BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Quelle foto su Oggi: dicevano già tutto” fotogallery

Pino Belleri, accusato di "interferenza nella sfera privata" del presidente del Consiglio, per alcuni scatti del 2007. "Quelle immagini parlano da sole. Non credo, però, che la libertà di stampa sia in pericolo"

Direi che il caso finito sui giornali e in generale sui media negli ultimi mesi era già tutto in quelle foto che pubblicai nella primavera 2007”: Giuseppe Belleri, bergamasco fino a poco tempo fa direttore di Oggi, è in tribunale a Bergamo per il processo che lo vede imputato per ricettazione e interferenza nella sfera privata di Silvio Berlusconi. Il 17 aprile 2007 pubblicò alcune foto (guarda la galleria) dell’allora capo dell’opposizione che teneva in braccio almeno un paio di fanciulle a Villa Certosa.
“Non voglio primogeniture – commenta Belleri fuori dall’aula di tribunale prima che inizi l’udienza di smistamento -. Dico solo che buona parte degli scandali recenti, sui quali tanti giornali stanno insistendo, era già in quelle foto. Ricordo bene che Berlusconi e Bonaiuti dissero che quelle foto ritraevano semplicemente un raduno di Forza Italia. Naturalmente ho lasciato che fossero i lettori a giudicare: se quelle foto al mare, con mani che si infilavano da tutte le parti, erano le immagini di un raduno politico, allora tutto è possibile. E’ davvero strano che di fronte all’evidenza di certe foto si facciano affermazioni di quel tipo”.
Un bergamasco alla guida di Oggi, in un certo senso precursore del lungo e sfaccettato caso dei “costumi” dell’attuale presidente del Consiglio. L’udienza di smistamento in tribunale a Bergamo è stata annunciata il giorno stesso (20 ottobre) da “Repubblica”. “Comprai quelle foto nel mio ufficio di direttore a Milano – prosegue Belleri -. Non furono pagate uno sproposito, comunque un prezzo congruo dato che non ritraevano proprio una persona qualsiasi. C’era già allora, comunque, la sensazione che si trattava di fotografie pesanti. Nessuno è in grado di programmare o prevedere il proprio o il destino altrui. Ma è chiaro che pubblicando certe foto sapevamo a cosa andavamo incontro, tanto che presentammo le immagini come “quelle di cui si parlerà per anni” “.
Di anni ne sono passati più di due e, anche se non su quelle foto specifiche che sono state sequestrate, di certi “costumi” e di certe abitudini a Villa Certosa si parla in continuazione. “Non ho pubblicato inchieste scritte, indiscrezioni o parlato di presunti atteggiamenti. Ho pubblicato delle foto e mi ritrovo accusato di indebita interferenza nella vita privata di Silvio Berlusconi. Ma qui torna al pettine un nodo che il giornalismo non ha ancora sciolto: la privacy di un Silvio Berlusconi vale quanto la mia o quella di pinco pallino? Vanno tutte difese allo stesso modo?”.
Nonostante sia in tribunale, sul banco degli imputati, Belleri conclude così, rivolgendosi anche ad una giornalista di Radio Capital (gruppo Repubblica-L’Espresso): “Non credo comunque che si possa parlare di attacchi o violazioni della libertà di stampa in questo paese. Basti dire che la stessa Repubblica sta pubblicando quel che meglio crede da mesi”.
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mario59

    Infatti orazio.. credo che non essere d’accordo sul fatto che un presidente del consiglio cerchi di cambiare le regole e la legge, a uso e a suo vantaggio.. visto che sono cittadino Italiano.. siano anche cavoli miei, poi se nelle sue lussuose ville si attornia di veline o quant’altro.. non mi interessa.. di sicuro per questo motivo non si autosospende..e probabilmente per nessun motivo lo farà mai.

  2. Scritto da orazio

    per Belleri e tutti gli altri cui rode dentro:Il berlusca si può mettere alla berlina ,il Sircana o il D’Alema o il Fassino che dice abbiamo una banca?Scaicquatevi la bocca e incominciate a farvi i cavoli vostri, ,sarebbe anche ora .

  3. Scritto da lele

    eh sì, a chi non piacerebbe essere come lui? ricco, potente, attorniato da ragazze giovani e disponibili.. Quanto deve essere noioso dover fare anche il primo ministro del paese? Quanto tempo buttato via? Ah SIlvio,ma chi te l’ha fatto fare???? Potevi goderti la vita..

  4. Scritto da sep

    Si avete ragione, sono proprio invidioso…
    Sono anche invidioso delle donne e del lusso in cui vivevano Hitler, Stalin, Mussolini, Fidel Castro.
    Anche loro del resto avrebbero potuto ritirarsi a vita privata e scopare come dei ricci… Chissà come mai non l´hanno fattto….
    Hanno sacrificato la loro felicità, poverini, come il nostro nuovo Capo,
    un vero santo…

  5. Scritto da mario59

    Qua si stanno confondendo due cose.. la vita privata di Berlusconi, e la sua affidabilità come uomo di stato.. a me fa pena vedere delle ragazzine così giovani intorno a un vecchio.. ma se non sono minorenni, e non c’è costrinzione.. è un problema loro..quello che invece non accetto, è il fatto di essere governati da un uomo che arriva a far approvare leggi assurde pur di sfuggire alla giustizia Italiana..ma possibile che agli elettori di centrodestra stiano bene certe cose?

  6. Scritto da bergamaschel

    Finalmente, direi, un giornalista con il sale in zucca. Intervistato in tribunale spara su Berlusconi ma allo stesso tempo dice che secondo lui la libertà di stampa non è in pericolo. e finalmente.

  7. Scritto da cuìn

    già la stampa non è in pericolo… per adesso.

  8. Scritto da lele

    GIOCHINO
    Nella foto2 si vede la mano sinistra del premier. Dov’è la mano nella foto3?

  9. Scritto da Vittorio

    Meno male che Silvio c’e’ !!!

  10. Scritto da mario59

    Vedo le foto per la prima volta… qua su bergamonews…. a giudicare dall’espressione del volto delle ragazze … mi par di capire che non stavano divertendosi un granchè… forse nemmeno il viagra può risovere tutti i problemi.

  11. Scritto da luigi

    la mia domanda ora.. certo lasciando stare gli incarichi costituzionali, la moglie, ecc.. ma quelle ragazze li??! in 4 attorno ad un 70enne??! ce ne vuole di pelo!! pultroppo però sia lui che loro sono lo specchio di tante, troppe situazioni in italia :-/

  12. Scritto da pieropaia

    lele, tu dove l’avresti messa?
    Il presidente non può avere amiche zocc
    Come tutti i comuni mortali… tengo a precisare che sono tutte maggiorenni, consenzienti ai invitate a una festa, ed è inutile negarlo
    basta andare in una semplice discoteca all’arrivo del noto della sera ci sono miriade di donzelle pronte ad aprire le gambe per avere una serata diversa… smettetela di fare gli ipocriti…
    Provate a farvi un giro al boba o all’hollywood a milan e vedete…
    basta uno straccio di calciator

  13. Scritto da che bella vita

    Sembrano quelle foto fatte nei manicomi o nei ricoveri 50 anni fa in bianco e nero, il paziente malato di mente, oppure che non sa piu’ dov’è che viene accompagnato dalle infermiere a fare la passeggiata nel giardino dell’istituto.

  14. Scritto da arcierebergamsco

    Il pinetto!!! partito da Bergamo…
    Peccato che il direttore ha speso soldi per delle altre foto pagandole di tasca propria, e tenendole nel cassetto per mesi di un certo sircana che andava a trans…
    Come mai quelle non le ha pubblicate? Quella non era libertà di stampa?
    Peccato che un Bresciano ex collega suo gli ha rovinato tutto e le ha messe sul suo giornale cosi si è trovato in braghe di tela e non fa più il direttore..

  15. Scritto da escort turbo

    e proprio vero …l’italia sta andando a putt***

  16. Scritto da sep

    Per Mario59,
    sono d´accordo con te. Sono delle povere ragazze e tutta la storia è incredibilmente triste, squallida e desolante. Come lo sono certi harem o certe ragazzine mediorientali vendute o regalate a dei potenti vecchioni …
    Ma, mi domando, se il papa o il presidente della repubblica facessero una cosa simile, in Italia qualcuno si scandalizzerebbe, o direbbero ancora tutti, che è solo privacy, invidia, ecc. ecc.?

  17. Scritto da Giuseppe

    Vi rode che le mani non siano le vostre, eh!!!!!!

  18. Scritto da Beato lui

    Siamo realisti: noi e gli antiberlusconiani possiamo permetterci solo di guardarle mentre lui…… Quanta invidia in questi commenti e negli articoli delle più importanti (cosi pensano loro) testate.

  19. Scritto da mario59

    No Giuseppe
    a me mi rode solo il fatto che quell’uomo non vuole lasciarsi giudicare dalla giustizia Italiana..per queste cose posso dire quello che penso.. ma non mi rode proprio nulla, almeno finchè sta alla larga dalle minorenni..insomma..un po’ di buonsenso anche da parte di uno stramiliardario non guasta..anche se certe dichiarazioni della signora Lario lascerebbero pensare che neanche in quel caso c’è spazio per il buonsenso.
    Se però si fa pescare, altro processo a suo carico da affossare.

  20. Scritto da sep

    Per Beato lui,
    se sei così invidioso, fatti un giro in Ucraina o in Thailandia. Così per quattro soldi vai con ragazze più giovani e belle della D´Addario e magari la smetti di dire che qualcuno qui è invidioso di chi va con le prostitute. Io sono invidioso solo di chi vive in un paese governato da gente seria e per bene.

  21. Scritto da wka

    io mi chiedo ma non sarà meglio come berlusconi piuttosto che come sircana?
    si lo sappiamo tutti berlusconi è il presidente del consiglio sircana era ….. nessuno.
    l invidia è una brutta cosa.