BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Savino Pezzotta interroga il Governo

Dal parlamentare bergamasco un'interrogazione alla commissione attivit?? produttive a cui ha risposto il sottosegretario Saglia in rappresentanza del ministro Scajola.

Più informazioni su

Savino Pezzotta, parlamentare bergamasco dell’Udc, ha presentato un’interrogazione alla commissione attività produttive della Camera sul caso Tenaris. All’interrogazione ha risposto il sottosegretario Stefano Saglia in rappresentanza del ministro Scajola.
L’on. Pezzotta ha illustrato i contenuti della sua interrogazione ricordando che il piano industriale prevederebbe in sintesi la chiusura dello stabilimento di Piombino, un forte ridimensionamento delle attività produttive di Costa Volpino, un graduale disimpegno delle attività dello stabilimento Fapi di Dalmine, una pesante riorganizzazione sulle aree a caldo e freddo di FTM (Fabbrica Tubi Medì) di Dalmine, nonché una pesante razionalizzazione e riorganizzazione degli organici per tutti gli altri siti produttivi, servizi e strutture impiegatizie che determinerebbe una riduzione complessiva si 1024 unità lavorative sulle attuali 2814.
Detto questo ha chiesto al Governo quali iniziative intenda adottare, a partire da un tavolo nazionale di confronto con il Gruppo Tenaris Dalmine e le rappresentanze sindacali per far modificare alla direzione aziendale l’attuale impostazione riorganizzativa e prevedere un piano con meno oneri sociali.
All’interrogazione il Sottosegretario ha risposto:
Per quanto riguarda la concorrenza estera, e in particolare cinese, e al connesso rischio di dumping, il Consiglio dell’UE, ha recentemente (24 settembre) approvato l’introduzione di dazi antidumping sulle importazioni di alcune tipologie di tubi senza saldatura, in ferro o acciaio, dalla Cina. Tali dazi possono innalzare il prezzo del prodotto d’importazione dal 17,7 fino al 39,2% del costo finale. Tale misura avrà la durata di cinque anni.  Tale decisione deriva dai costanti sforzi e dalle pressioni esercitate sulla Commissione Europea e sugli altri Stati Membri, da parte del Governo italiano.
La Commissione si è, inoltre, impegnata a monitorare attentamente le condizioni del mercato, al fine di rivedere i dazi, se le condizioni economiche e giuridiche dovessero consentirlo, anche al rialzo. Tale misura è stata positivamente accolta, sia dalle associazioni imprenditoriali di settore, che dai maggiori colossi europei della siderurgia, compreso il Gruppo Tenaris Dalmine di Bergamo, che è tra i maggiori beneficiari di tali misure.
Per quanto riguarda, invece, il rischio occupazionale, l’Azienda Tenaris Dalmine la vertenza è monitorata dal Ministero dello Sviluppo Economico, in coordinamento con la Regione Lombardia, la quale ha attivato, con l’accordo dell’azienda e dei rappresentanti di Confindustria, un percorso finalizzato a chiudere la trattativa, con un numero di esuberi minore di quello annunciato.
Anche questa settimana si terranno incontri a livello locale, che il competente Ufficio sta seguendo con attenzione, rendendosi disponibile alla convocazione delle parti. A tal fine è stata già calendarizzata una riunione per il giorno 28 ottobre.

L’On. Pezzotta nel valutare con interesse l’azione svolta nei confronti dell’Unione Europea e la validità delle misure antidumping che sono state prospettate, rilevato che la Tenaris Dalmine sarà la maggior beneficiaria di questi provvedimenti, ha invitato il Governo a premere sull’azienda per una modifica sostanziale del piano e a chiedere che la stessa si impegni su settori innovativi diversi da quelli propri.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da LUCA V.

    Ben fatto Savino!!!!