BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Negozi a tempo o mordi e fuggi?”

Il fenomeno dei cosiddetti "temporary shop" presenta alcuni aspetti problematici: in caso di difetti o reclami, a chi rivolgersi?

Più informazioni su

Da Federconsumatori Bergamo riceviamo e pubblichiamo.

Preso atto che in provincia di Bergamo comincia a manifestarsi  il “fenomeno” dei negozi a tempo che vendono di tutto, dall’abbigliamento sino agli elettrodomestici, Federconsumatori esprime perplessità su questo tipo di attività commerciale. Il motivo delle nostre preoccupazioni è presto detto: se il negozio scompare, il consumatore perde il suo primo punto di riferimento e, in caso di contestazione sulla conformità del prodotto e/o di reclamo per difetti del prodotto, gli diventa molto problematico potere fruire dei diritti e delle tutele previste dal Codice del Consumo. Il fatto è che questi negozi si propongono con argomenti molto suadenti, specie in periodo di crisi economica: i prezzi!  Competitivi rispetto a quelli praticati dalla distribuzione tradizionale. In pratica si presentano, i negozi a tempo determinato (ma non si sa quale sia la durata di questo tempo), come se stessero attuando  sempre vendite di mercanzie in liquidazione. Il problema nasce, come detto all’inizio,quando qualcosa non va per il verso giusto e il consumatore non sa più a chi rivolgersi per far valere i suoi diritti. Cosa che nei confronti di chi ha un negozio permanente è sempre possibile. Federconsumatori Bergamo riterrebbe utile e necessario che le Autorità competenti (locali e regionali)  attivassero delle normative a garanzia e tutela dei consumatori e di quella parte di addetti al commercio che esercita correttamente la propria attività. In questo caso consumatori e commercianti sono accomunati dal medesimo pericolo: essere danneggiati da forme di vendita mordi e fuggi. Un poco come sta accadendo con il proliferare di mercatini di ogni genere e tipo, troppo spesso  non soggetti alle necessarie verifiche da parte di chi dovrebbe controllare e garantire l’osservanza degli aspetti commerciali e sanitari (proprio perché anche i mercatini aprono e chiudono nello spazio di pochi giorni). Oltre a chiedere l’intervento delle Autorità competenti, Federconsumatori Bergamo ricorda che, a volte, i prezzi troppo bassi possono nascondere spiacevoli sorprese.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.