BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

E’ finita o c’è ancora qualche speranza? fotogallery

Bergamonews chiede ai tifosi atalantini di dire la loro. E' finita o ci sono ancora speranze? Ci sono ancora dieci partite da giocare: basteranno per agguantare un traguardo che ora appare lontanissimo?

Più informazioni su

La sconfitta subita a Parma sembra aver affossato le ultime speranze di salvezza dell’Atalanta. La squadra bergamasca è finita all’ultimo posto in classifica, raggiunta anche dal Siena. Ad aggravare la situazione c’è stata anche l’espulsione di capitan Doni, per l’ennesima volta nervoso e non all’altezza del suo valore.
Bergamonews chiede ai tifosi atalantini di dire la loro. E’ finita o ci sono ancora speranze? Ci sono ancora dieci partite da giocare: basteranno per agguantare un traguardo che ora appare lontanissimo? Dite la vostra, mandateci il vostro commento.

Partecipa anche al sondaggio. Clicca qui

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da guido da bg

    La società ha commesso errori incredibili nella rinuncia a Del Neri.
    Faccio notare però che questa squadra per nove undicesimi è la stessa, quindi si deve convenire che Gregucci, Conte e ora Mutti non hanno lo spessore di Del Neri.
    Ma questo era arcinoto se guardiamo i trascorsi dei citati allenatori che la serie A non l’hanno mai frequentata.
    Matematicamente nulla è compromesso ma la squadra non sembra crederci e le scelte di Mutti sono allucinanti.
    Vedi iniziale rinuncia a Valdes

  2. Scritto da Pippo

    Nuovo Presidente, nuova Dirigenza, via Osti, via Giacobazzi e via i Ruggeri, inesperti burattini nelle loro mani!

  3. Scritto da stefano

    Che dire? Siamo in B, non credo nei miracoli e oggettivamente ce lo meritiamo abbondantemente. Le ragioni di questo disastro? Non tanto la squadra, è sostanzialmente quella dell’anno scorso, se ne è andato solo Floccari (e a Genova e a Roma non sta facendo sfracelli…). Acquafresca sulla carta era una valido sostituto, poi invece… Barreto (l’acquisto più costoso) si è rotto subito. L’errore, secondo me, mortale è stato quello di affidarsi a un allenatore inesperto come Gregucci

  4. Scritto da josè

    Per fortuna ora hanno aperto gli occhi tutti su Doni, giocatore finito e dal comportamento vergognoso. Resti fuori fino alla fine e forse ci potremmo salvare.

  5. Scritto da silvio

    Cosa dire ancora ….vedendo solamente la maglietta da trasferta mi torna in mente la retrocessione del 1987 con Sonetti.
    Le colpe ? Società, giocatori e gruppo tecnico.Sicuramente non dei tifosi

  6. Scritto da MB

    è ridicolo colpevolizzare Doni, in campo vanno in 11 e se nessuno tira fuori le palle Doni non può fare i miracoli alla sua età! E poi ieri, poco prima di prendere il gol chi ha quasi rischiato di segnare??
    Le vere colpe sono i dirigenti incapaci che abbiamo, il mercato scandaloso e gli allenatori; lo sapevamo già tutti che andandosene Del Neri era dura, ma poi Gregucci ha fatto ancora peggio di quello che ci si poteva aspettare. Adesso è tutto da rifare

  7. Scritto da L'Atalanta in B...

    … i parcheggiatori abusivi sempre all’ospedale…
    … magari Belotti fuori dal Consiglio Regionale?…

  8. Scritto da Andrea

    Onestamente credo che l’atalanta sia diventata per la presidenza un peso piuttosto che una passione..non si possono colpevolizzare i fratelli Ruggeri forse troppo giovani ed inesperti per gestire una societa’ a questo livello… ovvio che lo staff tecnico c’ha messo del suo…. e non mi stupirei se vi fossero delle trattative per cedere la societa’ a fine anno…anche se.. a parte qualche sceicco…con la crisi che c’e’ vedo difficile che qualcuno si interessi all’atalanta…
    Andrea

  9. Scritto da Marco Cimmino

    Ma via, da che mondo e mondo l’Atalanta scende periodicamente in B: si rassetta, compra dei giovani e riparte. Poi, fa qualche buon campionato in A, vende i giovani che sono cresciuti, riaggiusta i bilanci e ricomincia. E’ una cosa fisiologica per una squadra di provincia che non voglia andare in bancarotta: il football, ormai, è questo. Marketing e strategie commerciali. La volontà o la tecnica, in fondo, contano fino ad un certo punto: conta di più il portafogli. Auguri alla Magica, comunque.

  10. Scritto da marco

    e ieri sera tre giocatori neroazzurri erano in discoteca a milano fino a tarda ora , ma la società non deve intervenire ???

  11. Scritto da tk71

    Era gia’ finita col Chievo,dopo quest’ultima indecente prestazione dobbiamo rassegnarci alla B,Societa’ e giocatori indecenti, Tifosi da Champions Leauge, MERITIAMO DI PIU’ speriamo che avvenga un epurazione di massa il prossimo anno scenda in campo chi vuole veramente il Bene d iquesta squadra e di questa citta’
    SOLO ATALANTA IL RESTO AVANZA

  12. Scritto da cidue

    A questo punto converrebbe iniziare a costruire la squdra per la serie B , magari anticipando tutti e prendere qualcuno dalle squdre che stanno per andare in serie C o qualche svincolato in odore di pensione

  13. Scritto da Tuditanus

    Queste sono le cose che succedono quando non ci si dedica più alla Dea ma la si tradisce utilizzando il suo nome per organizzare pessime speculazioni edilizie.
    La Dea non perdona chi la tradisce.
    Certa gente è ormai definitivamente inserita nella categoria degli jettatori.
    Prima della prossima stagione Atalanta dovrà fare parecchi riti purificatori, per esempio nel Santuario della Madonna dei Campi a Stezzano dentro il Parco Agricolo Ecologico.

  14. Scritto da Francesco

    Societa’ colpevole:Del Neri voleva restare (aveva gia’ segnalato lo svincolato Corradi) ed e’ stato indotto ad andarsene.Floccari e Cigarini, dotati di fondamentali notevoli,sostituiti da 2 giocatori che,per caratteristiche,non servivano.Ignorato il problema esterno destro (con Pinto lungodegente). Il resto del mercato si commenta da solo: Bianco, Caserta, Ceravolo, De Ascentis, Zanetti, Volpi, e l’incredibile biennale ad Amoruso. Praticamente l’Atalanta gli paghera’ la pensione. Vergogna!

  15. Scritto da gino

    Piantamola di dire che bisogna crederci. Chi scrive o dice cose del genere o è un servo della societò o non capisce niente. Chiudiamo questa pratica e chiediamo conto a chi ha sbagliato. Prima lo facciamo e meglio sarà per tutti.

  16. Scritto da l'atalanta siamo noi

    A Doni non bastava essere stato graziato per il comportamento vergognoso di domenica scorsa. Oggi ha voluto mettere il suggello. Che tristezza vedere un campione finire la sua carriera in maniera così penosa. Complimenti a lui e a tutti quelli che lo hanno sempre indicato come un modedllo. Come quelli che gli hanno dato la benemerenza civica. Inqualificabili (lui e loro).

  17. Scritto da adriano

    L’anno prossimo è serie B sicuramente.
    A questo punto la società dovrebbe pensare solo alla squadra per il prossimo campionato e lanciare qualche giovane.
    Ormai, arrivare ultimi, penultimi o terzultimi non ha nessuna importanza; tanto vale pensare al futuro e al campionato di serie B che ci aspetta e alle sfide infuocate con l’AlbinoLeffe (speriamo) e il Cittadella.
    Rassegnamoci.

  18. Scritto da marino

    Il campionato e’ finito con la sconfitta col chievo in casa e’ inutile continuare a prenderci in giro la squadra e’ morta non la riconosco piu’ si va in B, ricostruiamo la squadra ma non con questa dirigenza
    i figli di Ruggeri non avendo l’esperienza del padre hanno fatto quello che certe persone vicino a loro gli hanno consigliato…. quindi via in primis Giacobazzi responsabile in prima persona di tutto questo…Del Neri…Malizia… e tutto il resto…Giacobazzi…..vatteneeeeee!!!!!!!

  19. Scritto da giorgiosecchi

    è finita come hanno voluto che finisse, bastava vincere con chievo, udinese e pareggiare oggi e saremmo stati a 27 punti, con due partite in casa. Doni grazie ma ora basta. Squadra a Bonacina e via a qualche giovane, per metterlo alla prova. almeno c’è un motivo per guardare le prossime partite. Onore a Siena, catania, Livorno e bologna, loro sì ci stanno provando in tutti i modi a salvarsi.

  20. Scritto da andrea

    è inutile continuare a dire -4 dalla salvezza, questa squadra è in B da un bel pò!! non c’è nessun segnale da parte della squadra, senza orgoglio e senza grinta, tutti giocatori di serie B. Osti vattene insieme a Giacobazzi! avete tutti reso questo campionato un inferno!

  21. Scritto da Stefano

    Basta proclami inutili “A parma per vincere”,etc..squadra mediocre e gran confusione da agosto..senza carattere e senza investimenti non si va lontano,puntare su un allenatore mediocre e giocatori “scartati” ha dato i suoi frutti..il mercato di gennaio è stato geniale,da squadra oramai spacciata.chi di dovere si prenda le sue responsabilità e paghi..via Osti e Giacobazzi,via Mutti (poveretto non ha colpe ma ripartire da Lui sarebbe l’ennesima follia)spiace ma Doni ha dato tutto,è ora del ritiro.

  22. Scritto da GT

    E’ VERAMENTE FINITA.LA B E’ PIENAMENTE MERITATA.I GIOCATORI NON HANNO NESSUN ALIBI.SONO LORO CHE SONO SCESI IN CAMPO E LORO CI HANNO PORTATO IN B.A LAVORARE ANDATE A LAVORAREEEEEEEEEEEEEE.CAMBIATI ALLENATORI MA I PIU’ COLPEVOLI SONO LORO.DOVREBBERO SOLO VERGOGNARSI.CI HANNO SOLO PRESO IN GIRO CON LE LORO CONTINUE AFFERMAZIONI DI CREDERE NELLA SALVEZZA.SOLO BLA BLA BLA MA DOV’E’ LA GRINTA IN CAMPO?TUTTE LE ALTRE CONCORRENTI ALLA SALVEZZA HANNO MESSO PIU’ VOGLIA DI VOI.DONI AMMONITO?STRANO.VAI A C

  23. Scritto da dritti in b

    ormai non c’e’ piu speranza ogni 4 anni dobbiamo scendere in b per riorganizzare l’ambiente e ciclico nella storia della squadra