BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Minore maltrattato, l’educatrice in lacrime

La 29enne accusata di aver malmenato il bimbo disabile di 9 anni è stata interrogata dal gip: nel rivedersi nelle immagini riprese dalla telecamera è scoppiata a piangere. Rimane ai domiciliari.

Più informazioni su

Quando ha rivisto quelle maledette immagini, che la ritraevano mentre infieriva sul piccolo di 9 anni che le era stato affidato, impossibilitato a parlare e a muoversi per una grave malattia, non è riuscita a trattenere le lacrime. "Queste cose non si fanno…" avrebbe mormorato piangendo l’educatrice di Almenno San Salvatore, da sabato scorso agli arresti domiciliari per la brutta vicenda che l’ha vista protagonista. Interrogata dal gip Giovanni Petillo per circa un’ora in una stanza del tribunale di via Borfuro, alla presenza del suo avvocato Emilio Gueli e del pm Giancarlo Mancusi, la 29enne si è mostrata profondamente scossa e pentita per ciò che ha fatto a un minore indifeso.
Nel rivedersi mentre maltrattava il povero bambino in quei fotogrammi della telecamera di sorveglianza, lasciata per sbaglio accesa dai genitori durante la loro assenza, la ragazza si è detta molto dispiaciuta per i suoi atti contro il minore che le era stato affidato dal Comune tramite la cooperativa per cui lavorava. "Era molto provata e mortificata" ha rivelato il suo avvocato Emilio Gueli, che ora studia la difficile strategia di difesa: "Stiamo verificando alcune situazioni" si limita a dire il legale. La ragazza ha preso coscienza della gravità dei fatti che le vengono contestati, mentre restano ancora da capire i motivi che l’hanno spinta a tenere un tale atteggiamento.
La 29enne era finita agli arresti domiciliari sabato scorso nella sua abitazione di Almenno San Salvatore, dopo che i carabinieri di Zogno gli avevano notificato l’ordinanza di custodia cautelare. Misura che è stata confermata dopo l’interrogatorio di garanzia.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.