BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Alla Same 150 operai in esubero

Si torna a parlare di tagli per la Same Deutz-Fahr di Treviglio, l'azienda produttrice di trattori, che ha annunciato 150 esuberi su 1.400 dipendenti.

Più informazioni su

Si torna a parlare di tagli per la Same Deutz-Fahr di Treviglio che ha annunciato 150 esuberi sui 1.400 dipendenti attualmente presenti nella azienda produttrice di trattori della Bassa bergamasca. Centocinquanta esuberi, tutti operai che seguono i 34 accompagnamenti alla pensione concordati solo tre mesi orsono che hanno coinvolto gli impiegati
Le sofferenze del mondo agricolo e le difficoltà di accesso al credito, ha spiegato l’azienda ai sindacati, portano a intervenire rapidamente in maniera strutturale. E infatti l’intero gruppo Same prevede una riduzione totale di 398 lavoratori sui 2.760 dipendenti nelle varie ditte. Tempi rapidi dunque, ma con una uscita morbida: un centinaio dei 150 trevigliesi potrebbero maturare i requisiti per il prepensionamento oppure essere incentivati e uscire volontariamente.
Ma il sindacato non condivide questa procedura, ritenendo che si possano utilizzare altri strumenti come la cassa integrazione o i contratti di solidarietà. 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    @ 4 GI61
    Scusami se mi permetto..ma vorrei farti notare che un partito è libero di chiedere ai cittadini iscritti e non, un contributo per finanziarsi.. nessuno è obbligato a pagare.. chi glie li da lo decide liberamente.. o preferisci i partiti che si finanziano con le tangenti..?
    Poi personalmente non do i miei soldi al PD perchè non ne condivido la politica troppo simile a quella del PDL..una brutta copia.
    Mi scuso con i lettori per essere uscito dall’argomento in discussione.. ma ci voleva.

  2. Scritto da lucio

    ma l’amministratore delegato massimo bordi non si è sempre vantato di essere diverso da tutti gli altri sostenendo di mettere al primo posto le persone che non i puri interessi di mercato? chi paga come al solito è la società con la perdita nel territorio di 150 posti senza contare l’indotto altre 300 o forse più.di questo passo diventeremo una provincia depressa ( dalmine,same,frattini,e la prossima?)

  3. Scritto da epifanio

    E la Cgil non dice niente? Ah già, dimenticavamo: ci sono fabbriche amiche e altre invece….

  4. Scritto da roberto fugazzi

    Occorre al più presto fare uno SCIOPERO GENERALE PROVINCIALE,che unisca le lotte delle fabbriche in crisi,che chieda a voce alta il BLOCCO IMMEDIATO DEI LICENZIAMENTI!
    Facciamo della difesa di tutti i posti di lavoro il tema centrale da affrontare in questo momento!
    BLOCCHIAMO BERGAMO E PROVINCIA PER UN GIORNO INTERO!
    ogni posto perso è perso per sempre! LAVORATORI SU’ LA TESTA!