BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Un milione di piccole imprese a rischio chiusura”

Lo ha detto Giuseppe Morandini, presidente della Piccola industria di Confindustria, in occasione dell'XI Forum a Mantova.

Più informazioni su

Oltre un milione di piccole imprese rischiano di chiudere nei prossimi sei mesi. L’allarme lo ha lanciato Giuseppe Morandini, presidente della Piccola industria di Confindustria, in occasione dell’XI Forum a Mantova, a cui partecipano anche due bergamaschi, il presidente dell’Ucimu Giancarlo Losma e il presidente di Confindustria Lombardia Alberto Barcella (sabato protagonista di una tavola rotonda). «Non ci sono ordini. Viviamo in una situazione di straordinaria difficoltà», ha aggiunto Morandini, per il quale la ripresa non è chiaro «quando ci sarà e sarà lontana» verso i mercati di Cina, India e Brasile. «Fa piacere sentire ripetere che la piccola impresa è la colonna portante del Paese, la spina dorsale dell’Italia, il patrimonio che nessun altro al mondo ha. Ora però vogliamo i fatti».
Con l’Università di Perugia, ha spiegato Morandini, «abbiamo fatto una rapida indagine sui bilanci di alcune aziende del nostro manifatturiero tradizionale. Dal campione è emerso che un terzo delle imprese sta andando bene, un terzo è in mezzo al guado, un terzo sta soffrendo».
Per Morandini, l’idea di ridurre l’Irap fino ad abolirla, lanciata giovedì da Berlusconi da Mosca, «va bene, ma voglio prima vedere il cammello. Cioè prima voglio vedere se l’annuncio diventa una decisione concreta che incide sui nostri bilanci». Ha poi aggiunto Morandini: «Non possiamo più accettare da imprenditori di vivere in un Paese che quando c’è da crescere, cresce meno degli altri e quando si cala, cala più degli altri. Vogliamo un Paese protagonista, che non speri solo sull’effetto traino di altre economie, ma ci metta del proprio investendo risorse sulla ripresa».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Anna

    Ma la crisi secondo il Nano non c’era? E secondo il governo non era finita? E secondo la CdL bo era salutare e faceva selezione (darviniana)?
    Speriamo che la gente si convinca a cacciare questi personaggi