BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Verdure surgelate meglio di quelle fresche

Lo rivela uno studio britannico: gli ortaggi perdono vitamine dopo la raccolta e durante il trasporto nei supermercati. Cosa che invece non accade con i prodotti da freezer.

Più informazioni su

Uno studio rivaluta le verdure surgelate, che potrebbero contenere più sostanze nutritive di quelle fresche acquistate nei supermercati. Colpa del tempo che ortaggi e legumi impiegano prima di raggiungere le nostre tavole, a tutto danno di vitamine e nutrienti. Lo rivela una ricerca del britannico Institute of Food Research, finanziato, è bene dirlo, da Birds Eye, azienda statunitense leader nel settore degli alimenti da riporre nel congelatore.
La ricerca, riportata su diversi quotidiani britannici tra cui il ‘Telegraph’, sottolinea come i prodotti surgelati possano mantenere un elevato contenuto di vitamine e sostanze nutritive se vengono congelati a poca distanza dal punto di raccolta, ovvero accorciando i tempi.
L’80% dei consumatori crede che verdure e legumi freschi venduti nei supermercati vengano riposti negli scaffali in media per 4 giorni. In realtà, possono trascorrere anche nove giorni dal momento dal loro arrivo al supermarket, a cui possono aggiungersi altri 4 in cui rimangono in bella vista nel reparto frutta e verdura. Una volta acquistati, il consumatore può temporeggiare ulteriormente prima di servirli a tavola. Così, nella peggiore delle ipotesi, possiamo arrivare anche a 16 giorni trascorsi dal momento della raccolta. In tal caso, rivela lo studio, i fagiolini possono perdere fino al 45% di sostanze nutritive, broccoli e cavolfiori il 25% e i piselli un più modesto 15%. Se la cavano meglio le carote, che perdono il 10% di nutrienti.
"Il contenuto nutrizionale degli ortaggi freschi – commenta sulle pagine del Daily Mail la nutrizionista Sarah Schenker – comincia a deteriorarsi dal primo minuto successivo alla raccolta. Ciò significa che nel momento in cui finiscono nel nostro piatto, anche se crediamo di fare il ‘pienone’ di vitamine e sostanze nutritive, potrebbe non essere affatto così".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.