BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il problema è stato solo spostato”

Le rotte sono nuove, ma sul tavolo restano i vecchi problemi. Il comitato aeroporto fa il punto della situazione.

Più informazioni su

Il comitato aeroporto prende posizione sulla questione delle nuove rotte, tornando a puntare il dito verso vecchi problemi:

Come era facile prevedere lo spostamento delle rotte, effettuato al solo fine di evitare il sorvolo del nuovo Ospedale, nonostante i grandi proclami sulla “riduzione del disagio per il rumore” (sic) ha solo spostato il problema alleggerendolo per alcuni Comuni e i quartieri ad ovest ma PENALIZZANDO FORTEMENTE i quartieri e i Comuni a  sud e sud ovest.
L’aeroporto di Orio al Serio continua ad incrementare il numero di voli in decollo sopra la città. MA AUMENTANO ANCHE: il rumore, l’inquinamento, e il rischio di catastrofe.
• Non vengono rispettate le prescrizioni di legge gli indirizzi forniti dal Prefetto
• Non vengono rispettate le rotte e le procedure di decollo e i limiti di orario
• SACBO rifiuta di fornire i dati completi sul rumore
Continua l’incremento dei voli sull’aeroporto  (+ 8% nell’ultimo anno) con un incremento dei passeggeri del 16% (usano aerei più grandi e più rumorosi), mentre tutti gli altri aeroporti sono in forte e costante diminuzione (Montichiari  -32%).
AUMENTA IL RUMORE – Nel luglio 2009 il valore medio ha superato i 65 Lva (più del doppio del 2007) e il triplo del limite previsto dalle Prescrizioni Ministeriali
La maggior parte dei voli avviene nella prima mattina e in tarda serata e nei fine settimana, rendendo insostenibile la situazione.
Le recenti e numerose notizie che si leggono sui giornali di nuovi accordi con nuove compagnie hanno accresciuto enormemente le preoccupazioni dei cittadini che chiedono con sempre maggior insistenza di intervenire a salvaguarda della loro salute.
CHIEDIAMO  AL COMUNE DI BERGAMO  E ALLA PROVINCIA  (che sono anche azionisti SACBO) QUALI INTERVENTI INTENDANO ATTUARE PER:
• Dare una risposta concreta e tempestiva alle richieste avanzate da anni dalle Circoscrizioni e dai comuni limitrofi  per garantire la piena compatibilità dell’aeroporto con le aree urbanizzate preesistenti (Interdizione dei voli notturni, testata preferenziale di decollo verso est, limite di sviluppo tassativo )
• garantire il rigoroso rispetto della normativa internazionale e nazionale, delle prescrizioni ministeriali, e gli indirizzi forniti dal Prefetto
• fornire in modo chiaro e dettagliato tutti i dati relativi al rumore e agli inquinanti, che devono essere resi pubblici in modo chiaro, trasparente e tempestivo
• NON SI POSSA PROCEDERE AD ULTERIORI SVILUPPI DELL’AEROPORTO fino a quando non siano state definite le curve isofoniche sulla base di dati reali ed aggiornati e realizzato e verificato il Piano di Rischio. Riteniamo un gravissimo errore da parte del Comune di Bergamo aver approvato la Compatibilità Urbanistica dell’Aeroporto senza che siano state ottemperate le prescrizioni ministeriali e di legge.
• Che venga bloccato ogni intervento di nuova edificazione e consistente modifica urbanistica fino a quando non siano definiti ed aggiornati i Dintorni Aeroportuali con i relativi vincoli.
"Vogliamo ricordare al sindaco che è responsabile della salute e della sicurezza dei cittadini e che questo aeroporto ha ormai raggiunto dimensioni tali da essere assolutamente incompatibile con la vivibilità die quartieri sorvolati. E’ ora di dire basta allo sviluppo incontrollato e illegale di questo aeroporto, a chi fa soldi sulla pelle delle persone".

Il comitato aeroporto

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ale

    All’assessore Bandera e al signor Sindaco di Bergamo dott. Tentorio suggerisco: invece che generosamente indire un bando per dotare gli appartamenti di Colognola di doppi vetri badate di piu’ al risparmio, indite un bando per dotare la cittadinanza di tappi per le orecchie…costano meno e fanno lo stesso servizio. A dimenticavo… il problema aria e’ gia’ risolto… gli euro 2 diesel dei poveracci non inquineranno piu’…

  2. Scritto da G.RAMPOLDI

    Temo che per Orio siano scattate in sincrono forze organizzate per
    indebolirlo a vantaggio degli qltri aeroporti lombardi:
    Abito nel quartiere di Boccaleone e volo da Orio con buona frequenza
    e penso SACBO sia un ottimo esempio delle capacità gestionali bergamasche. I dipendenti SACBO credo che non vengano da chissa dove mache siano in gran parte bergamaschi.
    GIANFRANCO.

  3. Scritto da ferruccio

    cosa c’è di strano a chiedere di rispettare la legge in merito agli orari
    di volo? forse è strano in un paese dove l’illegalità è diffusa, accettata
    e non perseguita. Non è possibile organizzare una campagna di pressione nei confronti del sindaco, attraverso e-mail ?

  4. Scritto da Treviolo

    I soci, almeno quelli pubblici, devono rendersi conto che il benessere della gente non si misura solo in termini finanziari. Occorre prendere atto che orio è dislocato troppo vicino ai centri abitati per poter crescere oltre misura. Il numero massimo di voli (68.000) è oggettivamente eccessivo, pertanto se vogliamo risolvere il problema di Colognola e d’intorni occorre limitare i voli notturni e far decollare gli aerei anche verso est.

  5. Scritto da damiano

    ineccebili osservazioni..certo, se si continua a voler “buttare” tutto ad est sarà impossibile fare fronte comune, opporsi tutti insieme a questo “trionfo permanente dell’illegalità”…da venti anni sempre lo stesso errore,spostare su altri i problemi: mors tua vita mea…e i signori della sacbo si ingrassano fregandosi le mani…ci stanno “gasando vivi”, e noi li votiamo e applaudiamo…ke tristezza…

  6. Scritto da gigi

    N1 inveci di fare il finto salvatore della patria, cerca di proporre nuove iniziativie cercando, nel contempo di capire l’importanza dell’aeroporto per Bergamo!

  7. Scritto da lillo

    orio da lavoro a 18 mila persone……..negli ultimi tempi molti turisti vengono in citta’ dunque soldi lavoro turismo……….e’ una delle poche cose di bergamo che funzionano…….nn si tocca

  8. Scritto da bergamasco

    ho capito che dà lavoro a 18 mila persone, questo non si discute,, ma quante altre devono subire i disagi provocati dai decolli o atterraggi per il solo guadagno di pochi che di sicuro non abitano sulle erotte

  9. Scritto da damiano

    non è che voglio fare il salvatore della patria, dico quello che vedo sopra la mia testa…capire l’importanza?faccio l’albergatore, lo so bene!ma orio fa soldi a palate perchè qui le regole non sono rispettate da nessuno, le compagnia fanno e disfano, i piloti scelgono le rotte come gli pare, gli orari non esistono…non è mercato questo, è anarchia…sai quante aziende chimiche si sono difese per anni dicendo “ma noi diamo lavoro, noi facciamo utili…”?chiedilo ai morti di tumore…

  10. Scritto da si stava meglio prima?

    Secondo Bandera solo in citta’ almeno 10mila abitanti sentirebbero meno rumore rispetto prima o sbaglio?
    A proposito, Bandera e ol sindec non dovevano farsi dare da SACBO e rendere pubblici i dati di dettaglio sul rumore reale dei decolli aerei?
    Quelli dati la scorsa settimana erano generali (la media del pollo, Gigi) e con una approssimazione di 5decibel (ammazza che precisione!)