BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Castelli candidato sindaco a Lecco

Bossi ha dato l'annuncio e il viceministro alle infrastrutture ha confermato nella mattinata di domenica.

Più informazioni su

Nella Lecco del centrodestra diviso, nella Lecco della sindaca Antonella Faggi, leghista messa in  minoranza dall’anima ciellina del Pdl dopo una quarantina di mesi di governo da una serie di veleni, litigi, valzer di poltrone, arriva il signorsì dei lumbard, un signorsì sempre ritenuto il politico della Lega referente anche per Bergamo, dove è stato commissario cittadino. Per Lecco si è esposto in prima persona il Senatùr Umberto Bossi: il viceministro Roberto Castelli è il candidato sindaco di Pdl e Lega Nord alle prossime comunali. Il via libera ufficiale è arrivato domenica 31 gennaio con una conferenza di Roberto Castelli appena rientratod a Lisbona. Ma Bossi aveva già dato l’annuncio: "Castelli sarà il candidato sindaco a Lecco".
La candidatura di Lorenzo Bodega, ma anche di Antonio Rossi, è durata lo spazio di due giornate.
Il Carroccio, esclusi Antonella Faggi, sindaco sfiduciato lo scorso 28 ottobre, e Lorenzo Bodega non ha altra chance che candidare l’ex Ministro alla Giustizia e attuale Viceministro alle Infrastrutture. Roberto Castelli, parlamentare del 1992, aveva iniziato l’attività politica proprio sui banchi di Palazzo Bovara. E lì potrebbe far ritorno dopo le elezioni del 28 e 29 marzo.
Lo sfidante sarà Virginio Brivio, presidente della Provincia fino allo scorso giugno ed esponente di spicco del Partito Democratico. L’esperienza di Brivio come amministratore è indubbia, come testimoniano i risultati raggiunti alla guida della Provincia. Brivio sarà sostenuto, oltre che dal Pd anche dall’Italia dei Valori, che ha sottoscritto un patto elettorale, non solo alle Regionali ma anche alle Comunali del prossimo marzo.
 

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da dino

    Poveri cittadini lecchesi cosa avete fatto di male per aver candidato sindaco codesto triste personaggio??

  2. Scritto da Ago Pungente

    Ma non è già ministro? O pensa di rinunciare a suo dicastero per svolgere come dovrebbe il suo mandato di sindaco in caso di elezione? Ah già, forse per come fa il ministro, come del resto tutti i suoi colleghi, potrebbe fare anche il sindaco… :((

  3. Scritto da boss

    Se la poltrona fosse stata sicura Bossi avrebbe candidato il figlio…Ma siccome a Lecco ci sono un sacco di problemi…beh si accomodi pure On. Castelli.

  4. Scritto da ureidacan

    E’ Bossi che glielo ha imposto, per farlo fuori. Aveva resistito su Bergamo ora ha dovuto capitolare. L’astro nascente oramai è Cota. Castelli fa la fine di Pagliarini, Speroni e Gnutti (tutti leghisti e tutti già ministri). E’ la legge di Bossi.

  5. Scritto da Mirco50

    i doppi e i tripli incarichi trionfano (vedi i Presidenti delle Provincia di Bergamo e di Brescia)……..alla faccia del federalismo e di Roma ladrona!!!

  6. Scritto da berry

    castelli come pirovano,
    come sempre la Lega pensa alle sedie,
    un c…..per due sedie…complimenti!

  7. Scritto da corti-novis

    il Prodi di lecco

  8. Scritto da tone

    castelli và ciapa i racc

  9. Scritto da Laura

    ahahaha, auguri Lecco! Poveri voi O__O

  10. Scritto da dario

    alla faccia di roma ladrona, un leghista ha addirittura 3 poltrone ….rroma ladrona e lega fregona !

  11. Scritto da alpino

    Nesun altro leghista poteva fare il sindaco?
    certamente si,ma evidentemente i loro capi li considerano……………

  12. Scritto da trombato di arcene

    Al peggio non c’è limite….

  13. Scritto da Pedro

    Una ulteriore conferma che per fare il sindaco, il deputato, il senatore, il ministro o vice non ci vuole molto impegno visto che cercano in tutti i modi di avere il doppio incarico. In un libero mercato poche ore di lavoro significa poco stipendio mentre per loro questo non accade . Questi vogliono pigliare a piene mani tutto per loro senza lasciare possibilità ad altri della loro stessa coalizione . Degni del Gioppino … u a me, u a me, u a me e negot a te!!!

  14. Scritto da ex elettore

    Vergognosi mi auguro che la gente inizi a far funzionare la testa, questi non hanno fatto altro che portare la spesa pubblica alle stella e senza controllo, altro che Roma ladrona

  15. Scritto da Albinese non cortese

    Un altro leghista che cerca di stare col c… su due sedie…… povera italia.

  16. Scritto da Renegade

    Si vede che come viceministro ha poco da fare

  17. Scritto da andrea marco

    POVERA LECCO

  18. Scritto da dario

    urka, che candidatura, uno statista e uomo di cultura,