BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Canoni depurazione da restituire, c’è il decreto

La Gazzetta Ufficiale dell’8 febbraio ha pubblicato il decreto con i criteri per la restituzione della quota di canone per chi non fruiva del servizio di depurazione.

Sulla questione del pagamento del canone di depurazione nei casi in cui non si fruisce del servizio ospitiamo un intervento di Federconsumatori Bergamo.

La Gazzetta Ufficiale dell’8 febbraio 2010 ha pubblicato il DECRETO 30 SETTEMBRE 2009 del MINISTERO DELL’AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE che ha stabilito i criteri e i parametri da adottare per la restituzione agli Utenti della quota di canone di depurazione (pagata con le bollette dell’acqua), non dovuta da non aveva e non fruiva del servizio di depurazione.
La Corte Costituzionale, con la sentenza n335/’08, stabilì che il canone di depurazione non era dovuto da coloro che non fruivano del servizio. Federconsumatori chiese alle Aziende e alle amministrazioni coinvolte di restituire quanto dovuto ai loro Utenti. Ci venne risposto che “nonostante la buona volontà” non era possibile procedere al rimborso delle somme dovute perché dal Ministero non erano state stabilite le modalità da adottare per la restituzione. Adesso il Decreto, dopo avere spiegato nei dettagli le procedure da seguire per la determinazione delle quote da rimborsare (all’art. 4 stabilisce dettagliatamente quello che i Gestori devono mettere a disposizione delle Autorità d’Ambito la documentazione relativa al periodo in cui è stata corrisposta indebitamente la quota di tariffa riferita al servizio di depurazione). All’articolo 6 (Restituzione della quota di tariffa non dovuta) indica gli Utenti che hanno diritto alla restituzione (e in che quota). All’art. 7 fa carico all’ATO di individuare l’importo, con i relativi interessi, che i Gestori dovranno restituire ad ogni singolo richiedente avente diritto entro il termine di cinque anni dalla data del 1° ottobre 2009. 
Quando finirà lo scaricabarile delle responsabilità e le Aziende di gestione del servizio idrico, oltre ai Comuni che lo gestiscono in proprio, restituiranno quanto introitato impropriamente
Federconsumatori aspetta risposte dall’Autorità d’Ambito Territoriale (A.T.O.).

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pullu

    Cos’è ?
    Un pesce d’Aprile ?
    Mah ……. sento puzza di bruciato lontano un miglio …..