BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sarnico piange don Gianni Bellini

Sarnico piange don Gianni Bellini, morto ieri all’età di 88 anni all’ospedale di Sarnico dove era ricoverato da qualche giorno.

Più informazioni su

Sarnico piange don Gianni Bellini, morto ieri, lunedì 19 ottobre, all’età di 88 anni all’ospedale di Sarnico dove era ricoverato da qualche giorno. La salma è composta nella pinacoteca in Contrada, nel centro storico di Sarnico, dove oggi alle 17 si terrà una veglia di preghiera.
Don Gianni, nato a Sarnico dove ha continuato a vivere dalla metà degli anni Ottanta, è stato un importante punto di riferimento per Sarnico e il basso Sebino , anche per la sua passione per l’arte e la cultura: al Comune di Sarnico donò ben 150 opere – dipinti risalenti all’epoca tra il 1500 e il 1700 – che lui aveva raccolto nella sua vita. In cambio, come riconoscimento e gratitudine l’amministrazione comunale restaurò il cinquecentesco Palazzo Gervasoni per dare vita al Museo Civico di arte antica, chiamata Pinacoteca don Gianni Bellini. Una passione, quella dell’arte, che trasmetteva ai cittadini di Sarnico anche attraverso le pagine del Giornale parrocchiale “Il Porto”, che l’ha visto impegnato fino a qualche mese fa.
Don Gianni Bellini fu ordinato sacerdote nel 1946. Prima come coadiutore parrocchiale a san Pellegrino (dal 1951 al 1957) e poi a Fiorano al Serio (dal 1957 al 1968). Dal ’68 all’86 è stato parroco a Cassinone di Seriate.
Domani verranno celebrati i funerali. Alle 14.30 il corteo funebre partirà dalla Pinacoteca, dove è allestita la camera ardente, per la chiesa nuova di Sarnico. La messa sarà celebrata dal vescovo Francesco Beschi, da Monsignor Bruno Foresti, vescovo emerito di Brescia, dal parroco don Luciano Ravasio e da monsignor Gianni Zerbini, vescovo di Paranà in Brasile.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.