BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Freestyle impatta col Forlì, addio playoff

Il pareggio per 5-5 con i romagnoli esclude Bergamo dalla fase finale mentre salva i romagnoli.

Più informazioni su

Si spengono definitivamente anche le ultime velleità di playoff. Il Freestyle Bergamo non va oltre il pareggio contro il Forlì abbandonando le ultime speranze di playoff, mentre i romagnoli, conquistano la matematica salvezza. Partita combattuta, intensa, tanti gol e tanti errori ma alla fine risultano essere esagerate quattro espulsioni (tre giocatori più il mister orobico Santini) in una gara pressoché corretta e mai oltre il limite agonistico.
La gara inizia con gli ospiti più intraprendenti mettendo subito alla prova le qualità di Tirana, tra i pali al posto dell’infortunato Ghisleni. Passano solo cinque minuti e il Forlì sblocca il risultato con la bordata di Marcio Toni che sbatte sulla traversa e rimbalza sul terreno; l’arbitro, posto in buona posizione, assegna immediatamente la rete. Gli ospiti provano anche il raddoppio soprattutto con Piovesan, il più pericoloso nel frangente iniziale. Il Bergamo, invece, fa fatica a creare gioco subendo l’aggressività degli avversari che, però, costa loro il quinto fallo già metà tempo.
Proprio dalla metà, scatta il fattore Gacnik. Lo sloveno si alza dalla panchina e cambia, nel giro di tre minuti, le sorti dell’incontro. All’11’ con un tiro-cross, praticamente dall’angolo, sorprende il portiere ospite Gardini che smanaccia nella propria porta; un minuto dopo, sradica un pallone in difesa, vola in contro piede e, da poco fuori l’area, trova lo spiraglio giusto tra un nuvolo di gambe, beffando ancora Gardini. Infine, al 13’, colpisce di precisione dai dieci metri: 3-1.
I rossoblù non sfruttano il vantaggio e si fanno ingabbiare dal gioco degli avversari. Cosi Tomka Tirana è costretto agli straordinari per fermare prima Cangini Reggi e poi Graziani. Al 15’ Ricky Conte salva sulla linea la conclusione, su punizione, di Marcio Toni, il quale, poco dopo, non fallisce davanti alla porta sull’assist di Miscioscia. Il Forlì non molla trovando la rete del pareggio ad un minuto dalla pausa, sempre con Marcio Toni, bravo a girare in rete l’assist di Perrotti da una punizione dal limite dell’area: 3-3.
Il secondo tempo riprende con i botti. Dopo due minuti, Graziani s’inventa un controllo da favola, salta anche Tirana e, da posizione defilata, insacca il vantaggio romagnolo. Replica al 4’ Ghezzi, il quale dal limite si gira sul destro e sorprende Gardini tra le gambe. Graziani prende il palo sul servizio di Miscioscia, Ghezzi impegna Gardini, Tirana devia sul tiro di Graziani con Ghezzi che salva prima che la palla entri in porta.
Al 5’ la prima espulsione: l’arbitro assegna erroneamente una rimessa agli ospiti, Stefano Conte s’arrabbia e si becca il secondo giallo. Il Forlì non si fa prendere dalla pietà e sfrutta subito l’uomo in più, con il tocco di Graziani, sul secondo palo, sull’imbucata di Marcio Toni.
Ritornata la parità numerica, la gara s’infiamma. Passi salta anche il portiere ma non trova la porta dopo aver lavorato un bel pallone. Ricky Conte vola sulla sinistra ma Gardini chiude in uscita. Lo stesso estremo ospite para su Sorzi, Ricky Conte rimette in mezzo ma Gacnik non arriva. Al 13’ Siccardi entra in campo prima dell’uscita del suo compagno: l’arbitro se ne accorge e ammonisce, fiscalmente, il difensore rossoblù. Ammonito poco prima, anche lui sotto la doccia. Non c’è il power play in quanto Siccardi era considerato fuori dal gioco e quindi si rimane cinque contro cinque, mentre anche Santini, per proteste, deve lasciare anzi tempo il campo.
Il Bergamo nonostante tutto cerca il pareggio con Pisante che impegna Gardini. A due minuti dal termine, la mossa disperata: Gacnik in porta al posto di Tirana. I rossoblù mettono pressione sugli avversari ma sprecano per troppa frenesia cosi come per tre volte il Forlì non coglie l’occasione per chiudere il conto a porta sguarnita. Invece a 10 secondi dalla fine, con l’uomo in più per l’espulsione per doppia ammonizione di Perrotti, Passi realizzava sul preciso invito di capitan Sorzi. Le ultimissime speranze playoff s’infrangevano sul palo, colpito da Ghezzi a fil di sirena, dopo che il pivot rossoblù era riuscito a girarsi in un fazzoletto di campo.

FREESTYLE BERGAMO C5
: Tirana, Otelli, Sorzi, S. Conte, Passi; Siccardi, Pisante, Gacnik, R. Conte, Ghezzi. N.e. Bifano, Sirtoli. All. Santini
FORLI’: Gardini, Perrotti, Piovesan, Miscioscia, Marcio Toni; Junior, Graziani, Cangini Reggi. N.e. Ruffilli, De Rossi, Parodi, D’Acunto. All. Correa
ARBITRI: Gaetani di Pescara e Papa di Firenze.
RETI: 5’ Marcio Toni (F), 11’ Gacnik (B), 12’ Gacnik (B), 13’ Gacnik (B), 15’ Marcio Toni (F), 19’ Marcio Toni (F), 22’ Graziani (F), 24’ Ghezzi (B), 25’ Graziani (F), 40’ Passi (B).
ESPULSI: 25’ S. Conte (B), 33’ Siccardi (B), 39’ Perrotti (F), tutti doppia ammonizione.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.