BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Per farsi pagare il Consorzio dimostri la sua utilità“

E' la decisione della commissione tributaria regionale in merito al ricorso dell'avvocato di Bergamo Pilade Frattini, che ha nuovamente impugnato una cartella esattoriale dell'ente di bonifica.

Più informazioni su

Il Consorzio di bonifica porta benefici al proprietario di un immobile? Lo deve dimostrare. E’ quanto ha deciso la commissione tributaria regionale di Brescia che ha accolto il ricorso dell’avvocato Pilade Frattini che ha impugnato il pagamento della cartella esattoriale. E’ una vicenda che si trascina da qualche anno quella tra l’avvocato Frattini e l’ente presieduto da Marcello Moro, noto esponente del Pdl bergamasco e assessore comunale.
Già nel 2006 la Commisione aveva definito ingiustificato il pagamento della cartella esattoriale che nel 1998 il Consorzio aveva inviato all’avvocato Frattini accogliendo così la sua richiesta, ovvero il fatto che non fosse obbligato a pagare il tributo perché i suoi immobili di via Pradello, via Verdi e piazza Cavour (essendo a monte dei due canali artificiali costruiti per evitare allagamenti) non traevano beneficio diretto dalle opere del Consorzio. Finora la commissione tributaria aveva sempre respinto i ricorsi degli utenti perchè aveva stabilito comunque che qualsiasi immobile avrebbe potuto trarre beneficio dalle opere di regimazione idraulica attuate dal Consorzio.  E il piano di classifica – approvato dalla Regione dove vengono definite le zone e determinate le tariffe – non era mai stato impugnato davanti al Tar e così poteva funzionare da “prova” esonerando il Consorzio dal dover dimostrare il beneficio del ricavato dalla propria opera.
L’avvocato Frattini però non si è dato per vinto e ha nuovamente presentato ricorso alla commissione tributaria di Brescia che ha accolto le sue ragioni: il Consorzio deve dimostrare che gli immobili dell’avvocato Frattini abbiano conseguito un vantaggio diretto dalle attività di bonifica. Una sentenza che apre nuovi scenari: se fino ad oggi toccava all’utente dimostrare che questo vantaggio non c’era, ora la situazione si è ribaltata e apre la strada a tutti coloro che intendono opporsi al pagamento della cartella esattoriale.
Dall’altra parte, però il Consorzio di Bonifica non ci sta e farà a sua volta ricorso contro la decisione della Commisione tributaria regionale di Brescia.    

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Giuseppe Allevi

    E’ L’ENTE PIU’ INUTILE DEL MONDO !!!!
    Viene svolta un’attività che potrebbe essere meglio realizzata dalla Provincia con il risultato di eliminare l’ennesimo ente inutile creato per dare qualche cadreghino in più.
    BASTA VEDERE QUELLO CHE SPENDONO PER l’HAUSE ORGAN CHE SERVE ESSENZIALMENTE AD INCENSARE SE’ STESSI.

  2. Scritto da un bergamasco

    Dimostri il consorzio la sua utilità. Siamo convinti che si tratti di un ente parassitario, la sua conservazione è un ulteriore onere e sopruso finanziario per il cittadino.

  3. Scritto da Valter Grossi

    Sono decenni che i Consorzi di Bonifica figurano nell’elenco dei cosiddetti “enti inutili” e che per ragioni clientelari i vari governi non hanno provveduto a scioglierli, trasmettendo le lorio competenze alle provincie.
    In tempi di crisi e di necessarie razionalizzazioni sarebbe bene farlo, non è mai troppo tardi!

  4. Scritto da bocagliù

    Ho abitato per 6 anni sopra il Morla. Dopo un violento temporale, sotto le mie finestre si è fermato un cadavere di vitello in avanzato stato di decomposizione. Ho interpellato il consorzio di bonifica per procedere alla rimossione visto il balzello pagato annualmente e loro hanno detto di rivolgermi al MAGISTRATO DEL PO. Ente parassita e inutile?? Direi che sono totalemnte inutili.

  5. Scritto da marilena

    spero proprio che questa volta il consorzio di bonifica venga eliminato per chi paga senza essere utente. Ricordo però più di 10 anni fa il comune di osio sotto(credo col sindaco monzani) aveva perso una causa contro questo ente parassitario e inutile che Moro insiste a difendere, naturalmente per convenienza delle tasche dei politici.

  6. Scritto da Cadrega

    Perchè non diventa una sezione amministrativa della provincia e si eliminano un pò di cadreghe ?