BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Si diffondono segnali positivi

Il presidente di Unioncamere Lombardia Franco Bettoni commenta con un certo ottimismo i dati della congiuntura del terzo trimestre.

Più informazioni su

Il presidente di Unioncamere Lombardia Franco Bettoni commenta con un certo ottimismo i dati della congiuntura del terzo trimestre.
Com’era nelle nostre previsioni dello scorso trimestre, la variazione congiunturale della produzione è stata ancora negativa (-0,5%), ma in misura inferiore al previsto e su livelli meno negativi dei due trimestri precedenti (-1,7% e -4,4%) Anche la variazione annua conferma una positiva inversione di tendenza (pur restando al livello critico del -10,5%) e l’avvio di una lenta risalita dal punto di minima toccato nei mesi scorsi.
Si diffondono i segnali positivi o inversioni di tendenza rispetto a trend decrescenti: si confermano positivi gli ordini dall’estero e smettono di cadere quelli dall’interno; si attenua il saldo negativo dell’occupazione e le ore di Cassa Integrazione utilizzate dalle aziende del campione sono diminuite (dal 7,7% del monte ore al 4,8%); le aspettative degli imprenditori sono in ripresa, con quelle relative alla domanda estera rientrate in zona positiva.L’insieme dei vari indicatori coincidenti punta verso un miglioramento che consente di prevedere un valore positivo per la produzione industriale nell’ultimo trimestre del 2009 (dopo sei trimestri caratterizzati dal segno negativo). In sostanza è confermato l’arresto della caduta: l’industria lombarda va verso una lenta risalita dei livelli produttivi. Sul versante delle costruzioni, del commercio e dei servizi si conferma il progressivo deterioramento dei fatturati a partire da fine 2008, ma su livelli nell’ordine del -5%, decisamente inferiori a quelli del manifatturiero ed in linea con il previsto decremento del PIL lombardo (-4,5% stimato per l’intero 2009). Fra i servizi si verificano risultati meno negativi per informatica e telecomunicazioni e per i servizi alla persona, che registrano anche un leggero incremento dell’occupazione. Costruzioni, commercio e servizi confermano nel complesso una domanda interna ancora contratta e che fatica a generare stimoli positivi sul versante della produzione. In sintesi, gli ultimi mesi del 2009 si preannunciano come momento di svolta e di ritorno a positivi tassi di crescita della produzione, sia pure su livelli ancora lontani da quelli registrati fino a metà 2008. L’intensità della svolta positiva è fortemente correlata alla ripresa della domanda mondiale, ma anche a quella di una domanda interna che nel medio e lungo periodo sarà determinante nel favorire o meno un significativo processo di ripresa.”

 

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.