BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tra bufale e malocchio

Il ristorante italiano Piccolo nido è diventato famoso nel mondo grazie al suo chef Pino che toglie il "malocchio" e così dopo 87 anni sostiene di aver fatto rivincere il campionato ai Red Sox

Più informazioni su

pino iranoSulla North street al 247 c’è un piccolo ristorante italiano, Il Piccolo nido. Il proprietario Pino Irano, un campano doc, ha girato il mondo a cucinare e da trent’anni vive a Boston.
Il suo locale è diventato una meta sacra per gli amanti del baseball da quando i Red Sox lo frequentano abitualmente. Ma non sono solo i cultori del diamante a far tappa da Pino. Anche i Boston Celtics, la squadra di basket è solita mangiare e festeggiare le vittorie lì.
All’ingresso ci sono foto dello chef con Roberto Benigni, Walter Zenga, Richard Gere, John Calipari, Guglielmo Epifani e altri.
Ma la sua "fama" è dovuta ai riti che compie per togliere il "malocchio".
"È tutto vero e parlate con quelli dei Red Sox. Quelli l’ultimo campionato l’avevano vinto nel 1918, poi più niente. Tutti a Boston lo sanno. Dopo "la maledizione del bambino", per aver venduto Babe Ruth ai NY Yankees sono rimasti a bocca asciutta per 86 anni. Poi il presidente Larry Lucchino è venuto a trovarmi e ho capito che erano stati colpiti dal malocchio. Dopo una serie di incontri gli ho tolto quella maledizione e hanno vinto il campionato".
pino iranoPino si diverte, ride, gioca con i suoi clienti. Ha preparato una torta gigante per festeggiare l’arrivo del Biocell a Boston.
"Ma la storia mica finisce qui, – continua a raccontare Pino, – quando la notizia ha iniziato a girare sono arrivati anche i Celtics che pure loro erano a bocca asciutta da oltre venti campionati. E così l’anno scorso hanno vinto".
Il ristoratore italiano, un vero intrattenitore, ha così preso sale e salvia e come un sciamano saltellante intorno al soggetto da "lavorare" ha iniziato i suoi riti per togliere il malocchio.
Cosa non si inventano gli italiani per far parlare di loro e per fare affari, direbbe qualcuno ironico. E sorridere su queste pratiche è l’atteggiamento migliore come fa anche il Boston Globe in un articolo in cui si domanda che "se Irano ha davvero risolto la maledizione dei Red Sox e ha contribuito a far arrivare alla finale gli umili Celtics, forse vale la pena di un colpo, giusto?"

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.