BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Nozze bergamasche per il ministro Gelmini fotogallery

Matrimonio e libro di fiabe: e' un duplice annuncio quello che da' il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini nel corso della registrazione al teatro Parioli della puntata domenicale del 'Maurizio Costanzo show'.

Più informazioni su

Matrimonio e libro di fiabe: è un duplice annuncio quello che da’ il ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini nel corso della registrazione al teatro Parioli della puntata domenicale del ‘Maurizio Costanzo show’. "Sono ottimista" ha spiegato il ministro "e determinata a far partire la riforma nel  2010". Un anno che si preannuncia molto speciale anche per i progetti personali. "C’è la volontà di sposarmi – ha confermato – e poi sto scrivendo un libro di fiabe. È un lavoro che sto facendo in queste settimane. Ogni regione ha le sue tradizioni, le sue fiabe popolari e sto cercando di raccoglierle tutte. I bambini troppo spesso sono parcheggiati davanti alla tv, anche alla sera. Credo che recuperare l’abitudine di leggere loro una favola magari prima di andare a letto sia una cosa molto bella". (I proventi della vendita del libro saranno devoluti in beneficenza, confermano dal Ministero). Che il ministro voglia esprimere anche una certa voglia di maternità? Il pensiero fisso resta la scuola "il bene più prezioso del Paese". Ecco perché le riforme devono andare avanti. "Una scuola mediocre, o buona solo a macchia di leopardo – ha ribadito Gelmini – non serve a niente. Va collegata al mondo del lavoro perché troppe volte i diplomi e le lauree non corrispondono a opportunità concrete". Un’attenzione particolare, secondo il ministro, va posta all’istruzione tecnica e professionale che in "alcune regioni del Paese è del tutto carente". Quanto alla riforma dei licei, il ministro ha voluto ricordare che prevede pure la sperimentazione dei licei musicali. "Ricostruiremo – ha detto – la formazione musicale dalla scuola elementare al conservatorio".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Parsifal

    …allora arriva chi mi dice che cosa sta facendo (o avrebbe fatto) davvero per MIGLIORARE la scuola pubblica questo ministro? E’ passata ormai una settimana…ne mamma 13, nè cara16 ne Brava gelmini 18 e tutti quelli che la difendono a spada tratta hanno detto qualcosa.
    Strano?
    Devo dedurre che sia la sua nuova ed inedita raccolta di fiabe italiane?!?

  2. Scritto da Un ricercatore

    Ma che incapace, è una vera inetta. Una disgrazia per la cultura e la ricerca del paese!
    Bocciata torni tra mille anni, anzi no non torni proprio una così non a speranze di migliorare.

  3. Scritto da Ordinario

    Questa è la perla del millennio! Arriva uno che si firma “ricercatore”, lasciando supporre che lavori nell’università e non che faccia il recuperante col metal detector, e spara a zero sulla Gelmini: ma che incapace, è una vera inetta…(sorvoliamo sulla punteggiatura: sarà un ricercatore del Politecnico!). Poi, piazza la perla: non a speranza di migliorare. Così: senz’acca! E questo qui ha il coraggio di fare le pulci agli altri? Se tu fai il ricercatore, mi va bene la Gelmini ministro: asen!

  4. Scritto da ale

    conta molto che tu sappia se sono maschio o femmina? comunque, per me conta leggere come ti esprimi, e già ammettere che qualcosa non va nell’stituto scolastico (in s. caso, universitario)…Quanto al consenso dei cattolici..a parte che sono proprio le sinistre atee a stare con i catto-comunisti in politica…ma parli proprio da sessantottina proletaria catechizzata …

  5. Scritto da prof. Acerbis

    concordo con orestolo…
    Lavoro in una scuola professionale e non voglio che i miei alunni studino SOLO per la futura professione… voglio che studino ed imparino a ragionare, ad essere critici verso i despoti e gli sfruttatori. Devono imparare “come è buono il cacio con le pere”…
    Desidero che crescano come PERSONE e non solo come lavoratori del settore alberghiero. Io in classe parlo di tutto, non mi importa andare fuori tema… non mi importa finire solo il programma…

  6. Scritto da Parsifal

    Marilena 21 dice cose vere e semplici. La Gelmini parla di una scuola di cui o sa poco, o finge di sapere tutto senza essersene mai occupata in vita sua. Attendo risposte sulle sue azioni per rendere più efficace la scuola e contro i fannulloni….
    Diversamente le difese del ministro sono per partito preso, pregiuidizialmente sprezzanti verso gli insegnanti (ome se fossero tutti uguali, bravi o fannulloni).

  7. Scritto da aladin

    C’era una volta la scuola pubblica. Con sovvenzioni per i progetti culturali,per il sostegno, per gli strumenti (a partire dai gessetti, che in molte scuole ora sono i genitori a dover fornire,non sto scherzando). Nelle scuole sono affissi i provvedimenti per la prevenzione dell’influenza H1N1, peccato che mancano carta e sapone per lavarsi.
    Ovvio che già stava male,ma la gelmini col suo programma aziendale le darà il colpo di grazia.

  8. Scritto da marilena

    per ale: forse faresti meglio a leggere tutto quello che si scrive qui,perchè non rispondi al mio intervento 21?Non sono una veggente,guardo il presente e traggo le conclusioni,il marito ce l’ho e di sicuro apprezza donne diverse dalla gelmini;la conosco per quello che dichiara e per come si atteggia,è proprio la classica madonnina infilzata di cui non puoi mai fidarti. A te piace?Libera di avere altri gusti, infatti hai parlato male del 68,il periodo migliore per l’emancip.delle donne italiane!

  9. Scritto da ale

    Ah ah!Si vede come sono emancipate le sessantottine!!!! E comunque, scendere a bassezze come quella di dire che siccome la Gelmini non ti appare una top model ergo è anche inaffidabile e incapace…non è giudizio da donna emancipata…Io dico che trenta, venti, dieci e anche cinque anni fa la italica scuola non era il non plus ultra. Che ne dici degli inamovibili baroni dell’università? Non messi lì da Berlusconi… Sai come sono strutturate le carriere universitarie a Londra o New York?

  10. Scritto da marilena

    per ale: non ho ancora capito se sei un maschio o una femmina ma non è importante. Guarda che le top model non sono inaffidabili, fanno il loro lavoro e anche bene. Se per te madonnina infilzata significa top model ti sbagli, la gelmini è una manovrata che cerca il consenso della chiesa con le sparate dell’ora di religione come materia curriculare che fa media,con le classi solo per stranieri ecc.La riforma dell’università è giusta per certi versi ma tante altre sono sbagliatissime!

  11. Scritto da ale

    al 7: ti va buca! quello cui ti riferisci era un certo Alessandro Patelli, i fatti sono risalenti al 1993 e il tipo in questione è nato negli anni ’40…un po’ vecchio anche per la Gelmini…Mamma mia, che voglia di scandalo!!!!!!!!!!

  12. Scritto da Io

    La scuola non è stata affossata dalla Gelmini ma da tutti quegli insegnanti fannulloni e incompetenti che abbiamo nelle nostre scuole italiane da anni!
    Se poi volete credere alle “favole” fatelo…ma non sono quelle della Gelmini quelle che vi hanno raccontato!

  13. Scritto da marilena

    per io: non può offendere la categoria degli insegnanti facendo di tutta l’erba un fascio. Io non sono una insegnante, ma da studente prima e da genitore dopo, ho potuto constatare che professori bravi e validi esistono. Quelle della gelmini sono proprio delle favole a “doloroso fine”, la scuola privata per i ricchi continuerà ad essere finanziata ancora di più e la scuola pubblica farà acqua da ogni parte.Basta guardare gli occhi di questa ministra per capire quanto è subdola e falsa.

  14. Scritto da Parsifal

    a 6 e 9. Certo la Gelmini non ha affossato la scuola. E affossata non lo è comunque, perchè non è che 30-40 anni fa fosse l’Eden e oggi l’inferno. Ma è inaccettabile come racconti..favole e bugie passandole per grandi novità, meritocrazia, e bla, bla, bla.
    E’ difficile anche solo riconoscerle onestà intellettuale.
    Come si fa a parlare di qualità, serietà..solo xchè si mettono voti in numeri invece di giudizi, e nel frattempo si alza il n. di alunni x classe? Sono solo slogan pubblicitari.

  15. Scritto da alex62

    CARA GELMINI, PERCHE’ NON TI FAI CONSIGLIARE DAL TUO CAPO SILVIO ?? LUI IN FATTO DI FAVOLE E’ IL N° 1 NE RACCONTA ALMENO UNA OGNI GIORNO……

  16. Scritto da mamma

    ministro, vada avanti così e non tenga conto dei dardi avvelenati di parsifal, lui la scuola la manderebbe a gambe allaria. Io sono fiduciosa, di insegnanti fannulloni ne ho conosciuti tanti e quando andavo dal Preside come mamma che si lamentava mi sentivo dire…sa mi creda,lei ha ragione ma non posso fare nulla…. Avanti gelmini

  17. Scritto da per marilena

    difficile condividere la presunta offesa alla categoria (è chiaro che non tutti sono inaffidabili gli insegnanti, anche se ce ne sono di tali, eccome!), e poi leggere che “basta guardare negli occhi la Gelmini” ecc.ecc.
    Insomma, Marilena si difende e difende gli insegnanti, bolla chi ha scritto di offese, e pronuncia un’offesa sulla persona della Gelmini (si badi bene, al di là delle azioni!), un’offesa per giunta gratuita!!!!!! Coerente!!!!

  18. Scritto da Parsifal

    @mamma.
    A parte le offese gratuite che le restituisco (meno male che non ci sono mamme solo come lei), vorrei sapere: cosa avrebbe fatto la Gelmini contro gli insegnati fannulloni?
    Mettere 1 maestra sulla stessa classe invece che tre sullo stesso corso alle elementari vuol dire premiare il merito? Sono in attesa di insegnamenti.
    Diversamente è solo pregiudizio, e malevolo il suo.
    P.S. i miei studenti e tanti genitori non la pensano così sul mio lavoro.

  19. Scritto da cara

    ero studentessa negli anni Sessanta, e di insegnanti fannulloni, ma anche incapaci, ne ho visti nelle scuole che frequentavo, ma anche poi da mamma, e anche avendo un familiare operatore in una scuola. Se c’è chi vuol mettere mano alla scuola e ci riesce, se questo qualcuno è la Gelmini, ben venga! Mi sembra che si voglia condannare la riforma prima di vederla messa in atto, e tirare in ballo Berlusconi anche dove non c’è motivo. Ma i vari ministri dell’istruzione di sinistra, dov’eran meglio?

  20. Scritto da Parsifal

    @cara. Benissimo. Ma se mi spiegate che iniziative vanno nella direzione che dite, cioè contro i fannulloni, fatte dalla Gelmini, vi sono grato.
    Dare più potere ai dirigenti ..è tra l’agghiacciante e il ridicolo.
    Anche le persone di dx illuminate lo sanno. Non è un fatto politico, come tante pro gelmini lasciano intuire.

  21. Scritto da Brava Gelmini

    Brava Gelmini, va avanti così: Nne abbiamo visti di professori che facevano settimane bianche durante l’anno scolastico ed anche viaggi esotici. Da ammalate tornavano a scuola abbronzate!!!
    Ieri sera da Lilli Gruber il direttore del Corriere della Sera De Bortoli si é complimentatom con la Gelmini per l’ottima riforma.
    Il resto sono tutte chiacchiere dei soliti fannulloni.

  22. Scritto da marilena

    per 14 che non si firma: ho soltanto risposto a chi dava dei fannulloni(bollandoli)a tutti gli insegnanti. Ripeto che la gelmini con lo sguardo esprime esattamente quello che pensa e che trasforma in azioni contro la scuola pubblica: la mia non è un’offesa grave,è una constatazione;sono abbastanza in età per riuscire a capire la sincerità delle persone anche dall’espressione degli occhi.Posso dire che di una persona così non mi fido?Gli altri,liberi di ammirarla ,ci mancherebbe!

  23. Scritto da Parsifal

    @18 e affini.
    Questi sono beceri luoghi comuni. Offese gratuite e senza motivazione. Sto aspettando risposte su quel che avrebbe fartto contro i fannulloni la gelmini.
    L’insulto gratuito degli insegnanti è solo una forma di razzismo.

  24. Scritto da marilena

    per 18brava gelmini: ho visto anch’io de bortoli che non ha fatto nessun contradditorio,troppo comodo invitare un ospite così.Perchè non è stato chiamato anche qualcuno che nella scuola vive tutti i giorni e conosce i problemi?Insegnanti di sostegno diminuiti,classi di 28-30 alunni,tempo pieno come doposcuola,carta igienica e sapone portati da casa,contributi chiesti ai genitori per iniziative culturali ecc.Spero che le famiglie si facciano sentire con una coscienza sociale in difesa deidiritti

  25. Scritto da walter

    x quei 4 drogatini dementi che escono dalle scuole oggi non credo che 28 30 persone siano tante….tanto so come li maestri…FANNULLONI

  26. Scritto da ale

    Per Marilena: ma cosa ti ha fatto la Gelmini?Ti ha rubato il marito?Oppure sei una veggente e “capisci dagli occhi com’è una persona”?Ma va va…. ma fammi il piacere!!!Vola basso va!
    Anche a me da quello che scrivi mi di l’idea di essere una invidiosetta antipatica e arrogante e allora?La conosci di persona?No, come io non conosco te quindi fammi i favore non sputare sentenze a caso.non ci fai bella figura!

  27. Scritto da gigi

    Caspita non leggeremo più le fiabe di Andersen ,Grimm,Perraul ,ecc.ecc.autori stranieri .Un poco di Italianità !!!!!Riscriveremo la storia di Pinocchio cambiando naturalmente il titolo…….B……….i

  28. Scritto da orestolo

    Tagliare i fondi, gli insegnanti, mi sembra il modo migliore per rendere la ‘mediocre’ scuola italiana una scuola di eccellenza. Istituti professionali per creare operai per aziende manifatturiere inesistenti, un bel programma… non c’è che dire.

  29. Scritto da aladin

    La gelmini affossa la scuola. E tutti vissero felici e contenti…

  30. Scritto da ale

    sarebbe un mostro di efficienza la Gelmini se fosse già riuscita ad affossare la scuola!
    E’ che bisogna riconoscere che la scuola italiana ha cominciato a precipitare nel ’68, e dal ’68 sono usciti gli insegnanti che ancora circolano, e le loro idee hanno creato nuovi insegnanti, hanno dilagato…Dire che in scuole e università non esistono sprechi, e nepotismi, e docenti incapaci, e corsi inutili, e fannulloni è arroccarsi su un concetto che è emerita lobby. Assurdo.

  31. Scritto da Vituri'

    E’ quel famoso Patelli dei 200 milioni di tangenti della Lega?

  32. Scritto da Parsifal

    Queste belle intenzioni (quell’attimo intinte nel miele), oltre che cozzare con la realtà di quello che fin’ora a fattto la ministra,
    sono da tenere. Sarà interessante vedere fra tre anni cosa sarà successo.
    Di libri di fiabe ci sono scaffali pieni nelle lilbrerie….occorrono le sue per passare alla storia?

  33. Scritto da marilena

    gelmini è veramente antipatica e bugiarda. I bambini italiani non hanno bisogno delle sue fiabe, ne hanno già abbastanza di tutte le “favole” che questa sta raccontando sulla riforma della scuola pubblica, sta riducendo la scuola a un’azienda che deve fare profitti togliendo risorse all’istruzione come diritto di tutti gli studenti. La salute e la cultura non possono essere considerati beni a pagamento, tutti i cittadini devono poterne usufruire con le stesse garanzie, poveri e ricchi.