BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Capello: “In Italia comandano gli ultras”

"In Italia comandano gli ultras, fanno ci?? che vogliono". Sono le parole di Fabio Capello, ct dell'Inghilterra, intervenuto a Coverciano al seminario "Il calcio e chi lo raccont?? organizzato dall'Ussi.

Più informazioni su

"In Italia comandano gli ultras, fanno ciò che vogliono". Sono le parole di Fabio Capello, ct dell’Inghilterra, intervenuto a Coverciano al seminario "Il calcio e chi lo raccontà organizzato dall’Ussi. "In Spagna si vive il calcio con grande rispetto, le famiglie possono andare allo stadio portando i bambini. È un altro mondo", dice Capello facendo riferimento anche ad un’esperienza vissuta in prima persona: "Quando allenavo il Real Madrid, uno spettatore mi tirò una palla di carta. Fu subito individuato e allontanato. In Inghilterra – aggiunge – la gente ha voglia di andare allo stadio. Gli spalti sono pieni e non succede nulla di strano". In Italia, dice Capello, la situazione è nettamente diversa e «il declino sarà ancora evidente. Basterebbe applicare le leggi e farle rispettare. Certe cose che dovrebbero essere vietate continuano ad essere fatte. Qui da noi ci sono leggi che non vengono applicate. Per colpa degli ultras vengono penalizzati gli altri tifosi ed è bruttissimo vedere che i bambini negli stadi sono sempre meno", prosegue Capello. "Per raddrizzare la situazione bisogna avere il coraggio di applicare le leggi. All’estero vengono ammirati i risultati dell’Italia, che è campione del mondo. Inghilterra, Spagna e Germania però hanno gli stadi pieni. Noi, invece, no. Per questo bisogna capire che c’è una malattia e bisogna trovare la cura giusta per risolvere il problema", aggiunge Capello.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.