BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scultura del Manzù sui francobolli delle Poste

Una scultura dell'artista bergamasco e dipinti di altri due artisti sono i soggetti di una serie di francobolli dedicati ai “maestri italiani del "Novecento” che le Poste emetteranno il 30 ottobre.

Più informazioni su

Una scultura del bergamasco Giacomo Manzù e due dipinti di Gino Severini e Federico De Pistoris sono i soggetti scelti per una serie di tre francobolli dedicati ai “maestri italiani del novecento” che le Poste Italiane emetteranno il 30 ottobre prossimo. Il francobollo dedicato a Manzù avrà un valore di 0,60 euro e mostra un particolare della scultura in marmo intitolata “Guantanamerà”, realizzata nel 1970. Giacomo Manzù (pseudonimo di Giacomo Manzoni) nacque a Bergamo nel 1908; scultore legato al recupero delle grandi tradizioni italiane e mosso da una forte ispirazione religiosa e civile, ebbe grandi riconoscimenti anche a livello internazionale; morì nel 1991.
Più direttamente legati alle correnti dell’avanguardia artistica europea e all’esperienza futurista i due pittori. Gino Severini nacque a Cortona nel 1883; firmatario del primo manifesto della pittura futurista, si traferì nel 1906 a Parigi dove fu in contatto con artisti come Picasso e Modigliani; è morto nella capitale francese nel 1966. Il francobollo mostra il quadro ‘Danza dell’Orsò, realizzato nel 1912. Infine, un francobollo da 0,85 euro riproduce il quadro ‘Donna e Ambientè dipinto da Federico De Pistoris nel 1924. Federico Pfister (di origini svizzere), che latinizzo il proprio cognome in De Pistoris, nacque a Napoli nel 1898. Artista ma anche archeologo e filosofo, aderì al futurismo. È morto a Roma nel 1975. Gli annulli speciali primo giorno di emissione saranno apposti nelle città natali dei tre artisti: Bergamo, Cortona e Napoli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.