Il precedente italiano a San Sabba - BergamoNews
Trieste

Il precedente italiano a San Sabba

Nel 1981 il campo di sterminio italiano fu violato da cacciatori di reliquie

mazza ferrata risiera di san sabbaAnche l’unico campo di sterminio italiano, la risiera di San Sabba, fu violato dai ladri cacciatori di reiliquie naziste. Nel 1981 dal museo creato nell’edificio restaurato fu trafugata la mazza ferrata con cui, con operazione particolarmente cruda, il comandante del campo uccideva i prigionieri, che erano per lo più partigiani e cittadini di origine slava (gli ebrei transitarono solo dalla Risiera, prima di andare nei campi di sterminio di Polonia, Ucraina, Germania).
Il furto fu compiuto probabilmente su commissione, i ladri lasciarono però un volantino che incitava all’odio e alla violenza contro gli slavi e gli ebrei.
La mazza ferrata non fu mai più ritrovata. Al museo della Risiera è oggi esposta una copia.

Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it