BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Grossi in carcere, collaboratori da liberare”

Iniziato a Milano il processo a carico dei due ex finanzieri collaboratori dell'imprenditore arrestato martedì. "L'attività illecita di cui sono accusati era a favore di Grossi, che ora è in carcere. Non c'è rischio di reiterare il reato".

Mentre l’imprenditore Giuseppe Grossi è in carcere, si è aperto il processo a carico di Paolo Pasqualetti e Giuseppe Anastasi, i due ex finanzieri arrestati lo scorso febbraio nell’ambito dell’ inchiesta della Procura di Milano su presunte irregolarità nella bonifica dell’area Montecity-Santa Giulia, che hanno portato martedì all’arresto del titolare della Green Holding.
I difensori hanno chiesto la scarcerazione dei due imputati, richiesta cui il pm Laura Pedio si è riservata di dare un parere che depositerà nei prossimi giorni in cancelleria. Inoltre questa mattina in aula sono state ammesse le prove richieste dai difensori dei due imputati. Il processo è stato così rinviato al prossimo 29 ottobre quando il pm citerà i suoi testi, tra cui figura proprio Grossi. Nell’istanza di libertà, i difensori hanno sostenuto che sono venute meno le esigenze cautelari per i loro assistiti, in carcere ormai da nove mesi perché «l’ attività illecita di cui sono stati accusati – hanno detto in aula i legali – risulta a favore di Giuseppe Grossi, l’ imprenditore che, come avete letto su tutti i giornali oggi, è stato arrestato. Non si capisce come ci possa essere attività reiterativa». Il rischio di ripetere il reato, insomma, è scomparso.
Intanto Luigi Zunino, fondatore di Risanamento, preso atto delle notizie apparse sulla stampa relative all’inchiesta Montecity, ha precisato all’Ansa di «non aver alcuna relazione diretta o indiretta con disponibilità illecite in Italia o all’estero». In particolare, l’immobiliarista «esclude radicalmente di aver mai sottratto somme a società del gruppo».
Nell’indagine su Santa Giulia sono spuntati – come emerso dall’ordinanza – accertamenti sui rapporti tra l’imprenditore Giuseppe Grossi e Zunino. Quest’ultimo risulta indagato per appropriazione indebita. L’immobiliarista secondo l’accusa sarebbe stato «beneficiario» di un conto svizzero sul quale sarebbero affluiti «almeno un milione di euro» sottratti proprio al gruppo Risanamento di cui Zunino era presidente nell’ambito dei «lavori di bonifica e demolizione nell’ex area Falck di Sesto San Giovanni», l’altra grande area, insieme a Santa Giulia, di proprietà del gruppo immobiliare.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giorgio Comi

    Ma che bravi questi ciellini…Grossi, Abelli (con la moglie Rosanna Gariboldi in galera x gli stessi reati di Grossi) ras del PdL in Porsche e jet privato pagati da Grossi. Sempre pronti a sparare sugli ambientalisti rei di ostacolare il progresso(Abelli è il sostenitore acceso dell’autostrada delle risaie Mortara-Pavia utilissima secondo lui..) Tant’è loro son sempre i migliori, benedetti dall’Opus Dei di don Verzè e militanti della Compagnia delle Opere per il conforto dei benpensanti.

  2. Scritto da Lombardia in affari

    Se queste sono prove di federalismo, se cioè queste sono le mani lombarde che dovrebbero accoglierci una volta abbandonata Roma, stiamo freschi!

  3. Scritto da Susy

    Il quesito della Susy: secondo voi, un personaggio spregiudicato come il Grossi si sarà mai posto dei problemi per quello che passa dall’inceneritore di Dalmine? La risposta sul prossimo numero in edicola.

  4. Scritto da pm

    Certo che, su quell’altro giornale cittadino, questo arresto non riceve molta pubblicità, eh? :-)

  5. Scritto da I GRANDI ARCHITETTI CATTOLICI

    caro pm, “quell’altro giornale cittadino” rappresenta non solo il potere mediatico (hanno anche la tv), ma il potere economico e politico della provincia bergamasca, in lotta con altri potentati. CL, Compagnia delle Opere e la Curia, sono ben rappresentati da “quell’altro giornale cittadino”, che tutti conosciamo e chiamiamo “il bugiardino”. E’ chiaro che non danno pubblicità alle vicende che interessano direttamente la loro Ditta o Loggia. Mica sono schemi, sono Grandi ARCHITETTI CATTOLICI!!