BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sicurezza della Statale 42: il Governo non risponde”

I parlamentari Piffari e Cimadoro "insoddisfatti" delle risposte all'interrogazione in merito ai lavori urgenti di adeguamento dello svincolo di Sovere.

Più informazioni su

“Non posso ritenermi per niente soddisfatto della risposta che il Governo ha dato alla mia interrogazione in Commissione Ambiente in merito ai lavori urgenti di adeguamento dello svincolo di Sovere e della messa in sicurezza di alcuni punti della Statale 42”.
Lo afferma in una nota il capogruppo dell’Italia dei valori in Commissione ambiente alla camera dei deputati, il bergamasco Sergio Piffari che aggiunge: “Il Governo si è limitato a farsi portavoce dell’Anas affermando che il progetto esecutivo di miglioramento della viabilità dello svincolo di Sovere, inserito nella manutenzione straordinaria del Contratto di Programma 2007–2011 di Anas spa, previsto appaltabile nel 2010, sarà anticipato al 2009. Al momento, a due mesi dal 2010, le istanze locali non sono ancora state ascoltate”.
Di fatto, con questa risposta, "il Governo non si assume nessuna responsabilità e non offre alcuna certezza circa la propria volontà d’intervento – è il commento di Gabriele Cimadoro, altro parlamentare bergamasco dell’Idv -. Per quanto riguarda la messa in sicurezza dei muri di sostegno all’altezza dei km 49+600, 51+550 e 52+612, ad esempio, si aggira il problema chiamando in causa i comuni. Ritengo che scaricare letteralmente sulle Amministrazioni comunali l’onere finanziario di tali opere non sia il modo migliore di rispondere alle esigenze di utenti e cittadini".
Piccoli Comuni come Ranzanico ed Endine Gaiano non hanno risorse sufficienti a disposizione per intervenire in tal senso. "Si corre il rischio, per assurdo, che i Comuni, non potendo intervenire diversamente, trovino come unica soluzione plausibile la chiusura dei tratti di strada in questione, con un ulteriore disagio per i contribuenti, fintanto che l’Anas non avrà individuato i relativi interventi localizzati".

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Angel

    Sono 40 anni che lavoro su e giu per la statale 42 ,sempre promesse dai Bianchi , Rossi e neri, ma la strada piu pericolosa d’Italia e’ sempre la stessa, ore di coda al mattino e non parliamone la sera, per 40 km quando va bene un ora e mezza, i sindaci si d’anno la colpa gli uni agli altri e noi sempre zitti, e parlano di fare il ponte sullo stretto, ma a chi serve???? la provincia di Bergamo mantiene mezza Italia e non ci fanno neppure le strade, al sud vi sono superstrade ovunque, ciao…….