BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Montello-Codroipo: odissea con brutte sorprese

Oltre ai ritardi sale d'attesa senza sedie e vagoni senza spazi per depositare la valigia: il tutto costato settanta euro in due.

Più informazioni su

Vi racconto un viaggio avvenuto in treno da Montello/Gorlago a Codroipo (Udine), il 22 ottobre 2009.
Io e mia moglie siamo partiti dal mio paese Cenate Sopra in automobile per recarci a prendere il treno, alla stazione ferroviaria di Montello/Gorlago: lì siamo arrivati 35 minuti prima che arrivasse il treno delle ore 13,20 Montello/Gorlago per Brescia. Sorpresa nella sala di attesa non cera neanche una sedia per potersi sedere, in attesa del treno per Brescia.
Partiti alle ore 13,20 arrivati a Brescia con 30 minuti di ritardo. Per fortuna l’Eurostar che avevamo prenotato, Brescia, Mestre/Ve aveva 8 minuti di ritardo e siamo riusciti a prenderlo. Alle ore 14,23 siamo partiti da Brescia, arrivati a Mestre/Ve alle ore 16,08 con circa 10 minuti di ritardo, la coincideza di partenza, Mestre/Ve per Codroipo era per le ore 16,16, viene annunciato che quel treno è stato soppresso, attendiamo quello dopo delle ore 16,31, grande sorpresa, una cosa mai vista, carrozze strapiene di gente, non riuscivano più neanche a chiudere le porte per farlo ripartire, naturalmente noi non siamo riusciti a salire, anche perché era assolutamente impossibile, così altra attesa, abbiamo aspettato il treno che è partito alle ore 17,42.
Saliti su quel treno, abbiamo trovato si il posto a sedere, ma altra sorpresa, in quelle carrozze, non c’era il posto per mettere le valige, sì, vi dico giusto non era predisposto per mettere i bagagli, abbiamo dovuto lasciare una valigia in corridoio e una sui sedili. Finalmente alle 18,38 siamo arrivati a destinazione a Codroipo.
Aldilà del disservizio e disagio subito, mi chiedo:
Come utente, cliente e come cittadino, chi programma i viaggi, il servizio trasporti clienti?
Chi progetta le carrozze? Chi programma le stazioni e le sale di attesa?
Sono ormai più di 40 anni che uso il treno per spostarmi per motivi vari. Non mi è mai capitato, che in una sala di attesa non ci fosse neanche una sedia per potersi sedere. Non mi è mai successo di non riuscire a salire su un treno e delle carrozze che non c’era il posto per i bagagli.
Voglio far presente che il disservizio l’ho pagato bene 70 euro per 300 km per due persone.
Chiedo a lor signori che stanno al governo, al Ministro dei trasporti, ai responsabili delle ferrovie italiane, ai dirigenti dei trasporti delle ferrovie italiane, dove è l’efficacia e l’efficienza del trasporto? Qui il merito a chi lo date? Vi inviterei a spendere meno parole sui giornali, alla radio, alla televisione, e utilizzare quel tempo, per andare a vedere come funziona il servizio trasporti nel nostro paese.
Forse ci sarebbe bisogno anche di ascoltare di più i pendolari, i cittadini che usano il treno, verrebbe sicuramente da loro delle proposte, come progettare le carrozze, come progettare il trasporto della gente dei clienti, come programmare le stazioni e le sale di attesa.
Ascoltandoli sicuramente funzionerebbe tutto meglio.
Francesco Lena
Cenate Sopra

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da wwd

    Inutile meravigliarsi : per le ferrovie esiste solo il percorso Torino-Milano-Napoli (av) : il resto a rischio e pericolo del malcapitato utente.

  2. Scritto da Barbara

    Ho fatto la pendolare tra Alzano Lomb (Bg) e Sacile (Pn) per 3 anni. Dopo alcuni viaggi catastrofici in treno ho deciso di spostarmi in auto. Costava meno e non rischiavo di rimanere a piedi a Brescia la domenica sera. Molto meglio sfidare il traffico impazzito della tangenziale di Mestre (adesso che non ci vado piu’ hanno aperto il passante) ed il nebbione che in inverno ricopre il tratto Padova-Treviso. Che tristezza, avrei viaggiato volentieri in treno…

  3. Scritto da lvca

    La capisco, ho fatto il militare nel 2000 proprio a Codroipo e per un anno quando ero in permesso ho fatto il suo tragitto, sono di Gorlago la stazione e’ la stessa. Adesso invece “pendolo” da 7 anni da montello a brescia, no comment. Restando in tema di stazione Montello/Gorlago stiamo aspettando che le Fs sistemino il parcheggio della stazione o lo cedano a Montello, parcheggio piccolo non asfaltato che in autunno con le pioggie diventa una palude. no commet.