola addio dopo 35 anni”

Una residente sottolinea l'esasperazione di chi deve convivere con lo scalo e annuncia un'amara decisione.

Più informazioni su

Cari Concittadini,
io abito a Colognola ed ho letto i commenti alla lettera del Comitato Aeroporto di Bergamo, pubblicata su “Bergamo news”: mi auguro che essi siano dovuti soltanto a mancata conoscenza dei fatti.
Per una vita ho creduto che legalità e moralità fossero principi basilari ed inscindibili, su cui edificare una società degna di chiamarsi “civile”.
Oggi le mie certezze si sono scontrate con una realtà di fatto che mi stupisce e mi indigna.
Negli anni Settanta ho acquistato (a prezzo di mercato e non di saldi!), l’appartamento in cui abito tuttora, nel quartiere di Colognola; qui sono cresciute le mie figlie, qui si sono consolidati i miei rapporti socio-affettivi.
Per molto tempo il quartiere è veramente stato “a misura d’uomo”: un’area residenziale tranquilla, con una buona qualità di vita.
L’aeroporto di Orio al Serio era una realtà che non interferiva in misura significativa con la nostra quotidianità. Inizialmente scalo militare pressoché dismesso, si è nel tempo trasformato in aeroporto civile, nel primo periodo con dimensioni limitate, che non compromettevano la vivibilità delle aree circostanti, anche perché fino agli anni ’90 i decolli avvenivano verso est, cioè nell’unica direzione costituita da un’area senza importanti insediamenti abitativi.
La crescita dello scalo è avvenuta gradualmente, ma è stato soprattutto negli ultimi anni che essa ha compromesso gravemente la vivibilità del nostro quartiere.
Nel 2003 ha avuto inizio un progressivo sviluppo dell’aeroporto, al quale il Ministero dell’Ambiente ed il Ministero per i Beni e le Attività Culturali hanno concesso il loro benestare, a condizione che fossero rispettate precise prescrizioni, atte a rendere compatibile lo sviluppo dello scalo con le esigenze del territorio circostante (decreto 677, del 4-11-2003. V.I.A. = Valutazione Impatto Ambientale). E’ un dato di fatto che la definizione delle curve isofoniche e delle zone di rispetto (comprese nelle sopra citate prescrizioni) non sono state ancora determinate.
Non si tratta di problemi irrilevanti, perché non bisogna dimenticare che l’aeroporto è situato a ridosso della città e questo è un dato reale, di cui non si può non tener conto!
Dal settembre 2009, poi, è stata attuata una nuova rotta che prevede una virata a sinistra dopo il decollo: ora gli aerei sfrecciano proprio sopra le nostre case!
Ci è stato spiegato che questo cambiamento avrebbe portato benefici ad 11.500 persone e che sarebbe diminuito il numero degli “esposti”! 
Ebbene, quegli “esposti” siamo noi: noi che già prima subivamo le pesanti conseguenze dei decolli, ora siamo ancor più penalizzati!
Questo ci ha portato all’esasperazione: il rumore incessante degli aerei scandisce le nostre mattine, le nostre giornate, le nostre sere!
Abbiamo protestato, ma invano: gli appelli alle Istituzioni ed alla classe politica bergamasca non hanno avuto alcuna ricaduta positiva; anche il maggior quotidiano di Bergamo ha di fatto minimizzato il problema, riservando poco spazio alle nostre proteste.
Oggi Colognola è ancora, in teoria, un quartiere residenziale di Bergamo in cui, sempre in teoria, dovrebbe valere la zonizzazione acustica comunale, cioè il limite di 55 decibel. 
In pratica, tuttavia, nella nostra zona il livello di inquinamento acustico è ben più alto, corrispondente a quello di una “zona di rispetto”
(Così si definiscono le zone molto vicine agli aeroporti ed interessate da livelli di rumore più alti delle altre aree: in queste zone gli insediamenti abitativi sono sottoposti a vincoli ben precisi, quali ad esempio la possibilità di delocalizzazione, l’insonorizzazione degli edifici ed altre limitazioni che non cito per non annoiarvi ).
Per noi, nessuna tranquillità garantita, nessun diritto alla salute veramente preservato!
A Colognola circa 5.000 persone possono vivere nel rumore, possono essere svegliate alle 6 del mattino dal rombo degli aerei, possono sopportare 70 voli al giorno sulle loro teste, mentre lavorano, passeggiano, parlano al telefono, guardano la televisione, addormentano i loro bambini, cercano di godersi il fresco della sera…

A questi già gravissimi danni, si aggiunge un altro problema: quando saranno “finalmente” approvate le curve isofoniche, il nostro quartiere sarà quasi sicuramente destinato a diventare una “zona di rispetto” e, come è logico supporre, il valore degli immobili crollerà. Chi vorrà mai comprare una casa in un posto in cui non c’è mai pace?
Per salvaguardare gli interessi dell’aeroporto e di tutti coloro che ne favoriscono l’incessante sviluppo, si sacrificano gli “esposti”.
Evidentemente 5.000 cittadini hanno meno diritti degli altri: condannati al rumore, condannati a seri danni patrimoniali. (Mi sto riferendo a Colognola, ma ricordo che sono interessati al problema anche i quartieri di Campagnola e Malpensata, nonché i Comuni di Azzano S. Paolo e Stezzano: gli “esposti” sono ben più di 5.000!) 
Gli sbandierati “benefici economici” derivanti dall’aeroporto li pagheremo noi: noi che paghiamo le stesse tasse degli altri cittadini, noi che eleggiamo e manteniamo come tutti gli altri la Pubblica Amministrazione, affinché tuteli i nostri diritti ed i nostri interessi.
Ora io mi chiedo: è possibile che un pezzo di città sia trasformato in “zona di rispetto”, con una decisione presa dall’alto e contro il volere degli interessati?
E’ possibile che un quartiere di Bergamo sia di fatto declassato e condannato alla decadenza, con gravissimi danni per coloro che vi abitano?
Infatti, non illudiamoci, chi potrà se ne andrà ad abitare altrove, chi resterà avrà una vita compromessa dal rumore ed una casa che non vale più i risparmi e, spesso, i mutui faticosamente pagati per decenni!
Precisiamo che noi non vogliamo la chiusura dell’aeroporto, ma esigiamo che esso sia compatibile con la salvaguardia del territorio circostante: una soluzione si può e si deve trovare!
Del resto, se i danni denunciati dagli abitanti delle zone a sud di Bergamo fossero veramente “irrilevanti” e semplicemente sovrastimati da chi protesta ( Forse perché troppo sensibili al rumore? Forse perché poco attenti alle “magnifiche sorti e progressive” del terzo aeroporto d’Italia?), per quale motivo si sarebbe fatto di tutto (e lo si è fatto!) per evitare al resto della città i problemi connessi allo sviluppo esponenziale di Orio al Serio?
Perché non si è deciso di “spalmare” le rotte, in modo che l’intera città si facesse carico delle ricadute negative, così come dei benefici economici dati dallo scalo? 
Se invece, come è accaduto, si è scelto di limitare il numero degli “esposti” (…abbandonati alla ruota del convento?…), è indubbio che l’esposizione al rumore è un danno, un problema che deve essere limitato il più possibile.
E quale soluzione è stata trovata? Condannare una parte di Bergamo all’invivibilità, con buona pace di coloro che inneggiano ai primati di Orio ed ironizzano su chi protesta, mentre vivono e dormono tranquilli ( loro sì ), a distanza di sicurezza dal rombo degli aerei in decollo!
E’ questa la democrazia? Una maggioranza tutelata ed una minoranza sacrificata?
E’ questa la tutela da parte della Pubblica Amministrazione? Salvaguardare i diritti della maggioranza e lasciare che la minoranza non goda degli stessi diritti, della stessa qualità di vita?
Esaminate i dati di fatto, incontrovertibili.
Bergamo è la settima città per livelli di inquinamento: veramente c’è che crede che ciò sia ascrivibile solo al traffico automobilistico? (E gli aerei? Sfrecciano in cielo, è vero, ma le emissioni inquinanti vengono disperse nello spazio o ricadono sul territorio? Oppure anche questa è un’argomentazione capziosa?)
Bergamo è al secondo posto per incidenza di malattie tumorali. Non c’è da gioire.
Per fortuna si sta costruendo un nuovo, eccellente ospedale, ma perché non pensare anche ad una riorganizzazione dei modelli di sviluppo della città?
Perché non rimettere al primo posto il valore della salute, prioritario rispetto a qualsiasi interesse economico, come sostenuto dal dott. Remuzzi (20 giugno 2010, incontro pubblico sul futuro di Bergamo, organizzato da Bergamo-news)?
Cementificazione esasperata, inquinamento alle stelle, aeroporto in crescita senza tregua…
Non si sta operando un sopruso ai danni dell’ambiente e della qualità di vita? 
Forse molti hanno esaurito la capacità di ribellarsi ai soprusi: una forma di rassegnata accettazione che trasforma i cittadini in sudditi: da protagonisti attivi della vita pubblica – come vorrebbe la Costituzione – in passivi spettatori di manovre economiche che non capiscono (o che forse capiscono molto bene) e che, comunque, si attuano a loro danno.
“Res publica”: cosa pubblica! A me sembra che non si possa parlare di “cosa pubblica” nel momento in cui una parte di cittadini è costretta a subire decisioni che non approva, che non vuole, che sono fortemente lesive nei suoi confronti.
Prego i concittadini, ma prima di tutto il Sindaco, di leggere con attenzione queste mie riflessioni: forse non è troppo tardi perché la gente ricominci a pensare che le Istituzioni sono state create per assicurare e difendere il bene di tutti, senza distinzioni tra serie A e serie B.
Adesso è sera, guardo i giardini davanti a casa mia: un tempo potevo ascoltare le loro parole verdi, nel buio. Ma ora la pace è interrotta da aerei in decollo che strappano via il silenzio e mi martellano la testa. Non credo che potrò sopportare a lungo questa situazione, che è destinata addirittura ad aggravarsi, a quanto si sente dire. Dovrò andare via da un luogo in cui ho trascorso 35 anni della mia vita: sradicata per la decisione di chi insegue solo un miope profitto. Penso che altri, in questo momento, stanno facendo le stesse riflessioni. Non si tratta di “4 gatti” (come dice chi vuole disconoscere la gravità del problema), ma di migliaia di persone, molte delle quali, purtroppo, hanno perso la forza di ribellarsi a chi gioca con la vita degli altri, a chi crede di poter stravolgere la mappa di una città con un semplice tratto di penna, a chi giudica senza farsi domande: nel silenzio della sua casa, lontano da qui.
Invito voi, cittadini di Bergamo, a considerate se tutto questo è giusto, moralmente e non solo legalmente.
Però, prima di esprimere un giudizio, fermatevi un attimo: 
immaginate di esserci voi, nei nostri panni.
Grazie per l’attenzione, da parte di una cittadina di Colognola. 

Gabriella Pesce

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da neroblu

    Sig.GIORGIONE, la prego di rendersi conto che mai la Malpensata è stata acusticamente inquinata dagli aerei quanto Colognola.. E parlo da reidente in Malpensata..

  2. Scritto da Bobo

    @123 Se si potesse parlare di un qualsiasi espansionismo di Orio di qualsiasi misura, MA in sintonia con il rispetto delle persone che vivono in un raggio d’azione, ebbene, allora ben venga.
    MA da una parte a Colognola continuano a dare concessioni edilizie. Allora lì bisogna anche processare penalmente i sindaci e/o chi di dovere. Perché loro le leggi non devono rispettarle? Poi, da parte della gente serve anche maggior tolleranza. A Linate, Duesseldorf, Heathrow non è mai morto nessuno

  3. Scritto da Elena

    In effetti la signora ha ragione. Il troppo espansionismo porta benefici ma anche sacrifici. In fondo si sta solo chiedendo di ridurre l’inquinamento acustico in modo da conciliare le esigenze di tutti.

  4. Scritto da Kaltenhaus

    Bella la città di Dusseldorf con 500.000 abitanti e un aeroporto da 18 milioni di passeggeri a soli 6 km (udite) dal centro. Io li vedo basi bassi sui palazzoni della via scritta in una lingua incomprensibile, ma con gente molto più comprensiva… Già loro abitano in Europa e l’aeroporto lo usano. Anche quelli che rognano qua dentro lo usano. Non ci fanno la guerra, perciò.

  5. Scritto da vileo

    legalità e moralità..a bg accadeva che persone morivano sul lavoro, venivano ingiustamente sfrattate, licenziate, derubate e non solo dai ladri ecc ma lei pensava che si vivesse in una società civile? quando i problemi arrivano da lei allora si indigna?? bg si sviluppa: università, ospedale nuovo, superstrade ecc ecc per mantere profitto e quindi standar di vita agiata di cui TUTTI approfittiamo.. la società, l’economia si basa sul profitto e le prediche/interessate non cambieranno la situazione

  6. Scritto da simona(ex colognola)

    La mia paura non è solo il rumore ma la probabilità che un aereo cada,allora tutti a piangere, politici e non (all’ italiana) come a Viareggio, Anche quelli che hanno aspramente criticato questo articolo, riflettano,
    Piena solidarietà all’ autrice dell’ articolo

  7. Scritto da GIORGIONE

    MA AI QUARTIERI INTERESSATI PRIMA NESSUNO CI PENSA? CREDE SIGNORA DI COLOGNOLA CHE LLA MALPENSATA PER DECENNI NON CI SIA STATO IL PROBLEMA? EPPURE NESSUNO URLAVA VERGOGNA,PURTROPPO LA SOCIETA’ DEL MORTE TUA VITA MIA…BERGAMO HA DECISAMENTE PIU’ RESIDENTI DI DIECI COLOGNOLE E STEZZANO MESSE INSIEME.VENDA PURE.

  8. Scritto da PAOLA

    hai ragione giorgione a colognola se lo meritano, tutti immigrati e l’aereoporto almeno a loroda lavoro, a noi residenti rompe le p…,
    quando sorvolavano casa mia nessuno mi ha mai risposto alle lamentele nonostante i disagi notturni , ora sta a colognola che mi pare sia anche meno densamente popolata e poi cosa vorreste gli aerei sopra l’ospedale?bravo giovannone!

  9. Scritto da w la legalità

    Paola, a lei probabilmente gli aerei non girano sulla testa. Basta solo un’angolazione diversa e cambia tutto!
    Il problema comunque è il rispetto delle leggi. Se in un paese non esiste la legalità a che cosa dovremo andare incontro? Utilizzare o meno l’aeroporto è un aspetto che viene dopo. Prima va rispettata la legge e poi si possono fare tutte le osservazioni che il caso merita!

  10. Scritto da pepe

    @114
    Ma che cosane sai??? Ma che vai dicendo???
    Lo capisci l’italiano. Lei ha solo detto che NON CI DA’ IMPORTANZA!!!
    Vedi, lei non è fanatica e ha saputo abituarsi.
    O il vostro fanatismo vi ha annebbiato il cervello deformando la realtà??
    Non arrivate a capire che uno può anche aver fatto semplicemente una scelta diversa.
    Svegliati. Tiress fo de la büsa!!!
    @Sigra(na?) Paola, gli dica qualcosa…

  11. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    @114 OK facciamo rispettare la legge. Apriamo una querela al comitato per fasa testimonianzia e/o calunnie
    Adesso mi sono rotto

  12. Scritto da John Doyle Pirola

    Ciao a tutti. Ho letto un po’ di commenti e vorrei esprimere solo una cosa.
    Solidarietà alla Sig.ra(na) Paola. La Sua croce non è l’aeroporto, ma gli xxxx di cui è circondata. Porti pazienza
    @Bergamasco, @dilco@atavar ecc.
    non perdete tempo a discutere con chi il senno l’ha perduto. La pazza è il mal du siècle del XXI secolo. Se vedono A ti dirano che è B. Risparmiamo tempo e facciamo altro.
    Tolgo il disturbo ciao tutti.

  13. Scritto da poveretto

    akaeda pensa invece a chi fa i turni di notte e di giorno non dorme perchè gli aerei gli rombano sulla testa!

  14. Scritto da John Locke

    Sig.ra Gabriella: mi accodo al suo pensiero,nel senso che anch’io ora potrei firmarmi diversam e fare una ventina di post fingendo di essere persone diverse. Bisognerebbe poter ovviae a qs cosa. Potrei addirittura attivare un contraddittorio, anche con insulti, con me stesso.
    Altra cosa: la superficialità c’è comunque. C’è veramente in giro pieno di gente che parla d’interesse generale da proteggere, ma appena ci rimettono un euro diventano peggio degli altri. Manca il mettersi nei panni altrui

  15. Scritto da OC

    @106: quello che ha scritto significa “chi la pensa come me è bravo, gli altri sono superficiali o peggio”. Signora, cresca e accetti che qualcuno la pensi in modo diverso. Io non sono pilotato da nessuno; ho avuto la mia esperienza personale e mi è andata bene. Inoltre preferisco vivere in una città con molte vie di comunicazione attive piuttosto che dovermi spostare a Milano quando devo viaggiare.
    Quindi: auguri e buon trasloco! Attenta però a non andare a vivere vicino all’inceneritore…

  16. Scritto da paola

    Sono d’accordo con OC (@109) io non sono pilotata da nessuno esprimo semplicemente il mio pensiero e penso che possa essere utile visto che abito in Via Orio a 1km dall’aeroporto (@102).Secondo me c’è troppa incoerenza nelle persone, tutti vogliono la botte piena e la moglie ubriaca!Sinceramente vorrei sapere quante persone NON USUFRUISCONO dell’aeroporto perchè ritenuto causa di ogni male. Comunque abitando in città, rumori ce ne sono di tutti i tipi, signora, dovrebbe prendere casa in campagna

  17. Scritto da John Locke

    Credo che nessuno pretenda che l’aeroporto chiuda. Si trattava solo di commentare una presa di posizione di chi sostiene di provare un disagio. E’ superficiale chi dice che siccome si tratta di un interesse generale i disagi di qualcuno sono il male minore. Il problema è: se fossimo noi quel qualcuno, saremmo davvero così tolleranti e fatalisti? Ho molti dubbi. Perchè quando il problema è degli altri è un po’ facile dare lezioni di vita.

  18. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    @110
    grazie, vicina
    La tua testimonianza c’è molto preziosa. Cmq conferma quello che vado dicendo. Se si vuole ci si abitua a tutto. E’ solo una questione di volontà. Da ciò si deduce che è solo ideologia.
    Sono tutti fondamentalisti della specie dei no tav e tutta la compagnia briscola…

  19. Scritto da attvar

    Anni fa mio padre ha dovuto uccidere il gallo che avevamo nel pollaio perchè una signora che abitava nell’isolato restava turbata dal suo canto mattutino. Stia attenta signora a traslocare in un posto ben silente. Non troppo in collina perchè se nevica c’è rischio di non scendere, ma nemmeno in pianura, c’è la nebbia! Stia attenta alla ferrovia all’autostrada e anche ai tralicci alta tensione e cellulari per l’elettrosmog. Poi però quando ha mal di denti ricorderà le comodità della città…

  20. Scritto da w colognola

    non ci vuole molto basta che decollino realmente sopra la nuova zona industriale in linea anche del cimitero ma viene fatto raramente io abito a colognola e non voglio che si chiuda l’aeroporto ma almeno rispettino quella linea e chi non lo fa’far pagare delle penali pesanti e dare una parte dei guadagni alle zone penalizzate per poter insonorizzare le case (doppi vetri ecc. ecc.)

  21. Scritto da berghem

    @75: Alà cinema…e sarebbe colpa di Orio?Ma ti rendi conto delle cappellate che dici?Forse non è dovuto all’industrializzazione elevatissima della nostra provincia?magari al traffico congestionato?alle innumerevoli industrie chimiche?e magari agli inceneritori e discariche?no no…i tumori ci sono per colpa della ryanair! ma va a scuà ol mar!

  22. Scritto da gabbiano

    @68 Capire – Per capire bisogna leggere bene!. Ho scritto “fin quando un aereo non cadrà sul qualche TETTO”. Tutti gli incidenti da lei citati o sono rimasti confinati negli aeroporti (Linate e Genova) o sono accaduti in collina (Superga) o, come nel caso di Orio (citato nel mio testo) finiti in campagna. Nessuna abitazione sfiorata. Ha CAPITO adesso la differenza?. Quando un aereo cadrà su qualche condiminio vedrà che tutto cambierà, non per forza chiudendo di netto lo scalo. Capito!

  23. Scritto da Rob

    Beh all’estero ne sono successi di incidenti aerei sulle case… Non ho mai sentito che fosse chiuso lo scalo… Forse se si verificassero due o tre incidenti in 5-10 anni dallo stesso aeroporto ci si penserebbe, ma è quasi impossibile!

  24. Scritto da PALMIRO

    Marino B: hai perso l’ennesima occasione per startene zitto, vai ad abitare in Corea del Nord con i tuoi amici di partito.

  25. Scritto da Marino B.

    Per il “sig.” 70.
    Il suo dire si commenta da sè.Stare dalla parte dei piu forti,o,della maggioranza è sempre facile e comodo. Nella convinzione della certazza son piene le tombe.Sparando nel mucchio restando anonimi ,o, cambiando ogni volta pelle..?.Ancora più comodo,ma tanto vile.Una buona volta metteteci il nome a ciò che affermate ed abbiate il coraggio di presentarvi,se non avete la struttura mentale per capire cosa sia il disagio di 40000 cristiani sotto il cono di decollo esimetevi..!

  26. Scritto da mamma 75

    Gent.sig. Pesce..Lei ha il problema dell’aereoporto…io invece convivo con lo stadio e i suoi tifosi incivili che devastano imbrattano e fanno ogno sorta di schifezza fuori dal mio condominio, senza contare i danni materiali che arrecano, ti suonano il citofono ad ogni ora finita la partita e quando sono seriamente incazzati devastano e spaccano qualsiasi cosa……..poi c’e la zona dove hanno messo il SERT vuole parlare anche di quella!!! Siringhe e tossici ovunque!!! Facciamo cambio???

  27. Scritto da fanoste

    abito molto vicino ad un campanile e il sabato e la domenica vengo svegliato dal fastidioso e continuo suono delle campane !

    quasi quasi creo un comitato !

  28. Scritto da prof.acerbis

    Buongiorno, risiedo a Colognola dal 1992, in via Rampinelli. Sono solidale con la signora Gabriella Pesce, gli aerei si sentono eccome. Per mia fortuna lavoro fuori città e quindi non ho modo di apprezzarli appieno… Ma per chi lavora e vive 24 ore su 24 a Colognola, direi che il disagio c’è, eccome. Spesso mi alzo prima delle 7 e conto parecchi voli rumorosi, altri meno… dipenderà dalla bravura del pilota? Boh non so. So solo che d’estate il rumore si sente molto di più. Aria condizionata??

  29. Scritto da pavel

    @61, sia la zona industriale (a est/sudest) che via corti (a nord) non distano più di qualche centinaio di metri in linea d’aria da Colognola, Azzanella in particolare,
    le sue osservazioni dimostrano che basta spostarsi di poco per avvertire un rumore sopportabile.
    quindi
    spostando di poco , qualche centinaio di metri, le rotte di decollo, che per la maggior parte ora passano e virano sopra Colognola, Azzanella, il disagio di quest’ultima scenderebbe e il numero di proteste pure.

  30. Scritto da marco

    @ 21 dan
    – la cremasca non passa per colognola? apri gli occhi, guarda googlemap: passa a 500 metri dalle prime case di Colognola!!
    – l’asse interurbano è stato ampliato nel ’90 non nel ’70… meglio ancora! nel ’90 quante lettere avete scritto x protestare?
    – e il traffico su gomma in città quanto è aumentato dagli anni ’70?
    siete informati su quanti PM10 vengono dalle auto e quante dagli aerei? (suggerimento: guarda i siti di regione e arpa!)

  31. Scritto da Fenomeno

    @81 – Sei incommensurabile ! Ti sei trasformato persino in “mamma 75” !!!
    Hai un fegato !

  32. Scritto da Interesse generale

    Pur riconoscendo le ragione della signora e dalla minoranza del comitato, l’interesse generale deve prevalere su queste minoranze.
    Altre citta del mondo hanno le stesse problematiche, ma vige l’interesse generale, e si devono adattare o cambiare locazione se fisicamente non sopportano il disagio.
    L’aeroporto di Orio è strategico per l’interesse generale della provincia di Bergamo.

  33. Scritto da John Locke

    Io con Colognola non c’entro nulla, ma capisco le problematiche di chi ci abita.
    Quelli che parlano di sacrifici per il bene comune sono poi i primi intolleranti in mezzo al traffico, coi vicini di casa, sul lavoro.
    Ma ricordatevi che il boomerang prima o poi ci raggiunge sempre.
    Io lo so e quindi cerco di mettermi anche nei panni degli altri ogni tanto, e provare a capire come mi sentirei al loro posto.

  34. Scritto da Ciro Andrea Napoletano

    E questo lo chiamano sviluppo!! Non nsolo Colognola, ma tante altre zone stanno soffrendo questo frenetico raggiungimento di grandi obiettivi (per chi!!) di produzione!! ne abbiamo i Co…. pieni!! Tutti! E c’è pure chi si erge a paladino dell'”interesse generale” (vedi n. 87) Ma quale, quello di una vita di MER… che tutti insieme,ci siamo abituati a fare?? E questa non è filosofia! Mangiamo rumore e VELENO ogni giorno, per riempire le tasche di pochi!! E nel frattempo si muore…

  35. Scritto da mamma75

    Per Fenomeno
    Spiegati perchè non ti ho capito!!!!!

  36. Scritto da capire

    @77
    Be’ vedo che non vuoi capire… Va bene… Ciao

  37. Scritto da swiss

    @81
    credi davvero che i campanili siano solo vicini a casa tua??e soprattutto vuoi mettere un campanile con un aereo? ma per favore, smettiamo di fare commenti inutili solo per fare i simpatici e minimizzare la situazione..

  38. Scritto da fanoste

    @92.
    ora te lo spiego come se fossi mia figlia di 6 anni.
    Io sono ateo, rispetto i credenti ma non sopporto la chiesa.
    A me potrebbero anche infastidire i 5 minuti di campane alle 8 del mattino, ma arrivo a tollerarlo perchè qualcuno ci crede e probabilmente ne sente il bisogno o perchè è una lunga tradizione.

    E’ una questione di allargare i propri orizzonti e guardare il bene della collettività e non solo al proprio orticello!

    ora hai capito simpaticone??

  39. Scritto da mamma 75

    per @93
    Sei proprio un poverino perchè il messaggio sulle campane non l’ho scritto io…..mi dispiaccio per la tua bimba di 6 anni che ha te come padre….e sono una di quelle povere anime che la domenica vanno a sentire le campane, e a differenza tua non sono atea….ora mi spiego parecchie cose !!!!!!!!!!! Ribadisco POVERINO!!!!

  40. Scritto da pavel

    situazione Colognola:

    autostrada, casello compreso, est/sudest (24 ore)
    asse interurbano, nord (24 ore)
    statale, nel mezzo (24 ore)
    bretellina fra statali, sud/sudovest (24 ore)
    ferrovia, ovest (da prima dell’alba a dopo il tramonto)
    campanile, nel mezzo ( dalle 7 alle 22 più o meno)
    aerei, sopra (da prima dell’alba a dopo il tramonto)
    altro?

  41. Scritto da fanoste

    cara mamma75 ma chi ti ha tirato in ballo??? ho risposto al 92 (swiss) e non a te. che cosa vuoi???
    continua ad andare a messa e quando esci ricordati di insultare chi non la pensa come te e quelli che ritieni “diversi” !
    Tu sei il prototipo di persona egoista che pensa soltanto al proprio benessere!
    Sai leggere in italiano o conosci solo il dialetto???
    ho voluto ribadire che bisogna pensare al bene comune facendo un esempio provocatorio!

  42. Scritto da Swiss

    @ fanoste
    “A me potrebbero anche infastidire i 5 minuti di campane”
    aggiungi ai 5 minuti delle campane altri 5 minuti, moltiplica il tutto per gli aerei in partenza da orio e aggiungi nei giorni con particolare vento anche quelli che atterrano otterai i minuti di fastidio che gli abitanti di colognola si devono sorbire non solo all’ora in cui abitualmente suonano le campane ma nell’arco dell’intera giornata.
    E fammi un favore non insultare la gente che non conosci, è squallido

  43. Scritto da guardiamo i fatti non le parole

    Prima di dare giudizi:
    1. provare a state un giorno in zona Azzanella
    2. informarsi sul fatto che il decreto sulla Valutazione di Impatto Ambientale n.. 667/2003 non è stato ottemperato (cioè rispettato) e nessuna istituzione si è mossa al riguardo (regione compresa)
    3.non esiste una centralina di rilevamento del rumore e delle polveri nella zona più trafficata della provincia (zona aeroporto, autostrada, orio center e insediamenti industriali circostanti), come si fa a credere ai dati Arpa?

  44. Scritto da fanoste

    @ swiss
    hai iniziato tu a offendere.
    Ho abitato per 15 anni a Grassobbio e anche li si sentivano gli aerei in decollo! Beh non ricordo di non essere riuscito a dormire la notte o cose simili.
    Il problema, come sto cercando di farvi capire, non è difendere i propri interessi ma quelli della collettività.
    Ho citato le campane ma potevo parlare di discariche (nessuno le vuole), della tramvia (anche li polemiche), superstrade etc…
    Il bene comune va oltre il proprio interesse.

  45. Scritto da @98

    cosa diavolo vai raccontando?
    1. se vuoi venire a casa mia di problemi ce n’è dappertutto
    2. le cose che era possibile fare son state fatte(anche+di quelle previste,tipo sborsare soldi non essendo formalmente obbligati a farlo), x le altre ci si sta lavorando(anche la regione)
    3. una centralina del rumore è SEMPRE a colognola e ARPA fa misure un po’ in tutto il comune: l’anno scorso a campagn,quest’anno a cologn+altre in città e in tutta la Lombardia! se non credi ad ARPA a chi credi?

  46. Scritto da befana

    io credo alla befana

    ma chi controlla il controllore?

    98 = ingenuo

  47. Scritto da paola

    Sinceramente non capisco il suo problema signora, io abito molto vicino all’aeroporto e sinceramente al rumore sono abituata, come è stato per me , sarà anche per lei. Inoltre mi auguro che lei dopo tutte queste critiche non utilizzi più lo scalo per una questione di coerenza! Anche perchè se è pur vero che c’è un pò di rumore si ricordi che ha portato molti posti di lavoro per i bergamaschi e molto turismo per il nostro territorio! Ed un domani anche i suoi figli potrebbero benificiare di ciò!

  48. Scritto da mitiar1

    d’accordo con paola 102…
    la seria guardando la tv a finestre aperte qualche volta non sento (chiudo le finestre??)
    la notte se sono sveglio li sento…se dormo non li sento certo.. e non li sente nemmeno la mia bimba.
    un beneficio per tutti come spesso capita va a discapito di pochi. che per contro andrebbero “compensati” con qualche altro beneficio. non con restrizioni al beneficio altrui.

  49. Scritto da akaeda

    ”svegliate alle 6 del mattino dal rombo degli aerei”

    Signora pensi a chi sta peggio, pensi a chi si deve svegliare alle 4 di mattina al suono della sveglia magari x andare a lavorare

    Colognola e tutti i favorevoli all’areoporto pensano che la sua emigrazione sia vantaggioso x tutti, e si ricordi…non sarete certamente voi a fermare lo sviluppo di bergamo interland..e valli!

  50. Scritto da gabriella pesce

    Come detto per un’altra lettera, resto dell’idea che i commenti siano scritti dai “soliti noti”. Pilotare l’informazione è uno sport molto in voga!
    Non oso credere che esista un tale campionario di superficialità! Auguri, bella gente! Spero che abbiate qualche beneficio da ciò che scrivete. Grazie a chi, invece, sa usare la testa

  51. Scritto da Alberico

    l’aeroporto è una risorsa per tutta la provincia di Bergamo.
    Crea lavoro.
    Gli abitanti di colognola possono essere risarciti in altri modi (+ asili, + servizi sociali, + servizi pubblici), ma limitare o peggio togliere l’aeroporto sarebbe un dramma per 1 milione di bergamaschi. E’ possibile che lo 0,5% dei bergamaschi possano decidere il futuro dell’altro 99,5%? A questa domanda la residente deve dare una risposta, mica al disturbo provato mentre guarda la tv.

  52. Scritto da Andrea Delli Carpini Mauro

    Posso solo essere d’accordo con la Sig.ra che nel suo sfogo ha incluso molti interrogativi che io stesso mi sono posto. Io abito a Stezzano, da pochi anni, e da quando mi sono trasferito qui ho visto crescere il nostro paesino in numero di abitanti…giovani coppie…insomma il futuro..beh, penso che qui non si tratti di percentuali come scrive il sig. Alberico…la vita e la salute delle persone non si può e non si deve misurare con una percentuale. Spero che preso si trovi il giusto equilibrio

  53. Scritto da Sgherro

    Una in meno, meglio!

  54. Scritto da paolino

    signora, lei esagera sicuramente, ma avrà anche ragione. il vero problema è che non esiste una soluzione…

  55. Scritto da Andrea

    mha…. la crescita esponenziale di Orio ha sicuramente generato l’invivibilita’ di queste zone…. e purtroppo la collocazione dell’aeroporto è quella che è… onestamente non sono contro Orio perche’ lo trovo comodo per partire…pero’ se fossi uno di quelli che si vede svolazzare gli aerei sopra la testa tutto il giorno un po’ di apprensione l’avrei…. spiace dirlo ma gli interessi economici sono forti e i benefici (asili, scuole e servizi) a che servono se il posto è invivibile?

  56. Scritto da angelo

    Mi raccomando, Alberico, vediamo di deportare quello 0,5% di popolazione in un lager, così non disturba più. Vergognati.

  57. Scritto da Dio Anubi

    Facile lamentarsi di tutto in Italia!!! L’areoporto è una grande risorsa!!! Non le sta bene??? VIA E PEDALARE!!!!!

  58. Scritto da marco

    signora, probabilmente ha ragione a lamentarsi: forse negli anni le è andata peggio che ad altri, ma negli anni 70 il casello autostradale era già lì o no? e l’asse interurbano passava già di lì?e la cremasca?e quale è stato l’incremento % di auto che le passano a pochi metri su queste strade dagli anni 70?e quante lettere ha scritto a riguardo? quanti comitati? forse vedete anche voi l’aeroporto come la gallina dalle uova d’oro e sperate solo di ricavarci qualche soldino…

  59. Scritto da berghem

    Posso capire la sig.ra! Senz’altro l’areoporto crea disagi, ma non creda di essere l’unica bergamasca che vede diminuito il proprio benessere per lo sviluppo della città o provincia. Io abito zona dalmine- osio…venite pure: tenaris, discariche, inceneritore, siad, ex ss525 collassata di traffico, pedemontana, casello dalmine…mica era cosi negli anni 70. Però non mi lamento! Voglio che vengano a ritirarmi i rifiuti…da qualche parte bisogna metterli. Voglio spostarmi senza troppe code…

  60. Scritto da la legge è uguale per tutti

    gentile signora,
    le consiglio di rivolgersi all’avvocato antonio maria galli in via matris domini di bergamo, è uno specialista nelle cause contro il rumore!
    pensi che io ho dovuto pagare a chi abitava sopra il mio esercizio (un barettino) la rispettabile somma di 15.000.000.* delle vecchie lire oltre a spese e perizie solo per avere sforato di pochi decibel con la radio nel mio barettino. si figuri Lei che risarcimento potrebbe ottenere
    io ho poi chiuso la mia attività e ora sono disoccupato

  61. Scritto da berghem

    …le strade da qualche parte dovranno pur passare. Voglio lavorare…le fabbriche dovranno pur essere da qualche parte. Insomma, un sacrificio è richiesto a tutti, in tutti i campi!Questa storia di Orio ha davvero rotto…

  62. Scritto da ZIOBEPPE81

    Basta con questi piagnistei…a Heathrow gli aerei atterrano quasi in città…così come in Polonia e non ci sono tutte queste lamentele…inoltre, l’aeroporto dopo una certa ora chiude ed il sonno è tutelato…basta bugie…piccola provocazione che alternativa proponete? E’ facile lamentarsi, senza proporre alternative…

  63. Scritto da s.tomaso

    Alberico, tu dove vivi? Immagino lontano da Orio. Allora stai zitto che è meglio

  64. Scritto da OC

    Ho vissuto a Colognola dal 1970 al 1990 e me ne sono andato proprio perchè l’aeroporto si stava ingrandendo. Ora vivo in val Seriana e mi trovo benissimo.
    L’aeroporto non può condizionare la vita di una persona arrivando a rovinarla. C’è sempre stato ed era prevedibile il suo sviluppo, visto che è collocato in un posto strategico, con buone vie di comunicazione.
    La signora chiede alternative ma quali? E’ meglio che si trasferisca lei; magari sarà fortunata come lo sono stato io.

  65. Scritto da ...

    CIAO, BUON VIAGGIO.

    P.S.
    VENERDì PARTO PER UN WEEKEND A BARCELLONA, 18 EURO TUTTO COMPRESO A/R!
    BUON TRASLOCO

  66. Scritto da Apo

    Se Orio continuerà a crescere con questi ritmi credo che la migliore scelta sia la costruzione di una seconda pista nella bassa bergamasca cosi da poter atterrare a Orio e decollare a xxxxx….cosi si può mantenere un aeroporto importante dal punto di vista economico (non dimentichiamo che Bergamo è tagliata fuori dall’alta velocità) e allo stesso tempo si preserva la vivibilità della città.

  67. Scritto da giusi

    L’assurdo di chi scrive dicendo 1 in meno, vai pedalare, ecc. è che non sà cosa vuol dire perchè non si trova nelle stesse situazioni di noi di Colognola. Io sono convinta che se anche loro vivessero nel nostro quartiere proverebbero i nostri stessi sentimenti: paura, angoscia, rabbia. Non si vuole la chiusura dell”aeroporto. Basterebbe spalmare le rotte su tutta la città (un po’ per uno non fa male a nessuno) o far decollare gli aerei ad un’altezza più elevata, come a Linate del resto.

  68. Scritto da giusi

    Segue….
    probabilmente negli altri aeroporti di cui si parla nei commenti non si decolla a metà pista e a bassa quota (per risparmiare carburante), ma l’aereo segue tutta la pista e decolla alto, arrivando sopra le case ad un’altezza tale che il rumore è meno intenso (non a circa 100 metri ). E forse si utilizzano aerei meno rumorosi. Perchè a Bergamo non succede? Per pagare 18 euro AR? Allora per il signore che si gode la vacanza, aspettiamo la disgrazia e che il Signore mi protegga.

  69. Scritto da dan

    @ ALBERICO: Bergamo (inclusa provincia) ha 472.000 abitanti, da dove salta fuori il tuo milione ???
    @DIO ANUBI: critica costruttiva la tua… fa sito che l’è mèi !!!
    @MARCO: che soldi ??? la cremasca non passa per colognola, l’asse interurbano è stato ampliato nel ’90 non nel ’70.
    @ZIOBEPPE81: una soluzione potrebbe variare un po’ le rotte, si fa un po’ per uno.. un po’ colognola, un po’ altri paesi…

  70. Scritto da Maurizio

    Sig.ra Gabriella,ciò che mi sorprende di più è la becera imbecillità della maggior parte dei commenti.Con l’educazione e la legalità avrà già capito che non si porta a casa nulla;bisognerebbe avere il coraggio di andare in provincia e rovesciare la scrivania sulla testa a qualcuno così,come per i cassaintegrati sui tetti,allora ,sempre quel qualcuno,si accorgerà che ci sono anche i “minori” che menano.Tanto per chiarire abito in una zona dove si sentono ma fortunatamente non rompono

  71. Scritto da Sincert

    A me dà fastidio la Villa d’Almè – Dalmine (ora Stezzano). La chiudiamo?

  72. Scritto da Alberico

    @ DAN,
    ma dove studi le cose, sui libri del ventennio??!!
    Siamo più di un milione e tu ti permetti di fare il precisino.
    Mi sorpernde che la redazione pubblichi post simili.
    Se è palesemente errato non si pubblica e basta. Altrimenti significa che non lo sa neppure la redazione quanti abitanti ha Bergamo

  73. Scritto da Biscuit

    @15 -Giusi te l’ha tirata ma sei decisissimamente andato a cercartela !!
    Ti faccio una domanda (so che è tempo perso), Queste cose determinano un deprezzamento tangibile e misurabile dell’immobile. Chi lo paga ? Tu ? La collettività ? A me pare proprio di no ed è un prezzo grande da pagare per andarsene da un’altra parte. Ed è solo l’aspetto economico. Quindi piantala di fare battute prive di rispetto e di decenza.

  74. Scritto da Alberico

    @ San Tomaso
    Io abito in via San Bernardino, quartiere San Tomaso. Quando la sera dal mio terrazzo guardo gli aerei decollare sono felice di vivere in una provincia che si sviluppa anche grazie all’aeroporto.
    Dobbiamo essere grati ai nostri politici della prima repubblica che hanno pensato tanti anni fa a dotarci di una infrastruttura che ora tutti ci invidiano.

  75. Scritto da Asdrubale

    @ 20 Sincert – a te non da fastidio un bel niente , diversamente non saresti qui con questo ed altri nick name a rompere i maroni.

  76. Scritto da No droghe & no alcool

    x 16 apo — ottima idea , così con due aereoporti per un solo viaggio si riuscirebbe a rendere la vita invivibile a tutta la provincia. Dopo di che andiamo tutti ad abitare a schilpario.

  77. Scritto da ZIOBEPPE81

    @Dan: andando su wikipedia possiamo leggere quanto segue: in data 30 Novembre 2009 la provincia di Bergamo conta 1.087.204 abitanti…dove ha trovato i 472.000 abitanti…possibile che in sette mesi vi siano stati 615.204 decessi e 0 nascite?

  78. Scritto da per DAN

    La provincia di Bergamo ha 1.059.000 circa abitanti.
    (Dato dal sito ufficiale della provincia di Bergamo)

  79. Scritto da pony 6

    c’eraun aereoporto militare,2 stormo caccia,ed i cittadini di bg si lamentavano,quando gli aerei militari,ben piu’ rumorosi di quelli civili decollavano al mattino e dopo due o tre ore atterravano,non decollavano il sabato e la domenica,bene a forza di protestare sono riusciti a far cessare aereoporto militare,ora si lamentano per aerei civili,quando finiranno di lamentarsi? uno che abita in zona.

  80. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    @18 probobilmente un ca..! Se non sai informati.
    A Linate la pista è lunga 2.400 metri e infondo inizia già il centro abitato. Prima di Malpensa 2000 a Linate transitavano 14.000.000 di passeggeri su una pista di 2.400 metri e nessuno rompeva i maroni come fate voi. Siete la vergogna dell’Italia, ma prima ancora di Bergamo.

  81. Scritto da Alb

    @13 Perché immagini e non sai? eh? Perchè? Allora stai zitto che è meglio!!!

  82. Scritto da Buonsenso

    x 30 ; vai a dirlo agli abitanti di cernusco sul naviglio e ai relativi comitati quando hanno spostato le rotte di decollo da linate. Sei sempre quello che dava i numeri sugli abitanti della provincia di bg , vero ?

  83. Scritto da Mauro

    @17-18 giusy: capisco la rabbia ma paura e angoscia mi sembrano esagerate. Io vivo a Seriate e mi sono abituato da tempo al rumore. Vuoi mettere la comodità di avere un punto di collegamento internazionale fuori di casa? Non vorrei mai farmi KM per prendere un aereo, piuttosto il rumore, che poi non è così fastidioso.
    Le soluzioni proposte mi sembrano assurde, soprattutto quella degli aerei con il silenziatore. Prima di tutto la sicurezza per i voli.

  84. Scritto da r5

    Certo il bergamasco sarà un’ottima persona, gran lavoratore, ma certamente (senza voler fare di tutta l’erba un fascio, ovviamente) un gran intollerante. Bagaaaiiii!!!! Tirès insema!!!
    Io abito vicino a Linate e ho 40 anni. Non sono mai morto neanche una volta, pensate!!! Né ho mai preso malattie né sordità né altro. E con me anche chi mi abita vicino. E non si può dire che io il rumore non lo senta. Che ci sia o no per me è lo stesso. Poi piangete i vostri cugini bresciani!!! Ah braaaviii!!

  85. Scritto da jonjon

    per tutti quelli che danno i numeri, ecco dove nasce l’errore: la provincia di Bergamo ha circa 420.000 famiglie per un totale di circa 1 milione di abitanti ( lasciando perdere i bruscolini).

  86. Scritto da arck

    Ma di che parlano tanti sacenti e attenti lettori?
    COLOGNOLA E’ SULL’ORLO DEL TRACOLLO! Non solo per problemi di mobilità e/o di cementificazione, ma grazie al traffico aereo!!!
    A chi piace vivere a ridosso della pista di Linate… ci stia.
    Abbia il buon senso CIVICO di rispettare democraticamente il pensiero di altri che come lui non la pensano e vedono la qualità della vita come un valore imprescindibile.

  87. Scritto da ZIOBEPPE81

    arck è possibile che una minima parte della popolazione voglia dettare legge? Allora cosa dovrebbero dire le persone che abitano nei pressi delle autostrade, ferrovie, provinciali…dobbiamo chiudere tutto? Orsù va bene le critiche, ma alle critiche devono seguire dei progetti, i quali dopo un paio di mesi venivano pure criticati dagli stessi promotori…inoltre, l’aeroporto dopo la 00.00 è chiuso fino alle 06.00 ed i voli che partono e atterrano nelle peggiori delle ipotesi sono DUE…

  88. Scritto da r5

    @arck ehi modera il linguaggio io non faccio il saccentone, dico solo che sono nella stessa tua condizione e basta capito, troglodita ignorante?
    io sono più tollerante di te ma quando si dà del saccentone o altri titoli dimentico l’educazione

  89. Scritto da bg

    @r5: se abiti vicino linate pensa a leggere i siti dei tuoi paesi e non venire a rompere i maroni ai bergamaschi… capit ??? pensa al petrolio nei tuoi fiumi…

  90. Scritto da John Locke

    Tutti bravi a fare i gay col sedere degli altri………..

  91. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    i numeri li dai tu. Io dico quello che devo dire ho il mio nick è basta.
    Adesso quelli di colognola hanno inventato da un po’ di tempo la balla degli alias nei commenti.
    Cos’è? Vi turba che vi facciano sentire in minoranza?
    Lo vado a dire a chi voglio. Del vs attaccarvi agli specchi ne ho abbastanza. Mettila come vuoi. Linate si sviluppa e nessuno spappola i 3/4 di minchia come fanno certi. Non avete più argomenti e cercate di salvarvi in corner sparando minchiate

  92. Scritto da attvar

    Proprio oggi ero a pranzo a Colognola… ho visto decollare una decina di aerei, ma di rumore proprio ne ho sentito poco… Intanto che ero nel parcheggio ad aspettare le altre personecon cui ero a pranzo due aerei sono decollati, ma sinceramente il rumore mi è apparso moderato. Entrato nel ristorante, abbiamo intrattenuto i nostri dialoghi ed abbiamo anche seguito le trasmissioni in tv (studiosport) senza alcun disturbo. rist. livebreakc nuova zona ind.le

  93. Scritto da 5galli! 88

    Oramai l’individualismo ha disfatto i cervelli.
    oltre il proprio orticello non esiste nient’ altro
    il bene primario dovrebbe esser sempre quello della collettività. L’egoismo personale viene tradotto con “qualità della vita” . Gabriella va a ciapà i ratt

  94. Scritto da attvar

    In verità credo proprio che l’aeroporto rappresenti il futuro per Bergamo, e che il torpore in cui tutta la città e provincia si sono crogiolati fin’ora sia al capolinea! Sarebbe bene far viaggiare un po’ tutti quelli che ancora non hanno visto il mondo che c’è oltre i confini della nostra bella e amata provincia. Il mondo va avanti, per fortuna, e noi abbiamo la fortuna di avere sul nostro territorio alcune realtà di eccellenza. Una è proprio l’aeroporto!

  95. Scritto da Arck

    Gent.mo e non saccente r5… non meriti risposte!!!
    In quanto ai titoli… visto che ne sei maestro, seguita così, ma rammenta: la tolleranza 0,00 (la tua) non ha storia.
    Ora rispondi pure, scriverai a te stesso…
    Comunque sia SOLIDARIETA’ A GABRIELLA.

  96. Scritto da attvar

    Con la stazione Ferroviaria vetusta e antidiluviana, e le strade che conosciamo bene tutti, l’unico “gancio” che abbiamo alla modernità è l’aeroporto. Tra Como,Bergamo e Brescia abbiamo la stessa popolazione che ha uno stato come l’Uruguay… con una densità di popolazione molto più elevata. Certo che chi non si preoccupa del futuro della comunità non scende a compromessi sulla propria piccola comodità. Viaggiare è una necessità non un lusso. Chi parte da Bergamo spesso ha opportunità limitate

  97. Scritto da oriosioriono

    Purtroppo pur non vivendo a colognola devo ammettere che ora che con il cambio rotte ci passano sulla testa in pieno anche a Dalmine, sebbene siano gia’ alti il rumore c’e’ ed e’ da stupidi negarlo. A finestre aperte non si puo’ ne parlare al telefono ne sentire il televisore. La mattina dalle 6 in poi o si chiude tutto o non si puo’ dormire vista la frequenza dei decolli… e noi sentiamo forse il 15% del rumore di colognola!! Io penso ma negli ultimi anni con degli utili “spaventosi”. continua

  98. Scritto da Gabbiano

    Non esiste una soluzione, troppi interessi che confliggono. Solo il giorno in cui (speriamo mai) un’aereo cadrà su qualche tetto (uno qualche anni fa c’è andato vicino) l’aereoporto finirà il suo ciclo. Già, perché come sempre, in questo paese, finchè non ci scappa il morto non si risolve nulla

  99. Scritto da ZIOBEPPE81

    @46: Sinceramente una volta che atterro a Barcellona non è detto che debba prendere il taxi posso sempre prende il bus che costa meno…comunque, in base a quello che ha scritto non meriterebbe risposta…in quanto non propone una vera soluzione al problema!

  100. Scritto da fr bucci

    al di là di polemiche varie….mi sembra che una soluzione la lettera, moltro bella, la propone: distribuire i disagi del rumore almeno a tutte, TUTTE le zone circostanti, in modo equilibrato ed equo.
    Così, anche chi è “tifoso” dell’aereoporto, può condividere le ragioni di chi ha delle critiche.
    E’ un invito che faccio in primo luogo a chi amministra, POLITICI e altri responsabili.
    non dovrebbe esser anche questo un DOVERE di chi fa politica?

  101. Scritto da oriosioriono

    segue… possibile che nessuno abbia pensato invece di investire in allargamenti e strutture (parcheggi, negozi, etc.) e distribuire utili a destra e manca, di progettare un nuovo aereoporto a sud della citta’ che risulterebbe comunque ben servito dalle vie di comunicazione (asse e in futuro brebemi) e nulla toglierebbe come lavoro o prestigio a Bergamo. Ora parliamo di rumore ed inquinamento ma di cosa parleremo se accadra’ una disgrazia (e puo accadere dappertutto e non solo a colognola!)…

  102. Scritto da oriosioriono

    sono convinto che l’aereoporto sia una “notevole” risorsa, pero’ dov’e’ ora ha dei limiti di crescita anche a livello “fisico”. Crearne uno nuovo nelle campagne della bassa sebbene l’investimento potrebbe risultare “ingente” liberererebbe da questi vincoli la futura crescita che ci potrebbe essere grazie ai nuovi collegamenti (treno, brebemi, etc.). Se poi pensate al valore dell’area che si “libererebbe” alle porte della citta’..strano che nessuno ancora ci abbia pensato…

  103. Scritto da microci

    sveglia zio beppe
    soluzioni ce ne sono se i politici e gli urbanisti sono tali e degni di questo nome.
    spetta anche al popolo non essere bue ed essere critico imparziale onesto e civile.
    certo che se tutti ragionano come lei e i suoi compari, stiamo freschi.
    guardi che cio’ che ora tocca ad un suo concittadino domani potrebbe toccare al lei. magari in peggio.
    attento sulle Ramblas.

  104. Scritto da pavel

    @42, la sua descrizione non fa un piega, una sola osservazione il “rist. livebreakc nuova zona ind.le” è ad EST dell’autostrada esattamente dove DOVREBBERO VIRARE gli aerei, peccato che Colognola sia ad OVEST dell’autostrada esattamente dove VIRANO gli aerei.

    se si riuscisse a far diventare il DOVREBBERO un DEVONO penso che tre quarti della questione sarebbe risolta….e ci risparmieremmo anche l’astio di molti commenti, per cominciare.

    ps: scusate il maiscolo, è solo per chiarezza

  105. Scritto da Terrone

    solidarietà agli abitanti di colognola…solidarietà agli estimatori dell’aeroporto in città…solidarietà alla cementificazione…solidarietà alle zone verdi…facciamo rinascere i fiumi della zona..pedemontana..asse interurbano circonvallazione bus pubblici taxi…in due minuti sono a gorlago..in due ore sono a barcellona..in tre minuti sono in citta alta..i treni fanno sempre ritardo…le auto inquinano..e l’essere umano si involve di continuo

  106. Scritto da Alberto

    Certo che in estate, con le finestre aperte, deve essere alquanto fastidioso…; capisco gli abitanti dei centri limitrofi.
    Riguardo le rotte, mi sembra proprio che per problemi statici l’aereo debba sempre decollare ed atterrare controvento, pena la pericolosa instabilità del veicolo.

  107. Scritto da pavel

    preciso la #55.
    sia la zona industriale che Colognola sono ad ovest dell’aeroporto.

    semplicemente la zona industriale è a est dell’autostrada, il centro abitato di Colognola, dove abita chi protesta, è a ovest dell’autostrada.
    se gli aerei virassero realmente sull’autostrada e sulla zona industriale a ridosso ed ad est di questa, magari anche già un pò più in quota, ribadisco che tre quarti della questione sarebbe risolta.

    ci vuole così tanto?

  108. Scritto da peppiniello esposito

    per terrone: non si è capito in ca….zo del tuo messaggio

  109. Scritto da Marica

    La lettera mi sembra il solito “coltivare il proprio orticello” senza pensare al bene comune.
    Rispondo a chi pensa a possibili catastrofi; in autostrada succedono tutti i giorni incidenti: la chiudiamo?
    Per me se è necessario far virare gli aerei su Colognola, si dovrebbe trasformare questa zona in un polo industriale e non continuare a costruire case che la gente compra perchè a basso costo e poi protesta per il rumore.

  110. Scritto da attvar

    rispondendo a #58 e# 55 , gli aerei in decollo sono proprio sopra la zona industriale, solo che il punto di osservazione ad est o ad ovest dell’autostrada è comunque relativamente vicino. L’effetto reale dello spostamento della massa d’aria dei reattori si avverte in allontanamento dell’aereo, da dietro con un angolo abbastanza aperto. Io oltretutto lavoro poco distante in via Corti e degli aerei non avverto disturbi particolari. Mi infastidiscono più le ambulanze fortunatamente rare!

  111. Scritto da Marino B.

    Tanti commenti ,che ogni qualvolta si parla di Orio,si leggono, in questo sito pro Orio, sono IRRICEVIBILI.
    detto questo:le autorità preposte alla sicurezza dei cittadini TUTTI, ed in prima persona:sindaco,provincia,e,prefetto,devono farsi carico del problema ,che è GRAVISSIMO. E trovare delle soluzioni vere.Con i ricavi ,altissimi,che ha ORIO,si potrebbe costruirne uno nuovo fuori città,E comunque;questi amministratori,risponderanno del loro operato anche nelle sedi legali +appropriate.

  112. Scritto da ZIOBEPPE81

    La soluzione del problema sarebbe costruire un aeroporto fuori città, magari in una zona disabitata. Ai promotori della proposta di un nuovo aeroporto vorrei fare una domanda: voi partite dalla tesi che gli aerei disturbano, che inquinano…scusate, realizzando la nuova struttura i problemi cesseranno? Finitela di fare inutili polemiche!!!

  113. Scritto da attvar

    A me sembra proprio che il sito non sia per niente pro orio, ma che fortunatamente la libertà di opinione permetta anche a chi come me ritiene non più utile ma addirittura indispensabile l’aeroporto, possa esprimere la propria opinione con ragionevolezza. A dire il vero mi sembra che siano più quelli dalla parte contro, quelli che insultano e vezzeggiano gli altri ospiti del sito. Di per se, il linguaggio qualifica chi lo esprime!

  114. Scritto da r5

    @47
    Io invece una risposta te la do.
    Avrai visto cmq che fa molta più storia di quella che tu creda, visto che non sono l’unico a pensarla così.
    A parte i 5.000 della topaia del comitato in una comunità di oltre 1 milione di abitanti per fortuna hanno capito che l’aeroporto, pur con qualche sacrificio, è più utile che altro e che non conviene remargli contro.

  115. Scritto da Capire

    @48 quanti incidenti sono successi in Italia?
    Nel 2005 ce n’è stato uno proprio a Orio con la Trade Air.
    In passato un Alitalia è caduto in mare a Genova.
    La strage di Superga
    Linate nel 1991
    Ecc.
    ecc.
    ecc.
    Genova, Torino, Linate… tutti aeroporti chiusi vero?

  116. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    @42 Bravo Atvar. Concordo.
    Vedi? Non capiscono che chi gli rovina la vita è il loro stesso orgoglio e il loro essere frustrati. Sembra che tutto il mondo ce l’abbia con loro. Poveri geni incompresi. Noi siamo tutti scemi.
    @r5 Benvenuto fra noi r5. Mi spiace che quelli che io a stento chiamo miei conterranei si dimostrino come la nomea vuole che si dipingano i bergamaschi, ma credimi non siamo così. Io capisco che tu sei nella nostra situaziione. Sai anch’io abito a Colognola

  117. Scritto da r5

    @39
    Uèi ti, africa
    se te sta minga ben perchè non vai ad abitare in un’isola sperduta da solo?

  118. Scritto da comitatoaerop

    @51
    Ti propongo l’esilio.
    Quando ci sono testimonianze come il bergamasco vero e il milanese che vivono la vostra stessa situazione io osservo rifletto e deduco.
    Ha ragione Atvar. I rumori sono percettibili ma vivibili.
    Evidentemente a questo mondo c’ìè gente intollerante.

  119. Scritto da bergamasco vero e fiero dell'aeroporto del norditalia

    @62
    Sono talmente irricevibili che tu li ricevi e partecipi ad ogni articolo!!!

  120. Scritto da gabriella pesce

    Il senso della lettera non è emerso del tutto: volevo spiegare il problema con gli occhi di chi lo vive.Solo così, chi è disabituato a capire le ragioni degli altri, avrebbe compreso. Ma non è rinuncia: i diritti dei cittadini devono essere tutelati! Ci sono inadempienze, ci possono essere soluzioni… Chi crede nella legge, nell’inviolabilità dei diritti, nelle norme nazionali ed internazionali che li tutelano, non demorderà.E’ un dovere per chi ha a cuore l’etica, la legalità, il futuro

  121. Scritto da angela 57

    quanti tifosi dell’aereoporto!!!! na se gli aerei passassero sulle loro case forse la penserebbero diversamente, ma già… èun problema degli ALTRI che importa..anzi aggreddiamoli, denigriamoli , purtoppo questa è la nostra società , gli ALTRInon esistono, se protestano infastidiscono. La letteraè molto pacata e civile,non capisco perche se non siete d’accordo dovete scrivere commenti di tale incilviltà e ignoranza !!! dovete vergognarvi

  122. Scritto da angela 57

    Ho il sospetto che alcuni commenti , anche ad altre lettere sul problema aereoporto così pesanti contro le persone che protestano siano “guidati” da qualcuno che ha interessi ad deligittimare la protesta delle persone che abitano a Colognola e paesi vicini e del Comitato aereoporto!!!!!