BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Curno, Roberto Pedretti non ?? pi?? vicesindaco

La notizia ?? stata ufficializzata dal primo cittadino Angelo Gandolfi durante il Consiglio comunale di gioved?? sera. Una decisione perentoria, comunicata dal sindaco in dieci semplici righe e senza discussioni da parte dei consiglieri.

Più informazioni su

Il leghista Roberto Pedretti (nella foto, ndr) non è più vicesindaco di Curno. La decisione è stata ufficializzata dal primo cittadino Angelo Gandolfi durante il Consiglio comunale di giovedì sera. Una scelta perentoria, comunicata dal sindaco in dieci semplici righe e senza discussioni. Con la destituzione di Pedretti vengono ridistribuite le deleghe gestite fino a ieri dall’esponente del Carroccio: la carica di vicesindaco va a Maria Donizetti, mentre Angelo Fassi dovrebbe gestire gli assessorati ai Lavori Pubblici, Sicurezza, Protezione Civile e Viabilità. Il condizionale è d’obbligo perché il consigliere non ha ancora deciso se accettare l’incarico.
Quello che sorprende è però la naturalezza con cui Gandolfi comunica la decisione al Consiglio comunale e al pubblico: sorriso sulle labbra, nemmeno un’esitazione. "Ho provveduto a revocare le deleghe già conferite al geometra Roberto Pedretti e contestualmente la nomina del geometra Angelo Fassi, peraltro della Lega Nord, quale assessore ai Lavori Pubblici, Sicurezza, Protezione Civile e Viabilità, ed il conferimento alla signora Maria Donizetti, peraltro della Lega Nord, dell’incarico di vicesindaco. Le nomine sono state fatte per la stima che mi lega alle persone, per la quantità e la qualità del lavoro da essere svolto a favore dell’amministrazione  per la fiducia che nutro nel movimento della Lega Nord che mi ha sin qui sostenuto con lealtà".
Perché sono state tolte e deleghe a Pedretti? Di quali colpe si è macchiato l’ex assessore? E’ una questione personale o è solo una decisione politica? Non è dato saperlo. Il sindaco si rifiuta di dare spiegazioni a consiglieri di minoranza, pubblico e giornalisti. Come se con un "no comment" la questione svanisca in una bolla di sapone. Pedretti allarga le braccia e la butta sul ridere. "Sinceramente sono più arrabbiato per la sconfitta dell’Atalanta a Livorno. Non so nulla, ho letto sui giornali della decisione del sindaco. Fino a quando Fassi non accetterà l’incarico non farà commenti".
Dopo un improvviso valzer di nomine però i dubbi sulla solidità della maggioranza sorgono spontanei. Anche perché, nello stesso Consiglio comunale, è stata ufficializzata la scissione della coalizione che, unita, ha sostenuto Gandolfi alle elezioni. E’ nato infatti il gruppo del Popolo della Libertà formato da Sara Carrara, Dante Maini, Pierangelo Salvi, Sara Trabucchi e il capogruppo Ferruccio Innocenti. E’ solo una formalità oppure all’orizzonte si intravede una crisi? Il sindaco, forse, risponderà.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da DR

    Che Pedretti fosse un consigliere da gestire lo sapevamo dai tempi del mitico sindaco Bianchi, ma che la storia potesse ripetersi…. ci auguravamo che non succedesse davvero….;
    l’altra volta era il Pedretti ad avere impedimenti di carattere personale (quali???bho !!!) oggi invece ci si inventa l’ispezione non autorizzata alla moschea….. hahaha!
    non è che come sempre ,tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino???

    gli elettori non sono stupidi !!! meditate politici meditate !

  2. Scritto da Udc curno

    La moschea non c entra, indicare la luna e guardare il dito:
    http://udccurno.splinder.com/post/21645147/Moschea+si+%2C+moschea+no%3A+un+ap
    udccurno@gmail.com

  3. Scritto da 18017

    Gandolfi go home.
    Elezioni subito.
    Gandolfi in due anni nessuno ti ha visto! Cosa hai fatto per i cittadini di curno?

  4. Scritto da luca

    Pedretti dimettiti anche come consigliere e non fatti più vedere a curno, sei una vergogna per la lega, altro che candidarti alle regionali…..

  5. Scritto da dd

    la lega fa e disfa ma è peggio degli altri,

  6. Scritto da federica

    Il Sindaco ha scelto Pedretti quale assessore perchè aveva fiducia in Lui. Se questa fiducia è venuta meno, sarebbe giusto rendere noto ai cittadini le motivazioni della revoca della delega, per trasparenza onde permettere ai cittadini-elettori di conoscere e poter giudicare. Il loro è un ruolo pubblico non privato e devono rendere conto di tutto. Invece il Sindaco tace, ma quello che fa più specie è che tace anche Pedretti. Ci trattano da inutili idioti, utili solo al momento del voto .

  7. Scritto da Simone

    Ritengo che sia l’errore più grosso che poteva fare il sindaco Gandolfi. Durante la sua comunicazione al consiglio comunale ha detto che ha proceduto alla revoca delle deleghe in quanto le ha date a due persone che lui stima e che si sono prodigate molto per il paese. Perchè Pedretti non si è prodigato per la cittadinanza di Curno? Mi risulta che si faccia in quattro… se il signor sindaco facesse la metà di quello che fa Pedretti!!! Il signor sindaco comunque raccoglierà per quel che ha dato!!

  8. Scritto da ex elettore

    Che manera? Questiu’ de interes? De solc? Epur de palanche a Curen el na gira tante i gares de es a se per tocc, con tocc i solc de oneri de urbanisaziu centri comerciai e compagnia bela……..
    Chi de la lega i ga la dur……mia l’osel ol cervel

  9. Scritto da Parsifal

    Ogni codice democratico direbbe che sia Sindaco che vice diano spiegazioni ai cittadini ed elettori.
    A prescindere da qualsiasi considerazione di tipo partitico.

  10. Scritto da non sono di sinistra

    io non sono un residente di Curno ma ieri ho assistito al consiglio comunale x la prima volta e faccio delle considerazioni:
    1 premetto che l’illustrissimo Sindaco si è presentato con 15 min di ritardo con aria di superiorità è schifando la premiazione di due suoi concittadini
    2 con atteggiamento arrogante ha spiegato il giornalino comunale
    3non faceva parlare le minoranze e ci può stare, ma senza arroganza e maleducazione dopo di quello inorridito mi sono alzato e sono andato via ai ai Gandolfi

  11. Scritto da Al

    premetto che sono un giovane residente di curno, e di un colore diverso da quello dell’amministrazione.
    Purtoppo il teatrino visto ieri non è una cosa strana…l’arroganza del sindaco è conosciuta…tuttavia, conoscendo il sig. Pedretti, mi sarei aspettato una replica o cmq una sua dichiarazione…invece nulla. C’è un caos comunale e nessuno lo sa. Ci sono dei giovani premiati e nessuno lo dice…e i curnesi stanno in silenzio….mah

  12. Scritto da federica

    E’ la seconda volta che un sindaco toglie la delega a Pedretti: il primo fu il sindaco leghista Bianchi che nel 2000 gli revocò la delega da assessore all’urbanistica. Anche il Bianchi si comportò come Gandolfi e non motivò mai il perchè di tale drastica decisione che è rimasta sconosciuta per sempre alla cittadinanza. Un comune allo sbando! Non stanno più insieme nemmeno con l’attach.

  13. Scritto da cuìn

    risponderà? mah! lui è stato eletto dal popolo, fa quel che vuole, poche domande. raus!

  14. Scritto da angel

    pedretti subito sindaco

  15. Scritto da perfetto

    …. come si semina ….. si raccoglie !!!