BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Imprese: dopo un anno mezzo Bergamo prepara il segno pi??

Si intensificano i segnali di una lenta risalita dal fondo della crisi. Ma il numero degli addetti industriali si contrae ancora.

Si dovrà probabilmente attendere ancora un trimestre per vedere rispuntare un segno positivo che interrompa la lunga e profonda caduta del ciclo della produzione industriale bergamasca. Di certo c’è che, tra giugno e settembre, la curva discendente si è appiattita, con un calo (-0,7 per cento) sul secondo trimestre del 2009, in netta attenuazione rispetto ai 5 trimestri precedenti. La produzione resta distante 11 punti dal livello raggiunto nello stesso periodo dell’anno scorso. L’indice provinciale è a quota 91,7, oltre otto punti sotto il livello medio dell’anno 2000 e più di quindici rispetto ai valori massimi toccati nel corso del 2007. Nell’artigianato manifatturiero le variazioni grezze sono ancora negative e a Bergamo più accentuate che nelle restanti province della Lombardia.
La situazione di crisi è ancora largamente diffusa ai diversi settori e alle tipologie d’impresa. Tre imprese industriali su quattro, una quota inalterata da tre trimestri, sono ancora distanti oltre 5 punti dai livelli produttivi dei dodici mesi precedenti e il calo produttivo non risparmia alcun comparto merceologico dell’industria provinciale.
E tuttavia i segnali di una lenta risalita dal fondo della crisi si intensificano e si allineano con coerenza: è in corso un progressivo aggiustamento del livello delle scorte, gli ordini, soprattutto dal mercato estero, sono in crescita, i prezzi dei prodotti finiti hanno smesso di scendere nell’industria e le aspettative delle imprese per l’ultimo trimestre dell’anno sono in netto miglioramento per quanto riguarda produzione e domanda.
Le incognite maggiori riguardano l’occupazione, non solo perché il mercato del lavoro reagisce con ritardo agli impulsi provenienti dalla produzione, ma anche perché l’intensità e la sostenibilità della ripresa sono soggette all’evoluzione ancora incerta di molte variabili: dal tasso di cambio dell’euro sul dollaro al grado di propagazione degli impulsi provenienti dalla domanda internazionale, dal riavviarsi di un ciclo degli investimenti ai tempi di riapertura dei canali del credito alle imprese.
Il numero degli addetti delle imprese industriali si contrae ancora, per il sesto trimestre consecutivo, nonostante il ricorso alla Cassa Integrazione si mantenga elevato e, a Bergamo, in aumento.
Le aspettative delle imprese per l’occupazione restano negative e non sarà certo l’ultimo trimestre dell’anno, nel quale cessazioni o mancati rinnovi di contratto prevalgono tipicamente sulle assunzioni, ad invertire la tendenza a un ridimensionamento dei livelli occupazionali.
LA CONGIUNTURA DELL’INDUSTRIA nel 3° trimestre 2009
L’Indagine regionale sull’industria è realizzata da Unioncamere, Confindustria e Regione Lombardia. Nella rilevazione del terzo trimestre 2009 sono state intervistate, nelle prime settimane di ottobre 2009, 1.474 aziende industriali lombarde (con almeno 10 addetti). In provincia di Bergamo hanno risposto 221 aziende industriali (111 per cento del campione teorico).
La produzione industriale in provincia di Bergamo è ancora lontana dai livelli di un anno fa. Nel III trimestre 2009 la variazione corretta per i giorni lavorativi è del -11 %, a seguito del -11,9 in ciascuno dei due primi trimestri del 2009). L’indice destagionalizzato della produzione (base anno 2000 = 100) scende a quota 91,7 con una variazione trimestrale del -0,7%, in recupero dopo le marcate contrazioni degli ultimi due trimestri (-4,1% nel I trimestre 2009, -2% nel II trimestre 2009)
Le industrie di minor dimensione segnano risultati leggermente peggiori rispetto alle grandi. La variazione grezza della produzione su base annua è di -11,8 nelle medie imprese (tra 50 e 200 addetti), di -11,1 nelle piccole, sotto i 50 addetti e di -9,7 nelle grandi.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da andrea

    pronti x la batosta…. la cassa integrazione sta x finire
    come dimostra “tenaris”