BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sace, il Mosaico protesta ancora: “Il nuovo accordo ?? un tradimento”

"Ci era stato promesso il coinvolgimento nella trattativa con l'operatore privato e una modifica sostanziale del progetto: nulla di tutto questo. L'Amministrazione sta garantendo al privato gli stessi volumi, ?? assurdo"

Più informazioni su

“Sorpresi e delusi”: Francesco Cuni, portavoce dell’associazione Il Mosaico, parla così dei propri associati, dopo aver letto le dichiarazioni dell’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta sull’accordo ormai prossimo con l’operatore privato del Piano integrato di intervento ex Sace. Sul suo blog l’associazione annuncia un incontro con il sindaco Franco Tentorio e lo stesso assessore, “senza nascondere una certa preoccupazione per l’indirizzo che la vicenda sembra avere preso” (l’immagine è un rendering del progetto)
Al Mosaico l’accordo annunciato da Pezzotta (riduzione delle altezze degli immobili, semplificazione del progetto sul Campo Utili ma nessuna riduzione di volumetrie) proprio non piace. E dire che la stessa associazione, fondata tra gli altri dall’attuale segretario cittadino e consigliere comunale della Lega Nord Luisa Pecce, era stata protagonista della lunga protesta contro la precedente Amministrazione di centrosinistra, tanto da fiaccare ogni speranza di consenso del Pii nella zona.
L’Amministrazione è cambiata, in zona Conca Fiorita il centrodestra ha fatto il pieno di voti, ma la situazione non sembra essere cambiata per il Mosaico: “Abbiamo letto le recenti dichiarazioni dell’assessore e non possiamo non ricordare che eravamo rimasti d’accordo in modo ben diverso – dice Francesco Cuni -. A luglio, in un incontro con i nuovi amministratori, ci era stato prospettato un nuovo progetto, ma soprattutto ci era stato detto che saremmo stati coinvolti in ogni successivo passaggio per arrivare all’accordo con l’operatore privato. A sorpresa la stampa ci comunica che l’accordo è praticamente fatto e a questo punto è la sostanza a deluderci”.
Per il Mosaico il nodo non sta tutto nelle altezze delle torri previste dal Pii dell’ex assessore Valter Grossi. “E’ stata annunciata una riduzione delle altezze delle torri rispetto al progetto approvato dalla precedente amministrazione – prosegue Cuni -. E’ stata annunciata una semplificazione per quanto riguarda l’intervento sul Campo Utili. Ma si annuncia anche che le volumetrie resteranno identiche. Bell’accordo…In buona sostanza non cambia nulla: se i volumi si tolgono dalle altezze dovranno pur essere recuperati da un’altra parte. Noi ribadiamo la nostra opinione, con coerenza: la scelta della precedente Amministrazione era assurda e l’accordo annunciato adesso non cambierebbe proprio nulla. Rispetto a quanto previsto dal Piano regolatore il Pii Sace può puntare su 40 mila metri cubi in più, 92 mila invece di 52”.
“Sappiamo benissimo – conclude il portavoce dell’associazione – che la nuova Amministrazione ha di fatto le mani legate, dato che il Pii era stato approvato in via definitiva da quella precedente. Ma proprio per questo avevamo chiesto di poter sedere al tavolo della trattativa, per dare più forza alle richieste del quartiere. Ciò non è stato fatto e oggi ci ritroviamo con una situazione che non cambia nulla. Diremo tutto al sindaco e all’assessore, ai quali abbiamo chiesto un incontro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nico

    http://www.danielebelotti.eu/news.php?id=285
    Perfettamente d’acccordo con Antonio.
    Tranne che per la “Tecce” che in realtà è la Pecce Bamberga.
    Chissà poi se nella convenzione avranno almeno scritto che
    non si applica l’art.12 della L.R. 33/2007… E chissà perchè
    nessuno insiste abbastanza circa il fatto che nella relazione di esclusione VAS si affermava che l’intervento NON avrebbe avuto impatto significativo dal punto di vista del traffico (oltre che da quello ambientale percettivo…)

  2. Scritto da Antonio

    Il Mosaico ha fatto la figura che meritava, dei polli.E ancora ha da ridire?
    Risultato straordinario :
    La Tecce in consiglio.
    Saltarelli senza voti in giunta.
    I volumi immutati ma spalmati al posto del verde.
    Niente standad qualitativi a favore del quartiere= piu soldi lasciati all’imprenditore.
    Chi di demagogia ferisce di demagogia perisce, bei risultati, NASCONDETEVI avrte la credibilità di un ghiacciolo al polo Nord!

  3. Scritto da angi

    Di palazzi alti ma belli ce ne sono ormai dappertutto tranne che a BG. Questa città non può essere un’immenso parco per anziani. Gli spazi sono quelli che sono. Se le costruzioni sono alte ci sarà sicuramente più disponibilità per il verde!!

  4. Scritto da Riccardo

    Prima tutto quello che andava in altezza era a favore del verde con buona pace della vista di Città Alta per quelli di Monterosso e di qualcun altro che sta vicino allo stadio. Adesso sognatevi il verde e beccatevi il cemento di quelli che avete votato!

  5. Scritto da maggioranza silenziosa

    Il progetto con le altezze consente una piazza, una serie di interventi per il quartiere ed un sostanzioso miglioramento delle strutture sportive al campo Utili; ora è solo un’operazione immobiliare senza benefici per il quartiere. Il Mosaioco è stato strumentalizzato solo per fini elettorali e personali.

  6. Scritto da cuìn

    “in zona Conca Fiorita il centrodestra ha fatto il pieno di voti” di polli, a quanto pare.

  7. Scritto da A.P.

    Chi troppo vuole…….Nulla stringe.!.

  8. Scritto da ureidacan

    La soluzione c’è ed è di facile portata e si chiama :delocalizzazione. La legge regionale prevede che i volumi possono essere utilizzati dal privato anche in altra zona della città. Belotti e l’ex presidente del Mosaico Pecce (Lega) lo sanno. Si possono portare i volume della Sace al 50% e consentire al privato di costruire altrove.

  9. Scritto da Vittorio

    Cuin, non hai proprio un c….zo altro da fare, visto che ti esprimi su tutto….. pollo sarà tua sorella.

  10. Scritto da cuìn

    4, al limite gallina. se faccio perdere i nervi a qualcuno vuol dire che centro il bersaglio! wow!

  11. Scritto da cuìn

    adesso vado a commentare “terremoto a piacenza” :D

  12. Scritto da giorgio 57

    CEMENTIFICATORI SPECULATORI IMBROGLIONI
    Questo è quello che Vi meritate Voi , mentre a quelli che vi hanno votato dico che se ci hanno creduto sono stati veramente fessi; se invece era solo una scusa contro Bruni allora dovrebbero vergognarsi.
    Bisogna essere gonzi per non aver ancora capito che lo stato non esiste più, i comuni sono senza soldi ed il pubblico è a disposizione del privato. Questa è l’italia che ha “costruito” la maggioranza degli italiani!!!