BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Io feci richiesta, Bruni non si mosse”

Nel 2005 sorse a Bergamo il Comitato Una strada per Peppino Impastato che nel 2006 presentò domanda. Ma l'Amministrazione non fece nulla.

Più informazioni su

Ho appreso con profondo sconforto la notizia che il consiglio comunale di Bergamo ha respinto la richiesta presentata dal consigliere Grossi, di intitolare una via a Peppino Impastato.
Probabilmente molti ricorderanno che il 17 novembre 2005 il sottoscritto ha costituito il Comitato Una Strada per Peppino Impastato proprio mentre lavorava a Bergamo. Il 14 gennaio 2006 è stato ricevuto dall’allora sindaco Roberto Bruni con cui concordò che, appena individuata una sede idonea, il Comune si sarebbe impegnato ad intitolare un luogo (parco o giardino o aula) a Peppino Impastato, vittima della mafia ed esempio per tutti del coraggio di difendere la giustizia e denunciare le illegalità pur essendo figlio di un mafioso. A seguito di tale incontro, il 16 gennaio 2006 il sottoscritto presentò personalmente la richiesta del Comitato (che vedeva le firme di Marilde Provera, Giovanni Russo Spena, Dario Fo e Franca Rame, Vittorio Agnoletto e Umberto Guidoni) all’Ufficio Protocollo del Comune di Bergamo. Nel corso degli anni sollecitò diverse volte ma non ebbe risposta. Purtroppo quindi il sottoscritto deve dare ragione a quel consigliere che si è chiesto come mai la sinistra non abbia mai portato avanti tale proposta ed ora sta strumentalizzando il personaggio di Peppino Impastato.
Apprezzo il gesto del sindaco Franco Tentorio che si è astenuto, comunque resta rattristato dall’ennesima violenza fatta al ricordo di un personaggio fondamentale da portare ad esempio ai giovani soprattutto al nord dove vi è il controllo da parte della ‘ndrangheta soprattutto per quanto riguarda gli appalti e lo smaltimento dei rifiuti.
Ettore Lomaglio Silvestri

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da cuìn

    sarà anche che l’intitolazione a strade, biblioteche, parchi ecc. non sono le priorità di un’amministrazione. comunque pure la maggioranza di bruni avrebbe avuto problemi ad intitolare una via ad un “comunista e rivoluzionario”.

  2. Scritto da pietro

    DOVE SONO TUTTI I COMMENTI DELLA SINISTRA????
    DAI FUORI I COMMENTI. FACILE SPARARE CONTRO LA DESTRA.
    SIETE UGUALI, ANZI PEGGIO DI NOI. NOI AMMETTIAMO GLI ERRORI, VIOI SIETE COSi’ PRESUNTUOSI DI ESSERE SICURI DI NON SBAGLIARE MAI. AVANTI LEGA, IL NORD è NOSTRO…CANCELLIAMO LA SINISTRA

  3. Scritto da lega nord? no grazie

    sì cuìn i problemi che l’allora opposizione, ora maggioranza, avrebbe utilizzato. Gli stessi che si ebbero quando si trattò della politkovskaya da parte di Belotti, Invernizzi e i soliti estremisti.

  4. Scritto da antonio

    ripeto…che palle co sta cosa….a me francamente stanno piu a cuore i bortolotti, a me in quanto bergamasco hanno dato di piu di impastato (che rispetto in toto) e non mi scandalizzo o non spacco i maroni da ormai due mesi perchè non gli dedicano lo stadio di BG (che tra l’altro atleti azzurri non vuol dire proprio nulla e non idntifica nessuno)

  5. Scritto da oneterr

    ma Bruni, nella sua lettera, ha detto che forse c’era stata un’omissione non voluta.. e invece qui scopriamo che è stato un diniego bello e buono!
    non una dimenticanza ma la volontà di lasciare nel cassetto la proposta!
    ma chi vuol prendere in giro l’ex sindaco?