BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dal 2016 non basteranno 40 anni di contributi

E' quanto prevede l'emendamento del relatore alla manovra, Antonio Azzollini del Pdl, e che, fra l'altro, innalza l'età pensionabile delle donne del pubblico impiego.

Più informazioni su

Dal 2016 non basterà aver versato 40 anni di contributi per andare in pensione. E’ quanto prevede l’emendamento del relatore alla manovra, Antonio Azzollini del Pdl, e che, fra l’altro, innalza l’età pensionabile delle donne del pubblico impiego. La novità è una conseguenza delle misure che prevedono che dal primo gennaio 2016 tutti i requisiti di pensionamento verranno aggiornati, ogni tre anni, sulla base dell’incremento della speranza di vita calcolata dall’istat. Adeguamento che, stando all’emendamento, riguarderà non solo i requisiti anagrafici, ma anche il requisito unico dei 40 anni di contribuzione che consente di andare in pensione a prescindere dall’età. Misure che si ‘sommano’ agli effetti analoghi prodotti dall’introduzione della cosiddetta ‘finestra mobile’ prevista dalla manovra.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da vecchietto

    quando avrò 40 anni di contributi nel 2025 avrò 68 anni. Per incentivare l’occupazione mi si darà una badante(magari carina) affinche possa arrivare …all’età pensionabile…quale?75-80 anni. Sarà il caso che diventi onorevole, o senatore almeno per una legislatura..così ho qualche speranza.Ovviamente sperando di campare xche con l’aria che tira(leggi inquinamento aerei etc) sarà un pò dura. Io ci credo nello Stato. Ma lo Stato crede in me?boh chi…vivrà vedrà

  2. Scritto da BEPPEBERTOLDO

    ….MA NON ERA IL BOSSI DA GIUSSANO CHE SBRAITAVA CHE LE PENSIONI D’ANZIANITA’ ERANO IL FORZIERE DEL NORD?????????????? “MAI SARANNO TOCCATE” ….LA LEGA DICEVA COSI’ ……..QUESTO E’ IL RISULTATO!!!!!!

  3. Scritto da giac 65

    Manderei loro a lavorare in fabbrica,o magari anche in fonderia,per poco piu’ di mille euro al mese….Devono solo vergognarsi i nostri politici di qualsiasi colore siano …ridicoli!!!Ladri ,solo tanti blabla bla.
    Ci vorrebbe una rivoluzione….,non mi senbra un’ipotesi molto remota,se le cose vanno avanti cosi’.

  4. Scritto da ex elettore

    I nostri figli con questa classe politica non avranno futuro!
    Tutti ladri arraffoni. E’ ora pero’ di svegliarsi, ha ragione giac 65. Questi ladri non hanno mai provato a lavorare la notte, a mantenere una famiglia di quattro persone con 1300 euro al mese. Loro la notte la fanno solo con le prostitute i trans e la coca.